CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Eurotour 2004

Eurotour 2004


Austria, Germania, Polonia, Repubblica Ceca

Periodo del viaggio 06/08/04 - 27/08/04 (21 giorni)
Pubblicato da lucyfantasyVisita il profiloContattaInvia una mail il

Resoconto del viaggio

EURO TOUR 2004 - Repubblica Ceca, Austria, Germania, Polonia

Diario di bordo di Enry e Lucy

Itinerario
Repubblica Ceca, Austria, Germania, Polonia.
Periodo
Dal 6 al 27 Agosto 2004.
Equipaggio
Lucia: Io, La scribacchina di bordo, nonchè infallibile navigatrice!
Enry: Instancabile pilota nonchè, all'occorrenza, scribacchino in seconda.
Daniele: Anni 11, ha scritto anche lui, "volontariamente" il suo diario di bordo... ne citerò qualche osservazione.
Milena: Anni 5, la regina indiscussa del camper!
Mezzo
Mansardato Elnagh Poker 1995.

EURO TOUR 2004

Prefazione Non ci posso credere! Finalmente il viaggio sognato da quando ho il camper... un tour dell'Europa... il mio sogno.... E per godercelo in pieno, abbiamo iniziato a parlarne, e a programmarlo 3 mesi fa: abbiamo cambiato itinerario mille volte, visitato centinaia di siti di campeggi, musei, parchi, uffici turistici... abbiamo letto decine di diari di bordo di altri camperisti... e alla fine abbiamo scelto il nostro... Bellissimo!!! Insomma... tutto perfettamente organizzato. Itinerario stabilito, campeggi segnati, Km calcolati, soste pianificate... ci siamo scordati solo un piccolo dettaglio... i Passaporti!! Infatti, un paio di giorni prima di partire mentre mettevo a posto i documenti dei bambini (quei certificati validi per circolare nella comunità europea) mi sono accorta che sono validi nei paesi che lo scorso anno erano nella comunità europea (avendoli fatti lo scorso anno). Così, mi sono informata su internet e ho scoperto che la Rep. Ceca e la Polonia, accettano la carta d'identità per gli adulti ma che vogliono ancora il passaporto per i minori... wow... bella scoperta 2 giorni prima di partire... A questo punto avevamo 2 scelte: o cambiare tutto l'itinerario, o fare finta di niente e sperare nella nostra buona stella e in doganieri ben disposti nei confronti dei turisti comunitari. Beh... naturalmente la soluzione n.1 era improponibile... quindi eccoci qua: con un meraviglioso itinerario organizzato sotto ogni aspetto... e senza la certezza di poterlo realizzare.... ma noi siamo positivi!

Venerdì 6 Agosto 2004. Il camper è carico come non lo è stato mai in tutta la sua vita e un po' mi preoccupa (ma questa è la mia famosa "ansia da partenza") propongo di lasciare a casa le bici e rischio il linciaggio... ok ok... partiamo! Sono le 16.30 e partiamo da Uzzano (Pistoia). Facciamo una sosta prima di Bologna e scopriamo che l'armadio si è trasformato in un enorme ammasso di abiti: si è rotto il gancio che regge la barra appendiabiti! Ripartiti senza perdere il nostro entusiasmo e continuato il viaggio fino all'ora di cena. Cenato in camper e messi a nanna i bimbi. Noi siamo ripartiti e abbiamo guidato ancora un paio d'ore per risparmiare qualche Km con i bambini svegli l'indomani. Ci siamo fermati a dormire nell'ultimo autogrill prima della frontiera austriaca (Tarvisio).

Dal diario di Dany:"Oggi siamo partiti alle 4.30 del pomeriggio con il camper. Quando siamo partiti ho letto il nostro itinerario e ho visto che si andava in dei bei posti. Io sono molto emozionato. Dopo un po' del viaggio ci siamo fermati ad un autogrill dove c'era un negozio e un parco giochi. Ci siamo sfogati un po' e siamo partiti. Di sera ci siamo fermati ad un altro autogrill dove abbiamo mangiato e dopo mangiato siamo andati a letto."
 

Sabato 7 Agosto - Liechtensteinklam. Stamani siamo stati svegliati alle 8 dal comitato sveglia composto da una comitiva che si è riunita proprio davanti al nostro camper per scambiarsi una ventina di buongiorni! Fatta colazione, messo gasolio e per le 9,15 eravamo di nuovo in strada. Abbiamo fatto un po' di coda prima dell'ingresso nei 2 tunnel ma il meraviglioso panorama ci ha fatto volare il tempo. La nostra prima tappa è una visita all'orrido di Liechtensteinklamm, che si trova prima di Salisburgo, ben segnalato dalla A10. Ci siamo fermati nel parcheggio dei bus (gratuito) e proprio davanti all'ingresso, dove abbiamo pranzato bevendo un po' dell'acqua ghiacciata che sgorgava da una sorgente proprio nel parcheggio. Dopo pranzo abbiamo fatto i biglietti per la visita all'orrido (2,30 € gli adulti, 2,00 € il bimbo e gratis la piccolina) e ci siamo messi in marcia. Si entra in un sentiero recintato, tutto in legno, che scorre lungo le pareti di roccia. Un panorama mozzafiato! Stupendo: il sentiero passa da un lato all'altro dello strapiombo, con vari ponti sospesi diversi metri sopra le acque scroscianti... un boato incredibile lungo tutto il tragitto... tunnel scavati nella roccia... e alla fine una cascata... stupenda. E come ciliegina sulla torta... un frescolino incredibile! Il tragitto non è molto lungo, in un'ora siamo andati e tornati. Ci siamo fermati per un gelato ad un piccolo giardino, davanti la biglietteria, dove c'erano un paio di giochini per i bambini e dove, la Mile e Dany sono pure riusciti a litigare per il "possesso" di una roccia! Siamo ripartiti verso le 15.40 e, visto che era presto, ci siamo fermati a Salisburgo. Dopo un po' di giri per il centro, siamo riusciti a ritrovare il parcheggio davanti alla birreria "Augustiner", proprio sotto le mura (3,50€ per 2 ore). Ci siamo fatti una bella passeggiata lungo il fiume che porta al centro dove c'era un mercatino di oggetti artigianali, veramente carino e dove ci siamo concessi un Krapfen - Bretzen, praticamente una ciambella fritta e zuccherata, ma fatta a forma di un enorme Bretzen...mmmm... Al rientro siamo passati dentro la stupenda birreria, ma i bimbi erano stanchi, Enry non beve... e io mi sono rassegnata a rinunciare alla meravigliosa birra che zampillava diretamente dalle botti in calici ghiacciati!!!! Per cena ci siamo fermati in un autogrill dopo Salisburgo, proprio sul confine con la Germania. C'erano giochi per bambini e così, dimenticata la stanchezza, si sono scatenati ben benino mentre noi preparavamo la cena in camper. Dopo cena, si sono subito addormentati e noi abbiamo raggiunto in tutta tranquillità il campeggio di Monaco. Incredibile ma lo abbiamo trovato al primo colpo, grazie alla cartina del sito del camping e ad Autoroute. Il campeggio è lungo il fiume, a sud del centro. Si chiama "Campingplatz Thalchirchen". Ci siamo fermati fuori per la notte, lungo la strada.

Domenica 8 Agosto - Monaco. Sveglia alle 8.30 dopo una notte bella fresca... Entrati nel Campeggio. Il posto non è dei più belli che ci sia mai capitato di vedere: sembra un parcheggio, le piazzole sono piccole, e i camper attaccati l'uno all'altro. Ci sta giusto nel mezzo il tavolino... almeno quello! In compenso però costa pochissimo se paragonato ai nostri in Italia (20,40 € a notte per 4 persone e un camper, inclusa la corrente!) Abbiamo fatto colazione nel nostro piccolo spazio fuori dal camper e, scese le bici e indossati i caschi per i bimbi, siamo partiti. La piccolina naturalmente viaggia a scrocco sul seggiolino della mia bici! Sulle varie guide avevamo letto che Monaco è il paradiso dei ciclisti... beh... non è una bugia!! Dal nostro campeggio c'era una bellissima pista ciclabile che, sulle rive del fiume, coperto dalle fronde degli alberi, porta fino in centro. Anzi... per l'esattezza non c'è una pista.. ce ne sono almeno 10... tutte diverse, non siamo mai riusciti a fare la stessa strada due volte in tutti e 3 i giorni di permanenza qua!! Anche dentro tutto il centro ci sono le piste riservate ai ciclisti, Dany era pazzo di gioia!! La Mile si è goduta dal suo seggiolino tutta la nostra passeggiata di circa un'ora per raggiungere il centro (con varie soste foto e commenti sul paesaggio). Parcheggiato in uno dei tanti posti con i fermabiciclette e arrivati proprio alle 12.05 in centro, precisi per beccare l'orologio che suona con la processione delle figure e la musica delle campane. I personaggi sono belli, ma le campane hanno un suono orribile!!! Finito lo spettacolo abbiamo trovato l'ufficio informazioni turistiche che la domenica è chiuso (incredibile!). Per fortuna è aperto quello della stazione e così, riprese le bici, siamo andati fino là per farci dare un po' di materiale su quello che Monaco offre ai turisti. Ah, all'ufficio informazioni volevano 1 € per l'opuscolo dei musei, ma, dopo breve consulto, ci hanno detto che oggi era gratis... mah! Comunque... dopo il pranzo a Burger King (chi ha figli mi capirà...) e una studiatina dell'opuscolo, abbiamo optato per lo Stadtmuseum che, proprio la domenica è gratuito! Ci sono diverse sale con diversi argomenti, tra cui, le più interessanti sono quelle sulla storia del Nazismo e la sala delle Marionette. Per quanto riguarda la prima... beh... era tutto in tedesco! Ci siamo impegnati molto per cercare di capirci qualcosa, ma, l'unica cosa che abbiamo notato, è che nell'insieme c'erano un sacco di immagini sulle varie manifestazioni, e pochissime sui deportati... e comunque... neanche una parola in inglese! La sala dedicata alle marionette invece era tutta un'altra cosa. Una bellissima raccolta di marionette di diverse epoche e, alla fine, due specchi deformanti che ci hanno tenuti fermi diverso tempo a ridere come matti! Usciti di là siamo tornati a Burger King, dove i bimbi avevano visto delle granite blu che avevano "prenotato" per merenda. Con lingue e bocche completamente blu, siamo andati a visitare il molto pubblicizzato, museo dei giocattoli. A parte il fatto che è su una torre , che abbiamo dovuto salire 5 piani di scale a chiocciola, che c'era un caldo soffocante, che su ogni piano c'era una microscopica saletta piena zeppa di orsacchiotti (i famosi Teddy Bear), che, a differenza di quanto pubblicizzato, non c'era neanche una barbie, che la visita è durata meno di 20 minuti nonostante abbiamo guardato con impegno orso per orso e che i bimbi erano visibilmene delusi e annoiati... beh... apparte tutto questo... abbiamo sprecato solo 6 € con il family ticket! Per riprenderci dalla delusione e risollevare il morale familiare, abbiamo ripreso le bici e abbiamo fatto una bellissima passeggiata attraverso i giardini reali, e davanti al teatro. Poi, mentre tornavamo verso il fiume per il rientro, abbiamo visto un gruppetto di persone che guardavano giù da un ponte e ci siamo fermati a curiosare. Eravamo ai giardini e abbiamo scoperto una cosa buffissima di Monaco: nei vari canali, del fiume che la attraversa (e anche lungo il fiume stesso) ci sono dei punti dove ci sono delle cascatelle d'acqua, e dove i ragazzi... fanno surf!!! Incredibile e buffissimo! Siamo rientrati al campeggio, notando tra l'altro altri surfisti delle cascatelle, abbiamo cenato, medicato la Mile che si è sbucciata mani e ginocchia mentre correva per il campeggio (è sempre per terra lei... ovunque), scaricato le foto sul pc e organizzato la giornata di domani mentre i bambini hanno scorrazzato felici per il campeggio facendo amicizia con altri bambini italiani.

Lunedì 9 Agosto - Monaco. Sveglia alle 8.30 (Dany è una sveglia precisissima) e solita colazione al frescolino fuori dal camper. Da sottolineare che da ieri sera abbiamo messo le coperte nei letti perchè la notte è piuttosto fresco... dimenticate le notti soffocanti italiane. Verso le 9.30 abbiamo inforcato le bici e siamo ripartiti verso il centro. Fatto un altro bellissimo sentiero nel bosco lungo il fiume, stupendo davvero. Arrivati in centro siamo andati a visitare la residenza reale. Un immenso palazzo nel centro di Monaco. La cosa buffa è stata che, siccome il posto è grandissimo (più di 130 stanze da visitare), il museo è organizzato in modo che al mattino sono aperte alcune stanze e il pomeriggio altre. Naturalmente il tutto è scritto in tedesco e quindi noi non avevamo capito. Così è successo che noi, essendo nell'orario di pranzo, quindi durante l'orario del cambio di percorso, siamo tornati casualmente indietro per vedere delle stanze che avevamo saltato (e che forse avevano appena aperto) e ci siamo poi trovati davanti un percorso completamente diverso. Non ci capivamo più niente, nessuno parla nessun'altra lingua all'infuori del tedesco... così abbiamo rivisto un po' tutto, e credo, che nel totale, abbiamo visto più o meno tutte le stanze visitabili! Inutile dire che tutto il palazzo è stupendo (tesoro reale incluso) anche se le stanze sono state ricostruite quasi tutte in seguito ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, e i gioielli sono in maggioranza incastonati di pietre false, in quanto le vere, se le sono vendute gli ultimi discendenti delle famiglie reali! Il mega-giro è finito verso le 14.00 e siamo usciti completamente affamati! Abbiamo ripreso le bici e ci siamo fermati al parco per mangiarci i panini che ci eravamo preparati in camper con la spesa fatta ieri. Ci siamo divertiti ad osservare i surfisti e la gente che si getta nel canale e si fa trascinare dalla forte corrente fino al laghetto finale... buffissimi! Anche se il colore verdastro delle acque non ci ha fatto desiderare neanche per un momento di imitarli!!! Dopo un po' ci siamo diretti verso la famosa birreria HB... e l'altrettanto famoso biergarten estivo con tanto di orchestrina tradizionale e venditrice di Bretzen in costume! Finalmente mi sono gustata una meravigliosa, buonissima e ghiacciata birra bavarese!!! Gli altri 3... tutti analcolici... si sono presi 3 cola-mix (un intruglio di coca e aranciata) e un paio di Bretzen. Dopo un giretto della zona, abbiamo ripreso le bici e siamo tornati al camper, con giretto in periferia e piccola spesa ad un market. Abbiamo anche cercato, inutilmente il gancio per l'asta dell'armadio in quanto abbiamo sempre il camper invaso dai vestiti caduti! Per cena abbiamo cucinato delle bistecchine appena comprate marinate nella paprika... non abbiamo idea di che animale fosse... ma erano buonissime e tenere come il burro! Dopo cena abbiamo deciso di sistemare il gancio con l'attack, visto che non siamo riusciti a trovarne uno nuovo! Vediamo quanto dura. I bimbi, ormai padroni del campeggio, hanno scorrazzato fino a buio, dopo di che il freddo li ha riportati in camper e a nanna!!

Dal diario di Dany:"Oggi quando ci siamo svegliati siamo andati a vedere il museo della residenza della famiglia reale che si divideva in due parti. La prima (la mia preferita) er quella riguardante il tesoro, cioè corone anelli ecc. Di questa parte del museo non saprei dire la cosa che mi è piaciuta di più, era tutto molto bello e impressionante. La seconda parte riguardava gli arredamenti e non mi è piaciuta tanto. La cosa buffa è che il tragitto dopo un po' cambia e quindi, visto che eravamo ancora lì, ci siamo persi. Dopo aver trovato l'uscita siamo andati al parco a mangiare."

Martedì 10 Agosto - Monaco La nostra sveglia umana ha funzionato perfettamente anche oggi e, dopo la solita colazione, ci siamo messi i costumi e abbiamo deciso di adeguarci alle usanze tedesche e ci siamo diretti sulle rive del fiume. Abbiamo scelto un angolino tranquillo con l'acqua bassa e ci siamo sistemati. Dopo un po' è iniziata ad arrivare altra gente e ci siamo accorti di essere nel bel mezzo di una spiaggia nudista!! (anche se c'è da dire che qua si spogliano un po' dappertutto) Non ci siamo adeguati all'ambiente circostante, e abbiamo tenuto i nostri costumi addosso! Dopo un po' ci siamo fatti coraggio e ci siamo decisi ad entrare in acqua! I bimbi non hanno avuto nessun problema, loro prendono e saltano in ogni pozza d'acqua che trovano, senza problemi di sbalzi termici! Per noi grandi è stata un po' più dura, anche se, devo dire, che la sensazione del corpo che perde sensibilità a causa dell'acqua ghiacciata, è bellissima!! Siamo rientrati per pranzo e dopo fatta la doccia, pulito il camper, fatto carico e scarico, siamo ripartiti con destinazione Berchtesgaden. Siamo arrivati davanti alle miniere di sale verso le 17 e, visto che il parcheggio costava ben 13€ (ne abbiamo pagati 18 in campeggio!!!), siamo ripartiti in cerca di un posto tranquillo dove passare la notte. Abbiamo trovato un parcheggio davanti ad un market in un paese vicino e ci siamo fermati per la notte.

Dal diario di Dany:"Stamani, dopo colazione siamo andati al fiume. L'acqua era gelida ma noi siamo riusciti comunque a fare il bagno. La spiaggia era infestata dai nudisti"...

Mercoledì 11 Agosto - Berchtesgaden Stamani, dopo colazione siamo tornati al famoso parcheggio a pagamento (3€ per 3 ore... meglio...) davanti alla miniera. Fatti biglietti (36€ il family ticket... ) ed entrati. Ci hanno messo abiti da minatore (sudici e insopportabilmente puzzolenti...) e ci hanno fatto salire a cavallo di un trenino che ci ha portati diversi metri sotto terra nella miniera. La cosa positiva di questo giro è stata che, la guida naturalmente parlava solo in tedesco, ma c'erano degli altoparlanti che, quando aveva finito, venivano azionati e parlavano ognuno in una lingua diversa. Bastava scegliere quello con la bandierina italiana! La visita è piaciuta molto ai bambini in quanto fanno scivolare per ben 2 volte su lunghissimi scivoli in legno, fanno fare una traversata su un battellino in un lago sotterraneo e naturalmente il giro con il trenino all'andata e al ritorno. Io l'ho trovato veramente poco conivolgente e suggestivo. Le informazioni che davano erano troppo tecniche e troppo poco interessanti. Alla fine del giro ci hanno regalato in mini-barattolino del sale che viene prodotto in quella miniera (che è funzionante). Buffissimo, i chicchi sono tutti piccoli cubi... non ne avevo mai visto di simili! Siamo ripartiti, e, visto che era presto, ne abbiamo approfittato per fare un pezzo di strada anche prima di pranzo. La nostra tappa sucessiva doveva essere Cesky Krumlow, in Rep. Ceca, ma visti i problemi con i documenti, abbiamo deciso di andarci quando saremo già in Rep. Ceca, in modo da diminuire 2 passaggi alla frontiera. Così la spostiamo più avanti nel nostro itinerario e ci dirigiamo direttamente a Vienna. Abbiamo pranzato nel parcheggio di un autogrill e, per le 17,00 eravamo a Vienna. Ci siamo fermati in un parcheggio proprio difronte all'entrata di Schonebrum, la residenza estiva degli Asburgo e della famosissima principessa Sissi! I musei (costosissimi) erano già tutti chiusi (sono diversi itinerari) e così ci siamo "accontentati" dei meravigliosi (e gratuiti) giardini, i quali, oltre ad essere incredibilmente belli e panoramici, ci hanno riservato una bellissima sorpresa: gli scoiattoli! C'erano un sacco di scoiattolini e una signora gentile ha dato delle noccioline ai bambini che hanno passato le successive 2 ore a cercare di adescarli. Siamo riusciti tutti a dare la nostra nocciolina a diversi scoiattolini, tutti meno la Mile... lei si emozionava quando si avvicinavano e non riusciva a stare ferma... iniziava a saltellare felice e li faceva immancabilmente scappare! Finite le noccioline, siamo tornati al camper per la cena, e dopo aver sistemato i bimbi per la notte, siamo andati in cerca del campeggio, che abbiamo naturalmente trovato subito grazie al mio innato talento di navigatrice. Abbiamo parcheggiato accanto ad un distributore proprio davanti al campeggio e abbiamo passato la notte lì.

Giovedì 12 Agosto - Vienna Entrati nel campeggio "Aktiv Camping Neue Donau" (33 € per una notte, 4 persone, 1 camper e la luce), che si trova su una collinetta proprio sulle rive del Danubio, a 8 km di piste ciclabili dal centro. Fatta colazione, prese le bici e partiti per il centro. Attraversati 3 ponti sul Danubio (immenso!) sulle piste ciclabili che corrono proprio sotto i ponti stradali o ferroviari... (ci sono dei ragni orribili!!) Poi abbiamo attraversato il Prater, dove siamo stati costretti a fermarci ad uno dei tanti parchi gioco per bambini. Ripartiti e arrivati in centro. Breve e infruttuoso giro all'ufficio informazioni turistiche e pranzo da Mc Donald, per la pace familiare. Dopo pranzo giro fra i meravigliosi palazzi imperiali con la solita carrellata di foto. Abbiamo anche deciso di tentare nuovamente la fortuna con un Museo dei Giocattoli (vedi orribile esperienza di Monaco). Il museo era nascosto in una palazzina in ristrutturazione dove, grazie alle indicazioni dei muratori, ci siamo avventurati con il timore di vederci crollare qualcosa in testa, in mezzo a impalcature e tavolati vari. Ci è costato circa il doppio di quello di Monaco (11,50€ per il family ticket), ma in compenso era più piccolo, anche se i giocattoli erano un pochino meglio. Comunque abbiamo deciso che non ripeteremo mai più l'esperienza di un museo dei giocattoli!! Questo era l'ultimo. Fine! Abbiamo poi visitato la meravigliosa Abbazia (gratis), preso un gelato e riprese le bici. Al ritorno altra sosta forzata al Prater, dove Dany aveva visto stamani una pista sterrata per Biciclette, e dove ha passato un po' di tempo a salire e scendere da montagnette e tavole mobili! Devo sottolinerare che il Prater è pieno di punti gioco per i bambini, tutti gratuiti naturalmente, molto carini e ben tenuti. Mentre rientravamo al campeggio abbiamo visto uno scivolo enorme sul Danubio, tipo i trampolini da sci, dove alcuni temerari si lanciavano con degli snow-board da un'altezza spaventosa, finendo nel fiume. Poi ci siamo fermati a telefonare ad una cabina... infestata da ragni orribili e piuttosto grassoccelli... che ci ha costetti ad una rapida e nervosa telefonata in piedi fuori dalla cabina! Siamo rietrati al campeggio fradici di sudore per il caldo terribile e ci siamo fatti tutti una bella doccia, tiepida e gratuita! (con un occhio ai ragni appesi al soffitto..) Rientrati al camping ho lasciato Dany ed Enry a pelare patate (stasera cena salutare a base di verdure) e io sono andata al penoso reparto lavanderia dove c'è una sola lavatrice (e anche qua, diversi ragni...). Ho lavato un po' di roba a mano e ho dovuto aspettare più di 40 minuti per la lavatrice. Non so come abbiamo fatto a sporcare una simile montagna di roba in così pochi giorni, fatto sta che c'erano più panni da stedere che gancini... insomma... un macello! E per finire in bellezza poi, il tempo si è ribellato al mio bucato: all'inizio è cominciato con un bel vento che faceva ben sperare per una rapida asciugatura, poi però è iniziata la tempesta con raffiche di vento e sferzate di pioggia che ci hanno costretti a ritirare in tutta fretta i panni ancora bagnati e ad invadere il camper. Abbiamo passato la notte sballottati da un vento incredibile che faceva ondeggiare il camper e temere per l'arrivo di qualche albero volante!

Dal diario di Dany: "Quando ci siamo svegliati abbiamo preso le bici e siamo partiti. Quando siamo arrivati in paese"... Vienna... paese....

Venerdì 13 Agosto - Vienna. Stamani ci siamo svegliati in un'altra stagione. Ieri c'erano 40°, oggi arriviamo a malapena a 20! Il campeggio si è spopolato: sono scappati tutti! Ieri sera era appena arrivato un gruppo di scout italiani che avevano piazzato le tende vicino a noi. Stanotte hanno smontato tutto e hanno dormito in pulman e stamani sono partiti subito. Io ho portato i panni bagnati nell'asciugatrice e li ho sistemati. In campeggio c'era un cartello con le previsioni di pioggia per tutta la giornata, quindi, visto che noi da qua ci possiamo muovere solo con le bici, abbiamo deciso di uscire dal campeggio ed avvicinarci in camper al prater per vedere se ci riesce fare una passeggiata nel luna park. Dopo aver girato in torno per più di 1/2 ora, a causa dei sensi unici, abbiamo parcheggiato proprio sotto la ruota del prater in un parcheggio gratuito. Abbiamo mangiato i panini preparati in camper e abbiamo passato tutta la giornata in giro per il Prater... sotto un sole cocente! Dopo aver girato il parco in largo e in lungo (solo guardare.. visti i prezzi assurdi delle attrazioni), i bimbi si sono messi a giocare a dei bellissimi giochini in legno proprio sotto la ruota panoramica e io ed Enry ci siamo seduti ai tavolini sotto la ruota e abbiamo preso 2 fette della famosa Sacher torta con panna e un cappuccino viennese (con panna pure lui!), non potevamo ripartire senza averlo fatto!!! Dopo aver visitato altri 2 parchi giochi, abbiamo deciso di non rimanere un altro giorno a Vienna (a causa dei ragni?... ehm...) ma di partire prima, e così ci siamo diretti con un giorno di anticipo, verso la parte più eccitante del nostro tour: la Repubblica Ceca e la Polonia! Dopo pochi Km siamo arrivati alla prima prova: l'ingresso in rep. Ceca. A differenza del resto dell'Europa, lì c'è ancora la frontiera, doppia! A quella austriaca ci hanno solo dato un'occhiata veloce e ci hanno fatto passare, a quella Ceca, invece ci hanno chiesto i documenti e ci hanno guardato in cagnesco. Non ci ha chiesto se eravamo solo noi e noi abbiamo fatto finta di nulla visto che i bimbi dormivano e lui non li ha visti. Così, abbiamo fatto il nostro ingresso clandestino in Rep. Ceca! Ci siamo fermati per cena in un centro commerciale all'ingresso di Brno dove abbiamo cambiato le nostre prime corone e dove abbiamo fatto il nostro primo incontro con i prezzi incredibilmente bassi della nazione. Anche se la roba elettronica (play station, computer, cellulari...) è più cara che da noi. Siamo ripartiti dopo cena e siamo arrivati per la notte fuori dallo Skansen di Roznov Pod Radhostem, la nostra tappa di domani.

Sabato 14 Agosto - Roznov Pod Radhostem Qua c'è un bel fresco! Stamani, dopo esserci coperti bene con maglie, magliette, impermeabili e ombrelli, siamo entrati nello skansen. Lo Skansen è un museo all'aria aperta della vita e la cultura del popolo Valacco. Hanno riunito case, smontate nelle campagne e rimontate qua. Alcune case sono adibite a ristorantini, altre sono arredate con oggetti originali della vita valacca del 1500. Ci sono personaggi in costume che rievocano cerimonie, battaglie e mestieri dell'epoca e tutta una serie di bancarelle che vendono prodotti tipici e fatti a mano! Bellissimo!! Siamo partiti con gli assaggi: per primo abbiamo preso delle trecce di formaggio, fatte con fili sottilissimi di un formaggio salatissimo. Dopo abbiamo provato delle torte dolci, tipo pizze, fatte con ricotta e con un, non ben idetificato, derivato della birra... buone! Poi ho assaggiato un liquore caldo al miele e un pacchetto di noccioline caramellate per i bambini. Poi abbiamo proseguito con i souvenir: saponette fatte e intagliate a mano, cintura in pelle per Enry, spade in legno per i bambini, una pallina in paglia (bellissima) per l'albero di Natale, e cuori dolci lavorati con la glassa da riportare alle mamme. Il tutto spendendo meno di 40 € compresi gli ingressi e le cartoline! Mi piace fare la turista qua!! Abbiamo visitato tutte le casine e guardato diversi spettacoli, il tutto sotto una pioggia torrenziale alternata a brevissime schiarite. Bello ma umido... speriamo di non ammalarci! Siamo ritornati al camper con 2 bambini bagnati e felici con le loro armi nuove. Ci siamo asciugati bene, cambiati e siamo ripartiti. Durante il tragitto verso la Polonia ci è saltato per aria lo specchietto retrovisore sinistro (quello che ci aveva sistemato il carroziere prima di partire!!!!). Per fortuna Enry ha ritrovato il pezzo della vite che era finito in un fosso al lato della strada, e con una buona dose di nastro adesivo nero, abbiamo fatto una riparazione che ci assicura la tranquillità fino alla fine del viaggio... si spera! E ora la seconda prova: La dogana Polacca! Anche qua, due controlli, quello ceco e quello polacco. Alla frontiera Ceca ci hanno chiesto quanti eravamo e quindi abbiamo dovuto dire che c'erano anche i bambini e gli abbiamo passato i documenti. Ci hanno detto di accostare... e mentre il panico ci assaliva, è arrivato un tizio che ci ha restituito i documenti e ci ha fatto ripartire. Credo che semplicemente non sapesse cosa fare: se i documenti non erano validi non avremmo dovuto essere lì.... quindi, magari, ha solo mollato la rogna ai colleghi polacchi che, invece, non ci hanno neanche guardato. Siamo in Polonia!!!! E piove a dirotto! E le strade sono incredibili! La strada che arriva dalla frontiera, quella che praticamente collega la Polonia al resto dell'Europa, inizia come una normale autostrada, per poi finire dopo pochi km in una strada... sterrata!!! Poi riprende asfaltata e poi sterrata di nuovo... un macello terribile... e con quella pioggi poi... non si vedeva niente, c'erano addirittura dei tratti allagati! Per fortuna abbiamo trovato un centro commerciale a Bielsko Biala dove ci siamo potuti fermare per ripararci da una terribile tempesta d'acqua. Al centro Auchan abbiamo cambiato i nostri primi Zloti e abbiamo fatto un po' di shopping. Cenato, messi a nanna i bimbi e ripartiti. Abbiamo scoperto due cose della Polonia: Le indicazioni stradali sono difficilissime da seguire e le strade sono completamente dissestate. Addirittura nella maggior parte delle strade principali si vedono le tracce dei solchi lasciati dai mezzi pesanti. Per sapere in che paese siamo, poi, spesso, bisogna aspettare di uscirne, visto che ci sono quasi sempre i cartelli che indicano che stai uscendo da un posto, e quasi mai quelli che ti dicono che ci stai entrando. Ah... e abbiamo scoperto anche dove finiscono tutte le Fiat 126 e 127...!!! Comunque... in un modo o nell'altro, siamo riusciti ad arrivare ad Auschwitz, che non è segnalato in nessun modo e in nessun posto. Grazie alla guida sapevamo che dovevamo cercare Oswiecim, e quando lo abbiamo raggiunto, solo allora, abbiamo trovato un misero cartello che indicava il museo di Auschwitz. I camper possono entrare nel parcheggio, davanti all'ingresso del campo di concentramento. Se il cancello è chiuso, basta avvicinarsi e ti aprono. Il parcheggio è custodito e si pagano 2,72€ per 24 ore.

Domenica 15 Agosto - Auschwitz e Wielickza Dopo l'acqua di ieri, oggi finalmente ci siamo svegliati sotto un bel sole, anche se la temperatura rimane intorno ai 20°. L'ingresso al campo di concentramento di Auschwitz è gratuito. Siamo entrati la mattina e ci siamo rimasti fino all'ora di pranzo. Cosa dire di questa tappa del nostro viaggio? Difficile descrivere le sensazioni provate davanti a quei posti, a quelle baracche, a quei muri, a quel filo spinato, a quelle torri di vedetta…. Difficile guardare quelle strade e non pensare a tutti quei piedi che ci hanno camminato sopra, piedi scalzi, feriti, trascinati, piedi di uomini, donne… bambini…. Difficile guardare una stanza piena delle loro scarpe, delle scarpe che indossavano quando sono partiti ingannati dalla prospettiva di un posto dove poter vivere…. una stanza piena delle loro valige, una delle loro stoviglie…. una dei loro capelli (ne furono trovate 7.000 tonnellate alla liberazione… 7.000 tonnellate di capelli!)… Difficile entrare nella camera a gas, guardare il buco nel soffitto dal quale gettavano le lattine di Zyklon B e non sentire le loro urla, non immaginare le loro lacrime, le loro preghiere… Difficile guardare i forni crematori e non pensare a quei corpi, corpi di persone che potremmo essere noi, i nostri genitori, i nostri fratelli, i nostri figli… corpi trattati come spazzatura da smaltire… Difficile guardare tutte le foto… le migliaia di foto che tappezzano i vari Blok… e non sentire le loro voci, la loro rabbia, la loro impotenza, il loro dolore….Difficile… Difficile non immaginare quel dolore sul volto dei miei bambini, difficile non guardarli e pensare che potevano essere loro in quelle foto o che io potevo essere una di quelle madri alle quali hanno strappato dalle braccia i loro figli…. Dio…. Com’è possibile tutto questo? Come è potuto succedere? E' stato triste passare una mattinata lì... triste ma importante. Spero che Dany abbia capito... che non dimentichi!
Pranzato in camper con dei buoni gnocchi acquistati ad Auschan. Dopo pranzo, mentre i bimbi giocavano fuori, abbiamo dato un'occhiata ad un bel libro che abbiamo acquistato (in italiano) nella libreria del campo di concentramento con foto e testimonianze di deportati ed SS. Abbiamo deciso di non visitare anche il campo di Birkenau (Auschwitz2) in quanto, dalle guide, abbiamo visto che è andato in parte distrutto dai tedeschi in fuga, nel disperato tentativo di nascondere le prove dei loro crimini. Mi è dispiaciuto molto per non aver potuto vedere il famoso portale di ingresso, ma i bambini erano stanchi e un po' annoiati dal "monotono" panorama. Così abbiamo deciso, di non andarci e continuare il viaggio verso Wieliczka. Anche se... non era finita qua... (vedi domani) Siamo qundi ripartiti verso Cracovia percorrendo le solite stradine sperdute e dissestate... estremamente dissestate! Abbiamo trovato subito (è segnalato ad ogni incrocio di Wieliczka come camping) il Motel Na-Wierzynka, dove abbiamo parcheggiato il camper, in quello che viene definito un camping, ma che in realtà è un bel prato (pulito e curato) con una colonnina per la corrente e un piccolo blocco prefabricato con un paio di lavandini (viso e piatti... tutto insieme) e i servizi.... lo scarico delle acque, bianche e nere.... si fa a mano!! Fatto il ceck-in, da un signore gentile che non capiva una parola in nessuna altra lingua se non il polacco. Comunque ci siamo capiti alla meglio e ci ha dato una mappa del paese, dopo aver tentato invano di vendercene una della zona. Siamo così partiti a piedi e in pochi minuti siamo arrivati nel centro, dove abbiamo trovato un bel trenino a vapore che stava partendo dalla stazione in direzione di Cracovia. DOpo le solite foto di rito, ci siamo diretti alla miniera di sale, la nostra tappa di oggi! Le intenzioni veramente erano di informarci per gli orari e tornare l'indomani, solo che, arrivati lì abbiamo scoperto che stava per partire l'ultimo giro con il 20% di sconto (dopo le 18 c'è la riduzione). Ne abbiamo subito approfittato e dopo aver fatto i biglietti (20,60€) per noi 4 e per la macchina fotografica (eheheh... si paga se si vuol fotografare... ti danno un adesivo da attaccare alla maglia che ti autorizza a fare foto), abbiamo iniziato la discesa nel cuore della terra. La miniera di Sale di Wieliczka, è una cosa incredibile!!! Naturalmente è un patrimonio Unesco, patrimonio dell'umanità! Si visita la parte della miniera (che è tuttoggi attiva) che si estende proprio sotto il centro del paese. Negli anni è stata adibita a museo con sculture realizzate completamente in sale un po' in ogni stanza. Ma la meraviglia della miniera è la stupenda cattedrale interamente intagliata nel sale. E' incredibile! Stupenda.... i pavimenti, i bassorilievi sulle pareti,l'altare, le statue e addirittura i lampadari.. .tutta completamente in sale...e tutta a 150 mt sotto terra! C'è addirittura un ristorante enorme dove fanno banchetti, una sala per concerti e addirittura una sala dove in inverno fanno partite di calcio gli abitanti del posto!!! Dopo un giro di oltre 2 ore, siamo riemersi con un ascensore da minatori... tutto stupendo! Fuori dalla miniera abbiamo trovato un banchetto che per 1€ ci ha fatto una cartolina del posto con la nostra foto al centro. Veramente carina. Rientrati al camper, cena a base di spaghetti e tutti a nanna.

Dal diario di Dany:"Quando ci siamo svegliati abbiamo fatto colazione e siamo andati al campo di concentramento di Auschwitz. La prima impressione che ho avuto è stata molto brutta soprattutto quando mi hanno detto che li facevano montare sul treno con l'inganno dicendogli che li portavano in una città per loro. Una cosa che mi ha fatto impressione sono le foto fatte alle persone magre. La maggior parte delle persone morivano nelle camere a gas, per fame, per troppo lavoro, per il maltrattamento e per gli esperimenti umani. La cosa che mi ha fatto arrabbiare è che li uccidevano anche per divertimento e mi è venuto in mente il proverbio "non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te"."

Lunedì 16 Agosto - Cracovia Stamani, dopo colazione, ci siamo dedicati alla pulizia del camper e allo scarico delle acque chiare a mano con il secchio, visto che nella zona non esistono aree attrezzate (e neanche in tutta la polonia e la rep. ceca!!!) A fine mattinata, abbiamo pagato (15€) e siamo andati a Cracovia. Parcheggiato in un parcheggio proprio sotto le mura, vicino al Drago, dove i prezzi erano decisamente più turistici (6,80€ per 5 ore). Siamo arrivati fino qua per caso, non era nel nostro programma iniziale e non avevamo la più pallida idea di cosa ci fosse a Cracovia. Abbiamo scoperto subito che il simbolo della città è un drago, del quale c'è la statua sotto le mura del castello reale. E la cosa buffa, è che sputa fuoco davvero!!! Era già l'ora di pranzo e per placare temporaneamente le lamentele dei bimbi, gli abbiamo preso una di quelle ciambelline di pane che vendono dappertutto, in banchini lungo le strade e che, a quanto pare, sono una cosa caratteristica di Germani, Austria (dove si chiamano Bretzen), Rep Ceca (lo Skansen che abbiamo visitato ne era invaso... ma non ricordo come si chiamavano) e Polonia naturalmente (e neanche di questi mi sono segnata il nome). Ci siamo diretti verso il centro in cerca di un posto carino per mangiare e abbiamo optato per un locale dove facevano Kebab, che deve essere la specialità locale visto che c’erano negozi di Kebab ad ogni angolo di strada. Io adoro il Kebab (anche se di manzo non l’avevo mai mangiato) e anche i bambini, che in questo viaggio si sono lasciati convincere ad assaggiare le varie specialità locali, ne sono rimasti conquistati!!! Il menù a 2,15€ comprendeva la piadina con il kebab e una coca... il tutto servito in un locale veramente carino e ... orientaleggante! Dopo mangiato siamo andati nella piazza centrale che, abbiamo poi scoperto in seguito, si chiama piazza del mercato ed è una delle più grandi d'Europa. In mezzo c'è una costruzione tutta a portici, dove si tiene da tempi immemori, il mercato del paese. L’atmosfera è veramente particolare, soprattutto per me che non avevo mai visitato paesi così lontani dal centro europa. Mi sono fermata nella piazza a respirare quell’aria così strana, quell’atmosfera orientale che già da lì si respira… una sensazione così strana… bellissimo! Siamo poi andati all'ufficio informazioni e con 17€ è arrivata una macchinina elettrica che ci ha caricati, ci ha dato le cuffie con guida in italiano, e ci ha portati a fare un giro del centro. Forte! Abbiamo poi finito il giro a piedi, abbiamo preso anche qua la cartolina con la nostra foto in mezzo e siamo tornati al camper. Ripartiti...
Mentre ci dirigevamo nuovamente alla volta della Rep. Ceca, mentre il panorama scorreva dai finestrini del camper, non riuscivo a levarmi dalla testa che non avevamo visiato Birkenau la mattina precedente... Continuavo a pensare che mi dispiaceva, che sicuramente non ci sarei tornata mai più e che mi stavo perdendo l'occasione di vedere un posto così importante... era come se stessi tradendo tutte quelle persone che erano morte lì... Però era tardi, volevamo essere in Rep. Ceca prima dell'ora di cena, per fermarci poi per la notte, visto che qua in Polonia non mi sentivo tranquilla a dormire fuori di un campeggio. Così ho pensato che forse non era così importante e mentre ci avvicinavamo al confine con la Rep. Ceca ero ormai rassegnata e un po’ pentita della mia decisione di non vederlo. Però… Enry, pochi km prima del confine…dice:
NOOOOOOO… I DOCUMENTI!!! LI HO LASCIATI AL CAMPING A WIELITZKA!!
Sapete cosa ho pensato subito? Lo sapevo! Doveva succedere qualcosa, vuol dire che dovevamo vederlo! Loro non volevano che ce ne andassimo senza vedere… Così ci siamo fatti circa 300 Km in più (e non avete idea di quanto siano lunghi e sconnessi 300 Km sulle strade polacche!!!), 5 ore di viaggio in più …abbiamo recuperato i documenti, cenato in viaggio, e a mezzanotte eravamo a Birkenau. Ho visto quell’ingresso di notte, illuminato da luci arancioni… è stata una visione che mi ha profondamente toccata. Quel cancello sembra una bocca, una bocca che ha inghiottito interi vagoni di esseri umani…. Siamo ripartiti in direzione del confine, lo abbiamo passato (abbiamo fatto vedere i documenti dei bambini e non hanno fatto storie) e ci siamo fermati in un autogrill alle 3....

Dal diario di Dany:"... Quando stavamo uscendo dal paese ho capito che il drago è il simbolo di Cracovia anche se non sappiamo il motivo. La mia mamma ha detto che quando si tornava a casa avrebbe guardato su internet".

Martedì 17 Agosto - Olomouc Stamani, dopo colazione, siamo ripartiti alla volta di Olomouc, famosa cittadina universitaria. Durante la strada ho letto un po' di informazioni sulla nostra inseparabile guida Lonely Planet che parlava del posto, come del più sottovalutato paese della Rep. Ceca. E in effetti il paese è bellissimo. Abbiamo trovato parcheggio (gratuito) a due passi dal centro davanti ad un supermercato. Il parcheggio era molto grande e aveva ben 3 posti riservati ai Bus... di cui solo uno occupato! Il centro non è molto grande e si gira benissimo tutto a piedi. Il "pezzo forte" è l'orologio astronomi con la sua buffa storia. Veramente, il pezzo forte dovrebbe essere la bellissima colonna della Santa Trinità, la più bella e grande colonna barocca di tutta la Moldava... stupenda davvero, ed inserita dal 2001 nel patrimonio Unesco. Resta comunque il fatto che è stato l'orologio e la sua particolare storia ad attirarci fino qua: alla fine della 2° Guerra Mondiale, l'orologio, fu distrutto dai bombardamenti (e si dice che non furono proprio i "nemici" a distruggerlo...). Il regime comunista, decise allora di restaurarlo. Però, a differenza di quello che fu fatto a Praga, decisero di eliminare tutti i santi e la Sacra Famiglia, e costruire il primo Orologio Astronomico del Proletariato. Fu ridisegnato e fu inserita, al posto della processione dei santi,una processione di persone del popolo, di lavoratori. Così, ogni ora è scandita dal suono del fabbro che batte sull'incudine, dalla processione dei lavoratori e dal canto finale del gallo! Quando cadde il regime comunista, in molti volevano abbatterlo e riportarlo ai vecchi splendori... ma la città, anche a seguito della mancanza dei fondi necessari, decise di lasciarlo come monito alla follia umana! Per pranzo, ci siamo fidati della nostra guida e siamo andati in un self service nella piazza principale dove abbiamo mangiato quattro ottimi Gulash per 11€. Dopo pranzo siamo saliti sul campanile di San Maurizio dal quale si domina tutta la città. Bellissima visuale, ma la salita è sconsigliata a chi soffre di vertigini, in quanto la parte finale delle scale è tutta in grata di ferro sospesa nel vuoto... Dopo abbiamo continuato il nostro giro nel quartiere universitario, visitando diverse chiese meravigliose in stile barocco. Per finire siamo entrati a vedere i resti di un palazzo romano, del quale, secondo la nostra guida, gli abitanti di olomouc sono molto orgogliosi. Beh... forse non siamo buoni intenditori... ma siamo rimasti molto delusi dalla visita. Menomale che in 4 abbiamo speso poco più di 1€! Finito il giro del centro (c'era ancora una grossa costruzione da visitare, forse un castello, ma non ci siamo andati perchè era troppo lontano), siamo tornati esausti al camper. Tra l'altro abbiamo ritrovato un bel po' del caldo del quale ci eravamo scordati nell'ultima settimana! Siamo poi ripartiti per quella che è la meta più agognata del nostro viaggio: Cesky Krumlow!!! Solite stradine sperse nella campagna, sosta per cena, e arrivo per la notte a Cesky. Abbiamo dato un'occhiata ai parcheggi sotto le mura, ma di giorno si paga circa 1€ l'ora per 13 ore. In Rep. Ceca, infatti, i prezzi sono incredibilmente bassi, tranne che nei posti turistici, dove tutto costa dalle 5 alle 10 volte di più! Girando però, abbiamo visto che si poteva parcheggiare anche gratuitamente lungo il marciapiede, sulla strada fuori dal parcheggio n. 1... e così ne abbiamo approfittato.

Mercoledì 18 Agosto - Cesky Krumlow Avevamo letto sulla guida, e su alcuni diari di bordo di altri camperisti, che questo era un posto veramente speciale... beh... è molto meglio di quanto ci immaginavamo! Appena arrivati abbiamo scoperto che tutto il paese è stato inserito tra i beni Unesco, e la vista, entrando dal parcheggio e passando sotto le imponenti mura... fa subito capire il perchè. Un paese che sembra uscito da una fiaba. Circondato da un fiume, che gli gira intorno per 3/4, è composto da piccole e colorate casine, l'una attaccata all'altra. E il castello che lo domina, sembra una torta nuziale! Per pranzo abbiamo optato per un Hot Dog nella piazza del paese, seguito da una pannocchia lessa. Poi abbiamo affrontato il castello! Per cominciare siamo saliti sulla torre, anzi, abbiamo scalato la torre, viste le scale incredibilmente ripide, con visuale a 360° del paese e della valle circostante. Poi il Tour N.1 con guida (finalmente!) in Italiano, naturalmente con la dovuta maggiorazione sul prezzo (circa il doppio), che porta a visitare una parte delle stanze del castello. Quello che mi è piaciuto in modo particolare è stato il modo in cui erano tenute le stanze: niente vetrine e stanze spoglie. Ogni stanza era riccamente arredata, le tavole apparecchiate e gli abiti esposti, in modo da rendere molto bene l'idea di com'era la vita del castello dell'epoca. Ogni pezzo, collegato con fili di rame e raggi infrarossi che facevano squillare allarmi al minimo avvicinamento (ne sa qualcosa mia figlia...). Il Tour N.2 invece era solo in ceco, con un opuscolo in inglese dal quale non si capiva assolutamente niente. Ci siamo limitati ad ammirare gli oggetti. Il Tour N.3 invece era esaurito e lo abbiamo dovuto prenotare per domani!!! Finiti i giri, e dopo esserci fermati ad ammirare gli orsi che vivono da svariate generazioni nei fossati del castello, siamo andati a farci un giro nei giardini reali. Peccato che non si poteva visitare la residenza estiva, che secondo la nostra guida, valeva davvero la pena. Ma era in ristrutturazione e usata come sfondo per il teatro all'aperto che si tiene lì nelle sere estive. Tornati in paese, ci siamo fermati a mangiare un gelato e ad osservare divertiti le canoe che scendevano lungo il fiume e che si ribaltavano sulle cascatelle... tutti matti i tedeschi! (Cesky è invaso dai turisti tedeschi, essendo piuttosto vicino al confine). Poi siamo tornati in camper per un riposino prima della cena al ristorante del quale avevamo letto su un diario di camperisti, e che ci ha fatto inserire Cesky come tappa fondamentale del nostro Tour: Il KRACMA SATLAVA, ricavato da una vecchia prigione sotterranea. E non ci ha delusi! La sala principale è occupata da un'enorme griglia che in estate rendeva il posto piuttosto.. caldo. La maggior parte dei clienti era seduta sui tavolini all'aperto dove la temperatura era decisamente troppo fredda per noi italiani. Abbiamo così optato per una delle altre 2 sale interne dove il caldo era abbastanza sopportabile. E poi, i tavolini fuori erano semplici tavolini in un semplice vicolo e noi non ci siamo fatti 3.000 Km per cenare in un vicolo! Volevamo la prigione, e la prigione abbiamo avuto!!! Con le sue panche di legno, le catene ai muri e l'unica illuminazione data da un paio di candele sul tavolo e ai lati dei muri. Abbiamo ordinato un po' a caso sul menù incomprensibile ma abbiamo avuto fortuna: una buonissima zuppa all'aglio servita in una pagnotta di pane e una grigliata mista di carne incredibilmente saporita! Siamo tornati al camper sazi e felici! Mio figlio voleva rimanere a vivere lì!

Giovedì 19 Agosto - Cesky Krumlow Stamani, dopo una colazione veloce, siamo corsi al castello per il nostro Tour N.3, il famosissimo Teatro, che è uno degli unici due teatri al mondo, con il palco e i macchinari di scena originali dell'epoca in cui è stato costruito. Nonostante la guida in Ceco, siamo riusciti a capire qualcosa dai foglietti in inglese e dal filmato che mostrava il funzionamento delle scene. Hanno ristrutturato tutto mantenendo il più possibile intatti sia gli oggetti che l'atmosfera gotica del teatro. Hanno addirittura messo delle candele elettriche con la punta che oscilla in modo da fare l'effetto del tremolio della candela vera! E' stupendo e veramente incredibile! Dopo la visita abbiamo fatto un giro per suvenir e un pranzo a base, ancora una volta (ultima concessione ai bimbi) a base di Hot Dog e salsicce. E per finire uno di quei buonissimi gelati che fanno da queste parti.. .quelli a due colori fatti con le macchinette, che non hanno quasi niente latte, ma in compenso sono strapieni di coloranti e aromi artificiali!!! E ora... risaliti in macchina... ci dirigiamo per la tappa obbligata di ogni turista che si rispetti quando entra in Rep. Ceca: Praga! Pensavamo di passare la notte in qualche autogrill in periferia di Praga e di entrare in campeggio domani mattina, ma abbiamo scoperto che su tutto il territorio di Praga è vietata la sosta ai camper di notte!! Così siamo andati verso il campeggio segnalato sulla guida. Beh... campeggio... qua i campeggi non sono altro che pezzetti di prato, spesso dietro un albergo, con piazzole libere e attacchi per la corrente selvaggi! La maggior parte ha solo una decina di posti. Ne abbiamo trovato uno un po' più grande nella speranza di riuscire a fare finalmente uno scarico legale delle acque nere... Siamo finiti al "Sokol Troja" (21€ a notte) dove il proprietario ci ha aperto un tombino comunale e ci ha invitati a scaricare lì.... Non mi soffermo sulle condizioni igieniche dei bagni e delle docce, che siamo stati costretti ad usare prima di barricarci dentro per la notte.

Venerdì 20 Agosto - Praga Stanotte ha diluviato, e stamani piove! Ci siamo armati di impermeabili, e dopo aver acquistato la travelcard per i mezzi pubblici (5,66€ in totale) abbiamo preso il bus e la metro fino al centro. Beh... che dire... Praga è stupenda. Nonostante le folle disumane, gli omini che ad ogni angolo ti chiedono se vuoi cambiare soldi e l'inquinamento che copre tutto... è una città da fiaba. La Piazza sembra fatta con le casettine del presepe... veramente bella! E forse, se non avessimo già visitato Cesky Krumlow, dove ci sono le stesse case (ma in miniatura), e non avessimo visto l'orologio astronomico di Olomouc (che a livello di congegni è molto più bello... secondo me), beh.. forse avremmo apprezzato di più la meraviglia del posto. Resta il fatto che Praga è davvero bella! La mattina l'abbiamo passata percorrendo la Via Reale, che è il percorso che le carrozze reali facevano attraversando la città fino al castello, in occasione di cerimonie importanti. Siamo saliti sulla torre del municipio e abbiamo visto scoccare l'una sull'orologio astronomico. E devo dire che l'animazione è piuttosto sbrigativa rispetto ad altri che abbiamo visto. Abbiamo pranzato con degli ottimi panini lunghissimi comprati ieri in un supermercato, seduti su una panchina al riparo dalla pioggia che non ha smesso mai di cadere per tutta la mattina. Dopo pranzo siamo saliti sul campanile con la meravigliosa vista dall'alto della città e abbiamo continuato la passeggiata nel quartiere ebraico dove tutto, ma proprio tutto, è a pagamento (e caro pure!). Siamo arrivati al castello alle 5, quando tutto era già chiuso! Però abbiamo girato per la stupenda piazza e i meravigliosi cortili di quello che è il castello più grande del mondo. L'abbazia è spettacolare e la via dell'oro ci ha lasciati a bocca aperta. La via dell'oro è un vicolo con casettine piccole piccole (sembrano finte), tutte colorate, nate come dormitori per i tiratori scelti del castello. Finito il giro del poco che potevamo visitare del castello, abbiamo preso il bus e ci siamo diretti al museo nazionale, dove c'è la croce in memoria dello studente che nel '69 si dette fuoco sulla scalinata per protesta al regime. Cerchiamo sempre di portare Dany in posti del genere, spiegandogli i motivi di quel gesto e la situazione storica nel quale è stato compiuto. Riempite le smart card della macchina fotografica (ogni sera scaricavamo un centinaio di foto sul pc) ed esaurita quindi la nostra dose quotidiana di foto.. non ci è rimasto che tornare al campeggio per la cena. Abbiamo cenato e deciso di uscire dal campeggio domani mattina. Ci dispiace un po' non rimanere un altro giorno a Praga, ma i prezzi sono davvero troppo cari rispetto agli altri posti e la nostra guida è piena di posti carini da visitare. Non amiamo troppo le grandi città!

Dal diario di Dany:"Appena arrivati siamo andati sulla strada dove passava la sfilata quando arrivava un re. La strada era piena di mucche. Dopo mangiato siamo andati a vedere il castello..."
Beh... non è che Praga fosse invasa dalle mucche... è solo che c'era un'iniziativa benefica per la quale diversi artisti avevano dipinto delle statue di mucca a grandezza naturale. Ce n'erano moltissime in tutta Praga!

Sabato 21 Agosto - Klatovy e Plzen Stamani la nostra sveglia umana non ha funzionato e ci siamo svegliati un po' più tardi del solito. Abbiamo pulito il camper, fatto un po' di bucato e siamo ripartiti in direzione di Klatovy. Non è stato facile uscire da Praga, le indicazioni stradali sono incredibili e ci hanno fatto perdere un paio di volte: dopo un'ora eravamo nuovamente al punto di partenza! Capito il trucco, però, ce l'abbiamo fatta e, appena fuori Praga, ci siamo fermati ad un autogrill per il pranzo. Siamo ripartiti e siamo arrivati a Klatovy alle 15.30. Siamo andati a Klatovy, attirati da due cose: 1- Le catacombe della chiesa gesuita, dove sono conservati oltre 100 corpi mummificati all'aria. 2- La Torre Nera! Ehh... scusate ma io e Enry adoriamo Stephen King e siamo appunto leggendo il penultimo libro (l'ultimo uscirà a fine anno) della serie "La torre Nera"... come resistere? Con nostro immenso piacere, appena arrivati, abbiamo scoperto che proprio oggi è saltata la luce e tutti i musei e le chiese sono chiusi!!!! Ci siamo consolati con un paio di foto sotto la torre nera e poi siamo partiti per Plzen, la città natale della famosa birra Pilzner. Appena arrivati lì ha iniziato a diluviare... per fortuna... visto quello che ci è successo... ehehhehe Allora, siamo ripartiti da Praga senza aver fatto lo scarico delle acque nere, visto che non ci semprava il caso di assecondare il signore e scaricarle nel tombino del comune, cercando di centrare bene il buco artigianale praticato sopra di esso. Così eravamo pieni... e dovevamo cercare uno scarico (anche se le possibilità di trovarne uno legale... sono praticamente nulle). Mentre giravamo per il paese, in cerca di un Supermercato per i rifornimenti di cibo, Enry ha sbagliato strada e si è ritrovato nella stradina davanti all'uscita di un supermercato che finiva con uno scalino piuttosto alto. Siamo scesi piano piano e ci è sembrato tutto ok... poi abbiamo continuato sulla strada perchè quel supermercato era piccolo e ce n'era segnalato uno vicino grande. Lo abbiamo raggiunto, abbiamo parcheggiato, e quando siamo scesi, mentre ci dirigevamo all'ingresso, Dany ha detto: "Mamma, ma dov'è lo scarico?" Panico! Non c'era più il pezzo finale (quello con la maniglia che apre) dello scarico. Io ho pensato subito a quello scalino e ho detto: "Se lo abbiamo perso lì, ti rendi conto di quello che abbiamo seminato davanti a quel supermercato?" Dopo breve consulto, abbiamo deciso di rimandare a dopo la ricerca: meglio far piovere un altro po'... Abbiamo fatto un giro per Tesco (l'ipermercato), un po' di spesa, cenato e dopo, con calma, siamo ripartiti con la speranza di trovare il pezzo perduto (che quasi sicuramente nessuno aveva osato toccare). La fortuna, anche questa volta, ci ha assistito e lo abbiamo ritrovato proprio dove avevamo pensato e, dopo aver trovato un parcheggio per la notte, armati di guanti usa e getta e di secchi di acqua pulita, lo abbiamo rimontato. Perde un po' ma va bene fino a casa! Notte sotto la pioggi in riva al fiume.

Domenica 22 Agosto - Plzen e Klatovy Stamani niente pioggia e un po' di sole, anche se la temperatura non tocca i 20°. Abbiamo fatto un bel giro per il centro di Plzen con visita ad una bellissima Sinagoga che è la più grande della Rep. Ceca, la 2° in Europa e la 3° nel mondo. Non ne avevamo ,mai vista una ed è stato molto bello e interessante. Poi, abbiamo visitato i sentieri sotterranei che corrono tutto sotto la città per chilometri. Abbiamo dato un'occhiata alla guida che sconsigliava la visita alla Pilzner, e soprattutto il pranzo nel suo ristorante-birreria interno. In compenso consigliava un locale in centro, sempre gestito dalla Pilzner, ma con prezzi meno turistici e cibo ottimo. Ci siamo fidati. Il posto si chiama "Pivnice U Salzmannu", abbiamo mangiato 2 ottimi gulash (del quale c'era rimasta la voglia l'altra volta) e 2 piatti di carne mista per i bimbi, bevuto birra e passato il tempo in un locale molto carino e piacevole per meno di 20 €. I camerieri hanno pure offerto due mini birre ai bambini... li abituano da piccoli da queste parti!!! Dopo pranzo, sazi e felici, ci siamo diretti verso il teatro (consigliato dalla nostra inseparabile lonely planet) ma putroppo stavano allestendo uno spettacolo e non facevano entrare. Ci siamo diretti quindi, verso l'unica altra cosa da vedere che è una chiesa dove c'è un crocifisso molto particolare... mah... Vista anche quella, non c'è restato che tornare al camper. Controllando meglio lo stradario, abbiamo visto che, per rientrare verso la Germania, andava bene anche la strada che passava da Klatovy, e così, visto che c'era rimasta la voglia di vedere quelle famose mummie, abbiamo deciso di tornare lì. Oggi il sistema elettrico era funzionante e quindi siamo riusciti ad entrare nelle catacombe, dove, in due stanze erano schierate una trentina circa di mummie in sarcofaghi di vetro. Niente di speciale, nè di emozionante... anzi... abbastanza deludente. Dopo un breve giretto per il centro del paese, dove tutto era chiuso, siamo ripartiti per rientrare in Germania. Abbiamo cenato in camper in un autogrill e abbiamo continuato a guidare fino a tardi, mentre i bambini dormivano per avvicinarci alla tappa finale e più desiderata dalla parte più giovane dell'equipaggio... Europa Park! Ci siamo fermati per la notte a Manhaim, segnato sullo stradario come località turistica. Purtroppo non avevamo la guida della Lonely Planet anche della Germania e quindi in questa nazione eravamo un po' abbandonati a noi stessi.Abbiamo parcheggiato in un parcheggio all'ingresso della città dove era consentita la sosta gratuita notturna. C'era un po' di nebbia e ci siamo parcheggiati su un lato del parcheggio, verso quella che sembrava aperta campagna.

Lunedì 23 Agosto - Rust Stamani all'alba abbiamo scoperto che, quella che ieri sera sembrava aperta campagna, era in realtà la stazione dei treni del paese, e che eravamo parcheggiati proprio a fianco del binario 1! I treni passavano a circa un metro dai finestrini del camper...una confusione pazzesca! Abbiamo fatto colazione e ci siamo recati all'ufficio informazioni che era proprio dentro la stazione. Una signora gentilissima ci ha fatto sapere che lì non c'era niente di interessante da vedere (mah...) soprattutto con due bambini... a quanto pare è una cittadina termale per anziani. Così siamo ripartiti senza una meta ben precisa. Fuori Strasburgo abbiamo visto che era segnalata una festa delle due sponde (o qualcosa di simile) e così ci è venuta la brillante idea di entrarci. Dopo essere rimasti imbottigliati per più di un'ora nel traffico del confine e aver scoperto che non esiteva niente di simile ad un parcheggio per camper nel raggio di 50 km dal centro della festa... abbiamo optato per un supermercato e ci siamo consolati con un po' di spesa! Dopo pranzo siamo ripartiti per Rust, visto che ormai, i buoni propositi di passare la giornata da qualche altra parte e arrivare lì solo domani mattina presto, erano miseramente falliti. Arrivati qua abbiamo fatto una ricognizione nei pressi del parco, dove siamo rimasti letteralmente scioccati dall'hotel Colosseo: tutta una parte del colosseo ricostruita, con enormi bracieri accesi sotto le volte... incredibile!!! Siamo andati all'ufficio informazioni del centro del paesino (minuscolo) dove abbiamo scoperto (ma già lo sospettavamo) che non esiste un posto dove poter parcheggiare un camper nel raggio di km di aperta campagna... se non nel campeggio del parco! Così, ormai rassegnati, ci siamo diretti al parco e siamo entrati nel "campeggio" che sarebbe un parcheggio con attacchi per la corrente, riservato ai camper. In compenso i prezzi sono davvero di un campeggio (25 € a notte) e il posto è molto pulito e ben tenuto, con un bel parco giochi per bambini. Finito di sistemarci (e passati dai 16° di stamani, ai 40° di oggi) abbiamo fatto un giro per il posto e abbiamo scoperto che il campeggio è proprio sul lago del paese. Ci siamo fermati sul prato ai bordi del lago, invaso da bagnanti di ogni età, a goderci il caldo e il bel panorama. I bimbi naturalmente non hanno perso tempo e dopo meno di 3 minuti erano in acqua! Finito il bagno (l'acqua era comunque ghiacciata e dopo un po' i bimbi si sono arresi al freddo), abbiamo preso le bici e abbiamo fatto un giro per il paese, solo per scoprire che alle 5 è tutto chiuso! Siamo rientrati e abbiamo fatto una passeggiata fino all'ingresso del parco dove abbiamo acquistato i pass per domani e dopodomani. Tornati al camper, ci siamo riposati un po' e abbiamo cenato, il tutto con il sottofondo delle urla di tutti quelli che scendevano dalla discesa più alta delle montagne russe che passavano proprio davanti al campeggio! Dopo cena i bimbi sono stati fuori e hanno giocato fino a tardi con altri bambini italiani dei quali il campeggio è pieno. Nonostante il terribile caldo di oggi, adesso il cielo ha iniziato a rannuvolarsi ... ormai ci siamo abituati agli sbalzi di temperatura... speriamo bene!

Martedì 24 Agosto - Europa Park Dopo una notte fra pioggia scrosciante, tuoni e lampi... stamani naturalmente... piove! E la temperatura è tornata polare. Alcuni camper sono ripartiti, ma i bimbi ci guardano con aria torva e minacciosa... così decidiamo di armarci dei nostri fedeli impermeabili ed entrare. L'inizio è stato dei più deprimenti in quanto per tutta la mattina la pioggia non ha smesso un attimo di cadere, anzi, ci sono stati dei momenti di vero e proprio diluvio! Tipo quando siamo saliti sule altissime e divertentissime montagne russe "silver... qualcosa" che simulano le accellerazioni di un circuito di F1 (più o meno...). Quando siamo scesi eravamo fradici. Compreso Dany che si è fatto coraggio e ha deciso di affrontare le prime montagne russe della sua vita. La Mile invece ci ha aspettati all'arrivo... era l'unica asciutta. Per ripararci un po' dalla pioggia, ci siamo infilati in un negozino dove abbiamo fatto le foto in costume da Far West: la Mile era emozionatissima per i vestiti e gli accessori... e Dany affascinato dalle pistole da Cow Boy. Ci hanno fatto 2 foto bellissime! Dopo pranzo il tempo ha deciso di darci una tregua e, per fortuna, non ha più piovuto per il resto della giornata. Abbiamo fatto un sacco di giochi e visto un paio di spettacoli molto belli. Dany ha fatto tutti i giochi da adulti, comprese tutte le montagne russe e la Mile è riuscita ad infiltrarsi in un paio di quelli riservati ai bambini di 6 anni (e di 10 cm più alti) e si è divertita come una matta! Peccato che il parco chiude alle 19.00, mentre eravamo ancora nel pieno delle notre forse e della voglia di divertirci. Siamo tornati al camper con il paccone del pop-corn colorato, e con i bimbi felici che continuavano a ripetere che domani ci torniamo e a fare la lista dei giochi da rifare assolutamente! Cena in camper, visto che fuori continua a soffiare un vento artico, e crollo psicofisico dei bimbi che si sono addormentati in 3 secondi netti da quando hanno toccato il letto! Beh... che in realtà è quello che fanno ogni sera da quando siamo partiti...

Mercoledì 25 Agosto - Europa Park Stamani ci siamo svegliati sotto un timido sole che però non ci ha fregati e siamo usciti comunque coperti e con gli impermeabili nello zaino. Tutta la mattina è stato soleggiato anche se non caldo, e ci siamo goduti tutti i giochi. Abbiamo anche rifatto le montagne russe F1 che senza la pioggia in faccia erano ancora più divertenti! Abbiamo provato anche a fare il Poseidon, ma un guardiano incorruttibile si è rifiutato di far passare la Mile, neanche per aspettare all'arrivo e quindi io e lei abbiamo lasciato gli uomini a fare il gioco e siamo andate ad una zona ancora inesplorata riservata ai più piccoli. La Mile si è divertita moltissimo e anche Dany e Enry che hanno cercato di convincere anche me a fare quel gioco dal quale si esce bagnati... ma non ce l'hanno fatta, non mi sembra il tempo adatto! va sottolineato che la Mile, nei giochi dove non poteva salire, aspettava pazientemente su delle seggioline all'arrivo: in pratica faceva la fila con noi e poi aspettava seduta che noi scendessimo dal gioco. E' stata bravissima! Solo in uno si è arrabiata... Va detto che non ha assolutamente paura dei giochi spericolati. Ha fatto anche quasi tutti quelli riservati ai bambini più alti di 120 cm (lei è 115) nei quali i sorveglianti hanno chiuso un occhio. Solo uno l'ha beccata e non l'ha fatta salire. Lei si è seduta fissando con odio il tizio che cercava di farsela amica, per tutto il tempo! Quando siamo scesi dal gioco era sempre lì che lo fissava con sguardo torvo e quando ce ne siamo andati si è girata per un'ultima occhiata di puro odio! Ah, ha pure fatto il trenino della miniera, quello per adulti... con le mani alzate!!! Dani invece era molto emozionato ed orgoglioso del suo coraggio, per essere salito su tutte le montagne russe che fino ad oggi, nonostante noi siamo appassionati di tutti i giochi più spericolati, aveva sempre avuto paura a fare. E si è emozionato moltissimo perchè in un gioco, gli è toccato il bob in prima fila e per giunta dell'Italia.... Ha continuato a ripetere per ore che era stato "troppo fortunato!!" Alle 19, che arrivano sempre troppo presto, siamo usciti. Ah, mi sono scordata che nel pomeriggio ha pioviscolato diverse volte... menomale che avevamo gli impermeabili! Tornati al campeggio abbiamo affrontato una doccia a tratti calda e a tratti fredda, sotto la quale ci siamo congelati. Asciugati bene, caricato l'acqua e ripartiti. I bimbi si sono addormentati subito, prima ancora di uscire dal parco, e senza cena (hanno detto che avevano mangiato troppe schifezze oggi... che bravi bambini!) Noi abbiamo guidato solo per pochi km, fino al primo autogrill dove, lasciato il camper ben in vista, io e Enry ci siamo presi qualcosa di caldo da mangiare. Io una zuppa salatissima e Enry, un qualcosa che chiamavano pizzetta e che aveva più sale che pomodoro! Rientrati in camper ed addormentati immediatamente.

Dal diario di Dany: " Oggi mi sono divertito di più soprattutto perchè sono stato in prima fila sul poseidon e sul bob e una cosa un po' strana è che le montagne russe al buio mi sono piaciute più di ieri"...

Giovedì 26 Agosto - Svizzera-Italia Stamani, dopo breve consulto e con l'aiuto di Autoroute, abbiamo deciso di passare per la Svizzera, visto che sono circa 150 Km in meno (rispetto al tragitto dall'austria) e tutta autostrada. L'abbiamo attraversata tutta senza che smettesse per un attimo di piovere, ma, appena usciti dal traforo del S. Gottardo, ci siamo lasciati alle spalle l'inverno e tutte quelle nuvole che ci hanno accompagnato per tutto il viaggio! Passato il confine, volevamo fermarci a Como, ma, visto che lungo il lago e vicino al centro hanno l'ordine di sparare a vista sui camper, ci siamo fermati a Como alta all'Esselunga, dove ci siamo riforniti di cibo per domani al parco e dei nostri tanto desiderati (e introvati in tutta europa...) biscotti da inzuppare nel latte!!! Abbiamo fatto la strada provinciale fino a Bergamo, dove, a Seriate, abbiamo trovato un'area per lo scarico.... incredibile... non ne vedevamo una da 3 settimane!!!!!!!!! Ci siamo quasi emozionati.... Dopo aver fatto, liberamente, civilmente e legalmente, il carico e lo scarico, ci siamo fermati in un parco vicino per la cena e per far scorrazzare un po' i bimbi dopo una giornata in camper. Dopo cena, messi a letto e ripartiti per Lazise, dove abbiamo parcheggiato lungo la provinciale per la notte.

Venerdì 27 Agosto - Movies Studios Stamani sveglia, colazione e partenza per entrare nel parcheggio del Parco. I bimbi non sapevano dove eravamo diretti e quando hanno visto i cartelli degli Studios, mentre ci avvicinavamo, hanno iniziato a saltellare e a chiedere se ci potevamo fermare, visto che avevamo i biglietti omaggio. Infatti, siamo stati qua a maggio e ci hanno regalato (lo fanno sempre, tutta la stagione) i biglietti per entrare ancora una volta nel corso della stagione, gratuitamente. Abbiamo quindi approfittato del fatto che era di passaggio durante il ritorno dal tour estivo, per fare una piccola sorpresa ai bimbi. Abbiamo parcheggiato, preparato i panini e siamo entrati. Abbiamo fatto il gioco che non eravamo riusciti a fare l'altra volta (terminator 2) che ci è piaciuto molto e rifatto tutti quelli che ci erano piaciuti di più la volta scorsa. Compreso quel giro folle sul fuoristrada nella centrale termica... incredibile!! Nel parco, tutte le comparse sono sempre carini e disponibili e abbiamo passato un'altra bellissima giornata. Calda finalmente!! La Mile si è fatta dipingere un'enorme farfalla sulla faccia e Dany si è fatto fotografare accanto a tutti i suoi attori preferiti... io mi sono infilata tra Banderas e Silvester Stallone... due sosia incredibilmente somiglianti... belli!! Abbiamo anche scoperto (perchè bisogna dire che la mappa del parco è piuttosto complicata da interpretare, per quanto riguarda gli spettacoli) che ad una certa ora, la casa dell'orrore (dove io e Enry non troveremo mai più il coraggio di entrare...) viene illuminata e vengono accompagnati dentro i bambini (senza adulti) da dei personaggi di ScoobyDoo... molto divertente. Dany non voleva entrare ma poi si è fatto convincere da quelle signorine gentili e quando è uscito era molto divertito.Sconsiglio comunque a tutti quelli che si spaventano facilmente, di mettere piede in quella casa... è terribile!! Tutta al buio, cammini in gruppetti di 10 persone che si tengono per le spalle (facciamo il trenino praticamente) e da ogni angolo spuntano personaggi (veri) che urlano e ti inseguono.... una paura terribile!!! Senza contare che quella dietro di me mi ha conficcato le unghie nelle spalle per tutto il tragitto e mi è saltata addosso un paio di volte!! QUando fanno entrare i bambini, naturalmente, tutti "gli attori" sono in pausa pranzo (o legati da qualche parte...) e i personaggi del film, accompagnano i bambini, con una torcia, alla ricerca di Scooby Doo. Alle 17,00 dopo aver visto tutto quello che potevamo vedere ed esserci mangiati un gelato gigante "faidate", siamo ripartiti alla volta di casa. Per strada mia mamma ha chiamato e ci ha chiesto se ci fermavamo a cena da lei. Come ci ha proposto la pizza... abbiamo rischiato di schiantarci contro il guard-rail, e tirando al massimo il povero camperino, siamo giunti alle 20.30 sotto casa sua, con la bava alla bocca e nel pieno di una crisi di astinenza da Pizza! Dopo esserci abbuffati, e con sommo dispiacere, abbiamo "dovuto" lasciare i bimbi dalla nonna che non vedevano da così tanti giorni. Siamo ripartiti, abbiamo fatto lo scarico e siamo tornati a casa... da soli...




Tragitto e Spese per il Viaggio del

6 Agosto 2004 - 27 Agosto 2004

A

Eurotour 2004 (Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Germania, Francia, Svizzera)

Equipaggio Camper: Enrico,Lucia, Daniele, Milena



Abbiamo percorso in totale 4691 Km e abbiamo speso in tutto 1.703,32 Euro.


Così suddivise:


Pasti in Camper: 237,93 Euro
Pasti Fuori: 204,15 Euro
Campeggi: 186,50 Euro
Soste: 20,16 Euro
Gasolio: 395,15 Euro
Pedaggi: 93,81 Euro
Ingressi: 344,86 Euro
Altro: 220,76 Euro


 



Ore Descrizione Spese Km Tappa Km Giornata
  Spesa all'Ipercoop € 93,16    
  Cartello carichi sporgenti € 34,00    
6 agosto 2004
16.25 Partenza da Uzzano e sosta al distributore      
16.45 Ripartiti dal distributore vicino all'Ipercoop per il pieno e il controllo gomme (0,959 x 43,78l - mezzo serbatoio circa) € 42,00    
16.50 Inizio A11 Montecatini   11 11
17.15 Inizio A1   35 46
18.15 Sosta nell'area di sosta Cantagallo Est   100 146
18.45 Ripartiti dall'area di sosta      
18.47 Ingresso in A14   6 152
18.55 Ingresso in A13   1 153
19.30 Poco dopo il Po   47 200
20.10 Ingresso in A4 (Padova)   60 260
20.15 Sosta per cena in area di sosta Dolo-Mirano € 1,25 8 268
21.30 Ripartiti dopo la cena      
21.40 Barriera Venezia - casello € 14,60 12 280
21.57 Preso biglietto Venezia Est   23 303
22.50 Ingresso in A23   78 381
23.50 Sosta notte in area di sosta Fella Est   96 477
  Vignetta per l'autostrada austriaca € 8,00    
Totale Giornata 06 agosto 2004 € 65,85   477
Totale Viaggio € 193,01   477
7 agosto 2004
  Fatto pieno (0,995 x 40,21l - mezzo serbatoio circa) € 40,01    
9.15 Ripartiti dopo la notte      
9.30 Barriera Tarvisio - casello € 10,60 10 10
9.42 INGRESSO IN AUSTRIA (A2)   8 18
10.00 Ingresso in A10 per Salisburgo   31 49
10.48 Fermi in fila per entrare nel tunnel   68 117
11.10 Ripartiti dalla fila ed entrati nel tunnel      
11.20 Pedaggio tunnel € 9,50 11 128
12.00 Usciti dall'A10 - Bivio 47   57 185
12.20 Arrivati al parcheggio Liechtensteinklamm   18 203
  Visitato Orrido (2x2,30€ + 2,00€ + gratis) € 8,60    
  4 gelati 4,80€ + 1 cartolina 0,50€ € 5,30    
15.40 Ripartiti      
16.00 Rientrati in A10   17 220
16.30 Usciti dall'A10 - Salisburgo West   45 265
17.00 Arrivati al parcheggio Augustiner € 3,50 9 274
19.10 Giro per Salisburgo (1 bretzen 2,20€; 4 panini vuoti 2,80€) e poi ripartiti € 5,00    
19.20 Ripresa autostrada da Salisburgo Est   6 280
19.30 Sosta in autogrill per cena e INGRESSO IN GERMANIA   5 285
21.00 Ripartiti      
22.20 Usciti dall'A995 - Monaco Sud   114 399
23.00 Fermati vicino al campeggio a Monaco   22 421
Totale Giornata 07 agosto 2004 € 82,51   421
Totale Viaggio € 275,52   898
8 agosto 2004
9.30 Entrati nel "Campingplatz Thacchirchen"      
  Acquistata cartina e 5 gettoni per la doccia € 5,30    
  Prese bici e andati a Monaco Centro      
  Pranzo al Burger King € 20,80    
  Sosta in bagno € 0,50    
  Visitato Museo Civico "Stadtmuseum" (gratis la domenica)      
  Merenda con 3 granite € 2,87    
  Visitato Museo dei Giocattoli (Family Ticket) € 6,00    
  Fatto giro con le bici e tornati al camping      
  Spesa per panini per il giorno dopo (1 busta di affettati, 1 formaggino, 1 pastina per cena) € 4,75    
  Telefonate a casa € 3,00    
Totale Giornata 08 agosto 2004 € 43,22   0
Totale Viaggio € 318,74   898
9 agosto 2004
  Entrati nel "Residenzmuseum" e "Schatzkammer" (museo della residenza e tesoro della residenza) € 18,00    
  Pranzo al parco con panini preparati in camper      
  Visita della famosissima birreria "Hofbräuhaus" (HB) - presa 1 birra 3,10€; 2 cola/orange 4,80€; 2 breze piccoli 1,40€; Servizio 1,16€; Bagno 0,50€ € 11,00    
  Fatta piccola passeggiata e comprate cartoline (5 da 0,30) e francobolli (3 da 0,45) € 2,85    
  Riprese bici e fermati in un supermarket "ALDI" per fare la spesa e prendere pane 1,05€ e 2 targhette 0,60€ € 14,36    
  Rientrati al camping e cenato con bistecche comprate 2,91€, funghetti da casa, pane 1,05€ e 2 dessert 0,39€/cad      
  Telefonato a casa € 2,00    
Totale Giornata 09 agosto 2004 € 48,21   0
Totale Viaggio € 366,95   898
10 agosto 2004
  Mattinata al fiume con costume e bagno!      
  Pranzo in camper con pasta e sughi italiani e dolcetti comprati ieri      
  Pulizia camper, scarico e carico (1€) € 1,00    
15.45 Ripartiti dopo 2 notti in camping € 40,80    
15.55 Inizio A995   10 10
16.03 Ingresso in A8   11 21
17.20 Sosta per gasolio (0,994€ x 50,30l) € 50,00 111 132
17.30 INGRESSO IN AUSTRIA   3 135
17.32 Inizio A10   3 138
17.36 Usciti dall'A10 - Berchtesgaden e sosta   6 144
18.10 Ripartiti e INGRESSO IN GERMANIA   4 148
18.45 Girato in cerca di parcheggio per la notte nelle vicinanze delle miniere   18 166
Totale Giornata 10 agosto 2004 € 91,80   166
Totale Viaggio € 458,75   1.064
11 agosto 2004
9.22 Ripartiti e tornati al parcheggio della miniera      
9.41 Arrivati al parcheggio e fatti i biglietti di ingresso € 36,00    
11.42 Ripartiti dopo visita alle miniere di sale (cartolina 0,50€; parcheggio 2,50€) € 3,00    
11.55 INGRESSO IN AUSTRIA   14 14
12.00 Inizio A10 per Salisburgo   3 17
12.05 Inizio A1 per Wien!   7 24
13.00 Sosta in autogrill per pranzo (al Km 210 circa)   86 110
14.21 Ripartiti      
14.33 Ingresso in A25 (causa chiusura di un tratto di A1)   32 142
14.55 Rientrati in A1   19 161
16.44 Usciti dall'A1 - Vienna   167 328
17.10 Parcheggiato di fronte al palazzo di Schönbrunn   8 336
  Visitato il parco (gratis) e comprati 4 gelati algida € 6,00    
21.00 Cenato in camper con insalatissime e ripartiti      
21.08 Ingresso in A23 (senza sbagliare!)   4 340
21.21 Usciti dall'A23 e fatto pieno (0,799€ x 60,32l) € 48,20 14 354
21.35 Sosta notte di fronte al campeggio   2 356
Totale Giornata 11 agosto 2004 € 93,20   356
Totale Viaggio € 551,95   1.420
12 agosto 2004
9.30 Entrati in campeggio (Aktiv Camping Neue Donau) e comprato un gettone per la lavatrice € 4,50    
  Prese bici e andati a Vienna Centro      
  Pranzo al Mac Donald € 14,20    
  Visitato Museo dei Giocattoli € 11,50    
  Merenda con gelati da Mac Donald € 2,50    
  Girato per la città e fatto la spesa € 8,57    
  Comprate 5 cartoline (1,50€) e 4 francobolli (2,20€) € 3,70    
  Telefonato a casa € 2,00    
Totale Giornata 12 agosto 2004 € 46,97   0
Totale Viaggio € 598,92   1.420
13 agosto 2004
12.50 Usciti dal camping (brutto tempo) € 33,00    
13.40 Dopo vari errori di percorso fermati sotto la ruota panoramica del Prater   23 23
  Comprati 2 gelati algida, 1 sacker torte, 1 cappuccino e 1 gelato sotto la ruota panoramica € 13,20    
18.00 Ripartiti (1 dolcetto fritto 2€, 6 cartoline e 6 francobolli 5,30€) € 7,30    
18.07 Ripresa A22   4 27
18.15 Usciti per Brno su strada /   6 33
19.24 ENTRATI IN REPUBBLICA CECA!!   87 120
20.10 Arrivati a Brno per sosta cena in un Carrefour   29 149
  Cambiati 50€ = 1.475 Kc (1€ = 29,50 Kc)      
  Cenato al Kentucky Fried Chicken (344 Kc) € 11,66    
  Comprati 2 CD per masterizzare (23 Kc) € 0,78    
21.42 Ripartiti ed entrati nella D1   2 151
  (Coda per lavori in corso)      
22.32 Usciti dall'autostrada ed entrati nella E46   36 187
22.50 Inizio E35 ad Olomouc   39 226
23.20 Bivio a Hranice per la E35   37 263
0.00 Arrivati a Roznov Pod Radhostem e sosta per la notte   41 304
Totale Giornata 13 agosto 2004 € 65,94   304
Totale Viaggio € 664,86   1.724
14 agosto 2004
  Visitato Museo Skansen (120 Kc + 3 Kc per la guida) € 4,17    
  Acquistato Spada per Daniele 190Kc, Pugnale per Milena 120Kc, Cintura per Enry 160Kc, 2 saponette 100Kc, Trecce di formaggi 100Kc, Torta tradizionale 82Kc, Dolcetti cuore 140Kc, Noccioline caramellate 25Kc, Assaggio liquore caldo al miele 20Kc, Pallina di natale 40Kc, Cartolina 5Kc € 33,30    
14.35 Ripartiti      
14.44 Presa E58   3 3
  Rimasti fermi 30 minuti per sistemare lo specchietto rotto lungo la strada      
16.10 Dopo vari sbagli presa la E462 a Frydek-Mistek   48 51
16.46 INGRESSO IN POLONIA!! Entrati nella S1   30 81
17.25 Fermati in un centro commerciale Auchan fuori Bielsko-Biala   29 110
  Cambiati 50€ = 220,50 Zl (1€ = 4,40 Zl)      
  Presa Pizza 17,90Zl e 2 schede telefoniche 9,90Zlx2 € 8,54    
  Comperate scarpe per Dany 59,90Zl e per la Mile 49,90Zl (Carta Lucia) € 24,89    
  Fatta spesa 82Zl (Carta Enry) € 18,59    
21.00 Ripartiti      
  Percorse stradine assurde fino ad Oswiecim      
23.00 Arrivati ad Auschwitz nel Parking del Museo (parcheggio per 24 ore = 12Zl) € 2,72 44 154
Totale Giornata 14 agosto 2004 € 92,21   154
Totale Viaggio € 757,07   1.878
15 agosto 2004
  Visitato Auschwitz gratis e comprato libro in italiano (bellissimo) 69Zl € 15,64    
  Pranzato in camper con spesadi ieri      
14.25 Ripartiti      
15.55 Entrati sull'autostrada intorno a Krakov   58 58
16.03 Usciti per la E40   12 70
16.25 Arrivati al Motel Na-Wierzynka   6 76
  Visitata Miniera di Sale (dopo le 18.00 c'è il 20% di sconto) 92Zl + 10Zl per fare foto € 23,13    
  Comprata guida della miniera 3Zl € 0,68    
  Comprata cartolina con foto 6Zl € 1,36    
  Comprati 4 gelati 4,4Zl € 1,00    
  Cena in camper con pasta al pomodoro      
Totale Giornata 15 agosto 2004 € 41,81   76
Totale Viaggio € 798,88   1.954
16 agosto 2004
  Pulito il camper, fatto scarico e carico (solo acque chiare con il secchio)      
11.43 Ripartiti dopo aver pagato il campeggio 66Zl € 15,00    
12.30 Parcheggiato a Cracovia sotto Wavel Park 30Zl € 6,80 17 17
  Comprato un panino caratteristico (0,80Zl) e una parrucca per la Mile (8Zl) € 2,02    
  Cambiati 25€ = 109Zl (1€ = 4,36Zl)      
  Fatto giro turistico con macchinina elettrica (75Zl) € 17,20    
  Pranzo in centro con 4 Kebab + 4 Coca Cola € 8,61    
  Comprati 4 gelati 10Zl € 2,26    
  Comprate 5 cartoline (5Zl) e 5 francobolli (10,50Zl) € 3,56    
  Comprata una cartolina con foto 6Zl € 1,37    
  Comprati un paio di guanti per la cucina (2,99Zl) € 0,68    
17.40 Ripartiti      
18.12 Inizio E52   22 39
18.17 Fatti 2.000 KM!!!!!! (Biertowice)   7 46
19.30 Ci siamo accorti che Enry ha lasciato la carta di identità in campeggio a Wielitzcka   55 101
21.00 Arrivati a Wielitzcka per riprendere i documenti   86 187
21.30 Preparati per la notte e ripartiti      
22.00 Pagati al casello per la A4 5Zl (cambiati 10€ = 41Zl) € 1,22    
  Messo gasolio (66,98l x 3,27Zl = 219Zl (sconto di 2Zl) (Carta Lucy) € 49,21    
22.20 Comprate 2 cioccolate (6Zl) e ripartiti (Carta Lucy) € 1,36    
22.40 Usciti dall'A4 e presa la S33 per Oswiecim   62 249
1.40 Arrivati alla frontiera dopo piccola sosta ad Oswiecim per vedere Bikernau   114 363
  Comprata vignetta per l'autostrada della Repubblica Ceca 25Zl € 6,09    
  Cambiati 100€ = 3050Kc (1€ = 30,5Kc) + 9Zl = 78Kc      
2.44 Fermati per notte dopo Fridek Mistek   40 403
Totale Giornata 16 agosto 2004 € 115,38   403
Totale Viaggio € 914,26   2.357
17 agosto 2004
10.00 Ripartiti      
11.10 Arrivati ad Olomouc (Parcheggio Billa)   90 90
  Visitato il centro storico, saliti sul campanile St. Maurizio (44Kc) e visitato il Palazzo Premysl (35Kc) € 1,59    
  Pranzato in un self-service con Guláš (346,60Kc) € 11,36    
  Comprati 4 gelati(40Kc), 1 cartolina (5Kc) e una bottiglia di acqua (13Kc) € 1,30    
17.00 Ripartiti      
18.12 Uscita 182 per Trebic su A23   91 181
19.35 Sosta per cena a Telc   80 261
20.30 Ripartiti      
22.00 Arrivati a Cesky Budejovice   92 353
22.45 Arrivati a Cesky Krumlov e parcheggiato fuori dal Park 1   30 383
Totale Giornata 17 agosto 2004 € 14,25   383
Totale Viaggio € 928,51   2.740
18 agosto 2004
  Giro per Cesky Krumlov      
  Ingresso al Castello (Tour 1 (380Kc in Italiano), 2 (180Kc in Ceco) e 3 (250Kc in Ceco) + torre (80Kc)) € 29,18    
  Pranzo con 4 Hot Dog (60Kc) e 3 pannocchie (75Kc) € 4,43    
  Comprati 2 gelati (30Kc), 2 torte Sacher e 2 Cappuccini (130Kc) € 5,25    
  Merenda con 4 granite (60Kc) € 1,97    
  Comprata 1 guida di Cesky (129Kc) e 1 cartolina (9Kc) € 4,52    
  Cena al Krcma Šatlava (615Kc) € 20,16    
  Telefonate a casa (96Kc) € 3,14    
Totale Giornata 18 agosto 2004 € 68,65   0
Totale Viaggio € 997,16   2.740
19 agosto 2004
  Visita al teatro del castello (pagato ieri)      
  Comprata carta telefonica (200Kc) € 6,47    
  Comprato regalino per Brian (120Kc), per mamma di Enry (290Kc) € 13,26    
  Pranzo con 2 Hot Dog (24Kc), 2 Salsicce (95Kc) e 4 gelati (60Kc) € 5,79    
13.00 Ripartiti      
14.00 Inizio E55 a Cesky Budejovice   37 37
15.00 Sosta per gasolio (60,28l x 24,90Kc = 1500Kc) € 48,54 75 112
15.50 Inizio E65   51 163
16.05 Entrati nella circonvallazionedi Praga per la E55   24 187
16.40 Fermati nell'Europark - Interspar per fare la spesa (742Kc) € 24,01 6 193
18.20 Ripartiti      
20.00 Arrivati al "Camping" Sokol Troja   31 224
Totale Giornata 19 agosto 2004 € 98,07   224
Totale Viaggio € 1.095,23   2.964
20 agosto 2004
  Giro per Praga      
  TravelCard per 1gg (70Kcx2 = 2 Adulti; 35Kc = 1 Bambino) € 5,66    
  Cambiati 100€ = 3110Kc (1€ = 31,10Kc)      
  Saliti sulla Torre Municipale (bambini gratis) 80Kc € 2,59    
  Comprati 4 gelati da Mac Donald (92Kc) e 1 bottiglia di acqua (10Kc) € 3,30    
  Pagato ingresso al bagno (3Kc), comprate 7 cartoline (35Kc) e 6 francobolli (54Kc) € 2,98    
  Pranzo con i panini comprati ieri al market      
  Cena in camper con verdure comprate in Polonia      
Totale Giornata 20 agosto 2004 € 14,53   0
Totale Viaggio € 1.109,76   2.964
21 agosto 2004
  Pagato il campeggio per 2 notti (1300Kc) € 42,00    
11.45 Ripartiti (16°C)      
13.00 Dopo oltre 1 ora di giri a vuoto…inizio E50   46 46
13.25 Sosta in autogrill per il pranzo in camper   37 83
14.15 Ripartiti      
14.50 Inizio E27 da Plzen per Klatovy   48 131
15.30 Arrivati a Klatovy (tutto chiuso a causa di mancanza di elettricità)   31 162
16.30 Ripartiti      
17.45 Sosta in supermercato Tesco a Plzen   57 219
  Fatta spesa (359Kc) e cenato con pizze (100Kc) € 14,76    
20.00 Ripartiti in cerca di pezzo dello scarico delle acque nere perduto      
20.15 Pezzo ritrovato e rimontato. Sosta notte in parcheggio vicino al centro   10 229
Totale Giornata 21 agosto 2004 € 56,76   229
Totale Viaggio € 1.166,52   3.193
22 agosto 2004
  Giro per Plzen con visita alla Grande Sinagoga (50Kc) ed ai sotterranei (150Kc) € 6,43    
  Pranzato da U Salzmannu (517Kc + mancia 53Kc) € 18,33    
  Comprati gelati da Mac Donald (83Kc) € 2,67    
14.10 Ripartiti      
15.00 Arrivati a Klatovy e parcheggiato (20Kc) € 0,64 44 44
  Visita alle catacombe (100Kc) e comprata guida (8Kc) € 3,47    
16.00 Ripartiti      
16.45 Sosta per gasolio dopo Dormacice - Inizio A26 (21,29l x 24,90Kc = 530Kc) € 17,04 36 80
17.10 Fermi in fila alla dogana   14 94
17.30 INGRESSO IN GERMANIA   1 95
18.45 Inizio A6 per Norimberga   87 182
19.00 Sosta in autogrill per cena in camper   23 205
20.45 Ripartiti      
22.45 2 ore di viaggio in A6 prima di Heilbronn   180 385
22.55 Usciti per Bad Wimpfen   19 404
23.20 Parcheggiato per la sostanotte a Bad Wimpfen   7 411
Totale Giornata 22 agosto 2004 € 48,58   411
Totale Viaggio € 1.215,10   3.604
23 agosto 2004
9.30 Ripartiti      
11.00 Inizio A5 a Karlsruhe   83 83
11.30 Sosta per gasolio fuori autostrada per Buhl (20,22l x 0,989€ = 20€) € 20,00 44 127
11.50 Usciti dall'A5 per Strasburgo   26 153
12.00 INGRESSO IN FRANCIA   12 165
12.45 Parcheggiato nel supermercato Penny Markt   4 169
  Fatta spesa e pranzo in camper € 8,32    
13.50 Ripartiti visto che non ci sono posti per i camper      
14.00 INGRESSO IN GERMANIA   8 177
14.20 Inizio A5   12 189
14.50 Parcheggiato all'ufficio Informazioni di Rust   43 232
15.30 Parcheggiato nel "Camping" di EuropaPark   10 242
  Comprati Biglietti per 2 giorni al parco (Carta Lucy) € 177,00    
Totale Giornata 23 agosto 2004 € 205,32   242
Totale Viaggio € 1.420,42   3.846
24 agosto 2004
  Giornata ad EuropaPark      
  Fatte 2 foto d'epoca € 25,00    
  Pranzo con panini preparati in camper      
  Comprati PopCorn (1,10€), 7 ciambelline fritte (2,20€) e un pacco di zucchero filato tricolore (3€) € 6,30    
  Cena in camper con pasta      
  Comprata scheda telefonica € 5,00    
Totale Giornata 24 agosto 2004 € 36,30   0
Totale Viaggio € 1.456,72   3.846
25 agosto 2004
  Giornata ad EuropaPark      
  Comprato un impermeabile € 4,50    
  Comprati 2 zucchero filato (2€), 2 Gelati maxi (5,20€), 1 pacchetto di churri (2€), 1 PopCorn (1,10€), 3 cartoline (1,80€), 3 francobolli (1,35€) € 13,45    
  Caricata acqua nel camper (1€) e pagato il parcheggio (49,20€) € 50,20    
21.00 Ripartiti e fermati fuori del campeggio per consulto sulla strada da fare      
22.00 Sosta in autogrill per cena veloce e notte € 7,50 29 29
Totale Giornata 25 agosto 2004 € 75,65   29
Totale Viaggio € 1.532,37   3.875
26 agosto 2004
  Colazione in camper con fette biscottate comprate € 1,95    
  Messo gasolio (38,69l x 1,03€ = 40,01€) € 40,01    
10.10 Ripartiti      
11.15 INGRESSO IN SVIZZERA. Comprata vignetta € 30,00 65 65
11.25 Inizio A2   15 80
12.30 Luzerna   83 163
13.00 Sosta in autogrill per pranzo in camper   43 206
  Comprati gelati e occhi di gelatina € 6,30    
14.25 Ripartiti      
15.00 Fila per il traforo del San Gottardo   21 227
15.30 Usciti dal tunnel   20 247
16.54 INGRESSO IN ITALIA (in coda dalle 16.50)   108 355
17.30 Fermati a Como Alta per spesa all'Esselunga € 28,05 15 370
18.30 Ripartiti      
20.00 Sosta a Seriate per scarico e cena   62 432
21.40 Ripartiti e fatto il pieno (41l x 0,979€ = 40,14€) € 40,14    
22.00 Inizio A4 a Seriate   8 440
22.50 Usciti dall'A4 a Peschiera del Garda   81 521
23.16 Parcheggiato a Lazise   10 531
Totale Giornata 26 agosto 2004 € 146,45   531
Totale Viaggio € 1.678,82   4.406
27 agosto 2004
8.30 Entrati nel parcheggio dei "Movie Studios" € 3,50 3 3
  Giornata ai Movie Studios con biglietti gratis e panini fatti in camper con la spesa di ieri      
  Comprati 3 gelati "fai da te" € 7,20    
17.00 Ripartiti      
17.15 Presa autostrada A4 a Peschiera del Garda   7 10
17.25 Inizio A22   17 27
18.25 Inizio A1   86 113
19.55 Inizio A11   126 239
20.20 Usciti a Montecatini € 13,80 34 273
20.30 Sosta cena a casa della mamma di Lucy a Montecatini   7 280
21.30 Ripartiti e fatto scarico      
22.10 Arrivati a casae fine del Tour!   5 285
Totale Giornata 27 agosto 2004 € 24,50   285
Totale Viaggio € 1.703,32   4.691

 


COMMENTI: Lascia il tuo commento prima di tutti gli altri
ATTENZIONE: Per inserire un commento devi prima effettuare l'accesso al sito.

Camper nuovi disponibili in pronta consegna
608 nuovi in pronta consegna

Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita

Accessori in primo piano
HABA FOLDABLE DISH RACK SCOLAPIATTI PIEGHEVOLE HABA FOLDABLE DISH RACK SCOLAPIATTI PIEG...
In polipropilene. Dimensioni aperto: 315x3...
www.camperonsale.it
THETFORD CASSETTE C220 SERBATOIO SUPPLEMENTARE PER WC THETFORD CASSETTE C220 SERBATOIO SUPPLEM...
Per il nuovissimo WC Thetford Cassette C220!!...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina