Al Presidente

della Commissione dei Trasporti e del Turismo

del Parlamento Europeo

 

 

Preg. On. Paolo Costa

 

 

 

Il Rapporto Luis Queirò presentato a codesta Commissione dei Trasporti e del Turismo del Parlamento Europeo (Projet de rapporto sur les nouvelles perspctives et les nouveaux challenges pour la durabilitè du tourisme europeen) è omissiva del Turismo Itinerante che, invece, è una delle componenti imporanti del Turismo Integrato.

 

 

Per quanto sopra, inviamo a codesta spettabile Commissione le osservazioni unitarie delle Organizzazioni italiane del settore, in ordine alfabetico:

- Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti

- Confederazione Italiana Campeggiatori

- Federazione Nazionale A.C.T.ITALIA

- Unione Club Amici

 

Ecco gli aspetti del Turismo Itinerante che consentono di dare impulso culturale ed economico a livello europeo, confidando che le stesse siano rappresentate e fatte proprie dai membri di codesta autorevole Commissione.

 

 

Vincenzo Niciarelli, Presidente della Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti

Gianni Picilli, Presidente della Confederazione Italiana Campeggiatori

Epifanio Pastorello, Presidente della Federazione Nazionale A.C.T.ITALIA

Ivan Perriera, Coordinatore dell’ Unione Club Amici

 

 

Vicenza, 19 marzo 2005

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Osservazioni

 

Il Turismo Itinerante è: Autocaravan, Caravan,

Autobus turistici, Autovetture, Motociclette, Biciclette, Trekking.

 

L’autocaravan è autoveicolo

Dal 1992 in Italia l’AUTOCARAVAN (in gergo Camper) è disciplinata per la circolazione stradale come un autoveicolo (Codice della Strada, articolo 54).

La CARAVAN (in gergo Roulotte) è disciplinata per la circolazione stradale come un rimorchio (Codice della Strada, articolo 56)

 

Il turismo itinerante è attivo 365 giorni all’anno

L'aumento del reddito, del tempo libero e del sistema dei trasporti ha trasformato il turismo in un Turismo che dura 365 giorni all’anno alla ricerca di evasione in contrapposizione alla quotidianità: un allargamento dei contatti sociali per passare dal concetto di "vivere la vacanza alla giornata" in quello di "vivere la giornata di vacanza", valorizzando gli aspetti culturali ed economici del territorio visitato.

 

L’autocaravan è turismo ecologico

L’autocaravan, con i serbatoi di raccolta delle acque reflue, è autonoma e nessun problema di igiene pubblica può essere attribuito alla famiglia che la utilizza anche al di fuori di un campeggio. Come in tutti i settori del turismo può esistere un comportamento in violazione di legge ma giammai può essere generalizzato ad una categoria.

La famiglia in autocaravan fruisce di un territorio e riparte, lasciando il territorio come lo ha trovato.

 

L’autocaravan è famiglia

Su ogni autocaravan viaggiano mediamente tre persone. Il 9% dei camperisti sono pensionati ed il 30% delle autocaravan ha a bordo un animale domestico.

 

L’autocaravan è solidarietà sociale

Il 7% dei camperisti utilizza l'autocaravan quale ausilio protesico avendo a bordo un cittadino con disabilità il quale può, così, fruire il territorio a pari dignità e con le stesse opportunità.

 

L’autocaravan è sicurezza

La famiglia che viaggia o sosta a bordo di una autocaravan è facilmente indentificabile e riconoscibile. La sosta di una famiglia in autocaravan contribuisce anche al controllo del territorio perché è in grado di segnalare via cellulare alle forze dell’Ordine eventuali azioni criminose in atto dove sono parcheggiati.

 

Il Turismo Itinerante è anche Protezione Civile

Le infrastrutture utili al parcheggiare dell’autocaravan e degli autobus turistici (turismo della terza età, turismo scolastico, ecc …):

1) Parcheggi specifici delimitati oppure inseriti nel contesto di un parcheggio pre-esistente con stalli di sosta adeguati e riservati alla sosta di caravan ed autocaravan;

2) Aree di sosta attrezzate e delimitate con stalli di sosta adeguati e riservati alla sosta di caravan ed autocaravan. La sosta si intende con occupazione di spazio esterno al veicolo ed a tempo indeterminato, salvo regolamenti comunali, quali campeggi municipale privati e/o pubblici dotati di infrastrutture minimali;

3) Aree Attrezzate Multifunzionali idonee ad ospitare la sosta dei veicoli ed altre attività culturali, turistiche ed economiche;

sono utili anche ai cittadini residenti ed agli operatori della Protezione Civile in caso di calamità.

 

I sottoscritti sono a disposizione della Commissione da Lei presieduta per implementare e/o fornire ulteriori chiarimenti sugli aspetti che gli eurodeputati desiderano sviluppare con il nostro contributo.

 

Vincenzo Niciarelli, Presidente della Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti

Gianni Picilli, Presidente della Confederazione Italiana Campeggiatori

Epifanio Pastorello, Presidente della Federazione Nazionale A.C.T.ITALIA

Ivan Perriera, Coordinatore dell’ Unione Club Amici

Vicenza, 19 marzo 2005