CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

NATALE 2005 ALL’ELBA

In camper

Il quadro si riempie sempre di più davanti a noi dei gibbosi contorni dell'isola a mano a mano che il traghetto avanza nello stretto braccio di mare. In alto le nuvole che fin dal mattino hanno scaricato pioggia ininterrotta mostrano ora mandorle d'azzurro intenso e una raggiera di sole scende a macchiare di blu un'acqua altrimenti color petrolio.

Fremiti d'acciaio, odore di nafta e, oltre il finestrone di spesso vetro, quattro gabbiani che si bilanciano immobili in formazione perfetta come aquiloni in gara. Mi godo intensamente queste prime ore di un intermezzo tanto atteso. Perchè il lavoro non ci ha risparmiati e perchè il viaggio ha anche carattere di test sia per noi come camperisti che per la nostra nuova casa su ruote.

Il lungo fiordo di Portoferraio c'accoglie, prima largo e verde di pini marittimi e macchia mediterranea poi sempre più stretto e denso di edifici che sui crinali s'affastellano e degradano a mare come gradinate d'anfiteatro. Alla nostra destra l'antica torre del Martello segna l'ingresso alla darsena, d'estate fitta di naviglio da diporto ma ora semideserta.

Prima tappa Marciana Marina, bella località e approdo protetto anche dalla tramontana che spesso batte la costa settentrionale. "Intra montes", appunto, nella lingua di Roma, cioè proveniente dalle montagne quindi da nord.

E' un bel borgo che fu un tempo di pescatori, Marciana Marina, e ora attrazione turistica. Case piccole e dai caldi colori mediterranei, i muri gialli e ocra e bianchi, i tetti rossi di coppi, strette tra la scoscesa parete di roccia e il mare da cui le divide il sottile braccio del molo. Due le spiagge, in ciottoli, quella della Fenicia e l'altra, davanti al lungo mare, detta del Cotone, l'antico riparo naturale per le imbarcazioni, separate e unite dalla bella torre saracena costruita dai pisani nel 12° secolo a difesa delle scorribande piratesche.

Il paese appare, come ogni luogo a vocazione turistica fuori stagione, sonnacchioso e semi-deserto. Come sempre in casi analoghi, un senso di leggera desolazione convive in me accanto al piacere di assaporare la tranquillità di luoghi altrimenti affollati e rumorosi.

Sistemato il camper in un parcheggio percorriamo a passi lenti le strette vie godendoci suoni, profumi e colori tanto diversi da quelli del nostro quotidiano.

Appena sotto il ciglio pietroso che divide la strada dalla spiaggia riposano in secca su puntelli di fortuna vecchie barche e scafi in corso di restauro. Cime tese e catene ne segnano le curve, ceste colme di reti odorano di pesce, come alcune cassette messe ad asciugare. Un vecchio dall'aria ancora solida sciacquetta con gli stivali di gomma in un palmo d'acqua e con gesti sicuri ripulisce alcuni pesci nella poca risacca della bassa marea.

Anche se un po' di sole filtra dalle nuvole, l'aria è fresca e la breve passeggiata ci ha portati la voglia di una bevanda calda, così, dopo aver approfittato dell'unico negozio aperto per completare la dotazione della cambusa e avere qualche informazione su un buon ristorante di pesce, rientriamo in camper dove ci aspetta una dozzina di libri.

L'interno del locale sembra privo di riscaldamento, così confidiamo nei cibi e in un buon bianco elbano per riscaldarci. Ottimi sia gli antipasti e inusuali rispetto ai soliti offerti nei locali turistici e ancora migliori i primi, tanto che mi faccio tentare dalla diffusa sensazione di benessere e ordino anche una frittura mista. So già che sarà buona quando la vedo arrivare tra le mani del proprietario del locale: bianca, spumeggiante e dall'aspetto asciutto e leggero. Tale infatti è, croccante fuori e morbida dentro e la mangio con le mani per gustarla meglio, senza neppure ungermi le dita, tanto poco è unta.

E' bello assaporare al meglio le possibilità offerte dalla mobilità della nostra casa su ruote; decidiamo perciò di non passare la notte nel parcheggio, ci spostiamo fuori dal paese e troviamo sistemazione in uno slargo della strada, a picco sul mare. Dopo un film in DVD e l'ennesima tisana, si conclude il nostro primo giorno all'Elba.

Un cielo plumbeo e vento a raffiche robuste ci accolgono al nostro risveglio e non fanno ben sperare per il proseguo della giornata ma noi, anche in armonia con il detto "meglio un giorno di pioggia in vacanza che il sole quando si lavora", ce ne freghiamo e proseguiamo verso Capo Sant'Andrea, dove la strada corre alta sulle rocce e l'isola offre scorci selvaggi e una natura ancora incontaminata.

Dopo alcune frazioni sul mare che appaiono deserte e i pochi negozi chiusi, superiamo Pomonte e arriviamo nella splendida piccola baia di Fetovaia, ben protetta dal lungo dito roccioso dall'omonima punta. Lasciato con qualche difficoltà il camper lungo la stretta strada, scendiamo verso la spiaggia per un sentiero che corre tra ammassi di fichi d'india dai frutti incredibilmente maturi e rosmarini fioriti (il 27 dicembre!). Tutto sbarrato: case, bar sulla spiaggia, noleggio barche, tutto è silenzioso. Dopo alcune foto, superiamo con un salto il rigagnolo che si è aperto la strada tra la sabbia della riva e risaliamo per proseguire, questa volta verso Marina di Campo e il suo grande golfo, che vanta la più lunga spiaggia dell'isola, 1500 metri, dominato dall'ennesima torre pisana.

Un breve giro ci permette di visitare il centro storico tutto raccolto attorno al porticciolo e di fare acquisti in un'enoteca dove una ciarliera signora ci illustra nei particolari più minuziosi la produzione enoica di quest'isola che per clima e natura sembra proprio un lembo di Sicilia trasportato al nord.

Pochi chilometri più avanti, superate le mille pieghe di un territorio segnato di continuo da avvallamenti e gobbe e ricoperto da una vegetazione lussureggiante e splendida, scendiamo verso Lacuna, seconda delle tre baie che contraddistinguono la costa meridionale dell'isola. Una baia sabbiosa, limitata da Capo di Forza e da Capo della Stella. Lascio camper e moglie sotto un grande pino marittimo e a piedi scendo verso il mare che una sequenza ininterrotta di proprietà private e di campeggi chiusi lasciano solo intravedere. Anche qui serrande chiuse e porte profondamente segnate dalla salsedine. Ogni anfratto, ogni più piccola rientranza è stata riempita dalla sabbia portata dal vento, da una duna in miniatura spunta in verticale un sandalino giallo e un vecchio gatto chiazzato di marrone fissa con occhi come fanali due gabbiani che zampettano tra gli sterpi della riva. Provo a chiamarlo, lui si gira, si abbassa sulle zampe e schizza via tra due catamarani dall'aria vetusta e stanca.

Prima del tramonto facciamo sosta oltre Golfo Stella, sul largo piazzale del cimitero di Capolivéri, piccolo borgo alle pendici di Monte Calamita che forma la propaggine più meridionale dell'isola.

La mattina dopo, come sempre mi alzo prima di Anna e, attento a non svegliarla, salgo a piedi i bassi gradini adatti anche al passaggio dei cavalli e arrivo alla piccola piazza cui tutte le strette vie del paese sembrano confluire. Anche qui durante la notte il vento ha imperversato: dai rami di un geranio pende vuota una sottoveste e ovunque vedo cartacce, lattine e bottiglie di plastica. Nell'unico bar della piazza mi godo un orzo bollente e sfoglio un quotidiano che parla di neve perfino sul litoraneo di Piombino e temperature bassissime. Solito record di Livigno, con meno ventisei.

Sento rumori provenire dal camper e difatti trovo Anna alle prese con i fornelli e con gli spazi ristretti di una realtà che non le è congeniale. Ne spio i movimenti cauti, lenti anche di un sonno che in lei ogni mattina esita a disperdersi, poi preparo arance e biscotti, mentre pochi metri più in là il paese piano piano prende vita.

Superiamo Porto Azzurro dopo una visita resa breve da un'insistente pioggerella gelata che non invita al passeggio e proseguiamo per Rio Marina, risalendo la costa verso nord. Il terreno, bruno rossiccio e saturo di ossidi di ferro, e le installazioni rugginose di un paio di miniere raccontano una realtà antica legata allo sfruttamento dei giacimenti ferrosi già in epoca romana. Superiamo baracche fatiscenti, vecchi rimorchi, carrelli, un bull dozer senza gomme, mucchi di traversine, travi e putrelle cui un denso strato di polvere ha conferito lo stesso identico colore. Una struttura metallica si protende alta sul mare dalle rocce e pare il becco adunco di un rapace nato dalla fantasia di un artista contemporaneo.

Lasciato il nostro mezzo nel piccolo parcheggio del lungo mare percorriamo rapidamente il molo spinti dal solito vento gelido; arriviamo all'estremità dove arrugginisce un vecchio pezzo d'artiglieria navale poi rientriamo di corsa al camper, soddisfatti di aver "fatto il nostro dovere". E' quasi ora di pranzo, però, e il cuoco non ha molta voglia di esibirsi. Mia moglie se ne accorge e propone di cercare un ristorante. Il mio solito sistema per trovare il locale giusto funziona ancora e un barista dall'aria sveglia ci conferma che se la cucina di casa sua fosse inagibile si rivolgerebbe a quella della Strega, un piccolo locale pochi metri più in là. Detto e fatto e dieci minuti dopo un garbato ragazzino ci propone uno dei 6 tavoli e qualche invitante piatto di pesce. Eccellente la selezione di crudité di mare e abbondante: tonno, pesce spada, saporite salse e la novità, per noi, di una "soppressata di polipo". Il tutto tagliato sottilissimo e condito con un eccezionale olio d'oliva che sembra appena … sceso dall'albero! A seguire, un trancio di tonno alto due dita e grigliato a regola d'arte. Il pane proviene caldo caldo dal forno del locale ed è tanto gustoso che ne chiediamo un secondo cestino.

L'ottimo cuoco, Marco, ai miei complimenti si schernisce e con garbo li rifiuta attribuendo ogni merito alla freschezza delle materie prime utilizzate. Da lui ottengo l'indirizzo di un piccolo produttore di Aleatico, il vino passito tipico dell'Elba.

Dopo un pomeriggio dedicato all'ozio più indecente decidiamo di trascorrere l'ultima notte sull'isola a Cavo, piccolissimo porto e borgo di pescatori, a pochi chilometri da Capo Vita, che rappresenta il punto più vicino al continente, da lì raggiungibile in 15 minuti di aliscafo.

Il mare è a due metri esatti (misurati a passi) dal camper, quando lo parcheggio all'estremità del lungo mare. Davanti è il porticciolo e, più oltre, il breve promontorio su cui sorgono le rovine di una villa d'età augustea.

Sdraiati sul letto, sorseggiamo un thè osservando dalla lunga finestra accanto a noi il mare che scurisce al progredire del tramonto e, poche miglia lontano, il profilo della costa Toscana e le luci di Piombino.

A Marciana Marina, Ristorante Rendez Vous, sul lungomare - Tel.0565 99251- lucagianland@tiscali.it. Il conto per un'eccellente cena di pesce completa di vino in bottiglia, è sui 50 euro a persona ma se amate come noi il pesce, credete che ne vale la pena. Conviene prenotare, perchè i tavoli sono pochissimi.

A Rio Marina, Ristorante La Strega da Oreste, accanto al lungomare - tel. 0565 962211. Una cena di pesce vi costerà, vino incluso, dai 35 ai 45 euro.

A Porto Azzurro mi hanno segnalato il Ristorante da Floriano e a Marina di Campo Il Cantuccio ma non abbiamo fatto in tempo a collaudarli: provateli voi!


Viaggio effettuato da Alberto Angelici a Natale 2005

Potete trovare ulteriori informazioni sulle località toccate da questo itinerario nella sezione METE, e i più recenti aggiornamenti alla situazione delle aree di sosta nella sezione AREE DI SOSTA.


Camper nuovi disponibili in pronta consegna
679 nuovi in pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Accessori in primo piano
VICTRON ENERGY BMV-700 BATTERY MONITOR VICTRON ENERGY BMV-700 BATTERY MONITOR
PER IL MONITORAGGIO PRECISO DELLA BATTERIA. "...
www.camperonsale.it
VICTRON ENERGY BLUE POWER IP65 CHARGER 12/7 CARICABATTERIA PORTATILE 7 A VICTRON ENERGY BLUE POWER IP65 CHARGER 1...
CARATTERISTICHE TECNICHE: tensione in ingress...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina