CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Vai alla home page di www.CamperOnLine.itOlanda

di Massimo e Elisabetta

 

NOTE GENERALI

 

Periodo:                       Dal 26 giugno 2007 al 19 luglio 2007

 

Viaggio effettuato da: Massimo e Elisabetta (narratrice) con le figlie: Claudia 17 anni, Marta e Silvia

11 anni (gemelle)

 

Mezzo:                         Rimor Europeo 5 su Fiat 130 del 2007 CV 130,

                                    preso a noleggio, lunghezza 7,10 m

 

Km percorsi:               4720

 

Spese:

gasolio                                       598

 

traghetti                                        52

 

pedaggi                                        85

 

alimenti                                      480

 

Campeggi e AA                           440

 

Musei                                         130

 

Vignetta Svizzera                          27

 

Ristoranti                                    319

 

Altro                                           130

 

            Totale                                      2262  

 

 

 

PREMESSA

L’Olanda è un paese che può affascinare (a noi ha fatto questo effetto) per diversi motivi tra cui:

§         la tranquillità che ispira attraversando le sue campagne e le sue città, ad esclusione delle grandi città moderne (Utrecht, Rotterdam);

§         la bellezza delle sue opere d’arte, dall’architettura alle opere esposte nei musei (noi abbiamo visto i quadri di Van Gogh);

§         l’effetto che sia ha trovandosi su terre poste al di sotto del livello del mare, che viene esaltato passeggiando sulle dune erette allo scopo di fermare le acque del mare da cui si vede bene la terra più bassa del livello del mare;

§         la capacità tecnica nel progettare e realizzare opere di gestione delle acque, dai semplici impianti per sollevare le acque da un canale all’altro fino ad opere molto più complesse come le chiuse sul canale del Nord, il quale permette alle grandi navi di arrivare fino ad Amsterdam, ed infine il fascino delle dighe mobili che fanno parte del Progetto DELTA nelle regioni dello Zuid Holland e Zeeland.  

 

Per quanto riguarda il turismo itinerante non è un paese molto accogliente: è vietato parcheggiare i camper nel periodo notturno nella maggior parte del territorio. Le Aree Attrezzate per i camper si contano sulle dita di una mano. La possibilità di scarico delle acque e del WC chimico è limitata alle poche AA e quindi occorre ricorrere spesso ai camping. Di questi ce ne sono di frequenti ma abbastanza costosi.

Abbiamo avuto qualche difficoltà nell’utilizzo della carta di credito e della carta “bancomat” (circuito visa-electron) ma abbiamo risolto prelevando contante dai numerosi sportelli bancari.  

 

Tutto questo non ha impedito comunque di godere del fascino di questo meraviglioso Paese.

 

 

Martedì 26 giugno 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Caldine (FI) – AS vicino Lucerna (CH)

583

583

N 47.11281

E 008.23276

 

Ore15,00 in punto finalmente si parte. Il camper che ci hanno dato è nuovo appena ritirato dal concessionario. Direzione confine con la Svizzera. Ore 20,00 fermata a Como in un’area di servizio per cena e rifornimento gasolio. Ripartiamo e ci fermiamo verso mezzanotte in un’ampia area di servizio pochi chilometri dopo Lucerna, molto comoda, abbiamo dormito benissimo.

 

Mercoledì 27 giugno 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

AS vicino Lucerna (CH) - Ecternacht (L)

467

1050

N 49.8055

E 006.40793

 

Si parte direzione Maastricht. Durante il percorso, poco prima di arrivare a Trier ci viene in mente di fare una minima deviazione e fermarci a Ecternacht, in Lussemburgo.

Questo paese si trova a pochi chilometri da Trier, in territorio Lussemburghese ai confini con la Germania. Ci fermiamo nell’ampio parcheggio alle porte della città, in riva al lago. Il parcheggio è ombroso e ci sono già altri camper, che poi scopriremo che ci pernotteranno anche loro. Sono le 18,00  circa e decidiamo di tirare giù le bici. La cittadina è molto tranquilla e la giriamo facilmente. Ottima idea quella delle bici, in effetti è molto comodo per girare e noi non l’ avevamo mai provato. Torniamo al camper e ci facciamo una cena a base di zuppa vegetale e frutta. Dopo cena riprendiamo le bici ( ormai ci siamo appassionati) e facciamo tutto il perimetro del lago sulla comoda pista ciclabile. Serata molto distensiva.

 

Giovedì 28 giugno 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Ecternacht (LUX) - Hoge Veluwe (NE)

368

 

1418

N 52.03083

E 005.86621

 

Abbiamo dormito saporitamente e ripartiamo alla volta di Maastricht. Piove, si prende la strada per Bitburg. Viaggio liscio, arriviamo per l’ora di pranzo, ore 12,30 circa, pranziamo in un parcheggio di autobus lungo la Mosa nei pressi della stazione. Dopo lasciamo il camper in un parcheggio a pagamento lungo la Avenue  Ceramique, nell’ omonimo quartiere moderno. Tiriamo giù le bici e visitiamo la città. Sono due ore molto rilassanti:visitiamo i viali medievali, la piazza Vrijthof  e la Markt con il suo stadhuis e poi ci attardiamo ancora per le sue viuzze e lungo il fiume Mosa (qui Maas). È molto comodo viaggiare con le bici si vedono più cose e si ha una visione più d’insieme. Alle 18,00 decidiamo di ripartire e lasciamo Maastricht con un piacevole ricordo già dentro di noi. Arriviamo alle 20,30 circa al campeggio di Hoge Veluwe che si trova proprio di fronte ad uno dei tre ingressi all’omonimo Parco Nazionale. È un bellissimo campeggio tutto verde e molto ben organizzato servizi buoni carico e scarico camper.

 

Venerdì 29 giugno 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Hoge Veluwe

0

 

1418

N 52.03083

E 005.86621

 

Stamani ci siamo svegliati sotto una leggera pioggia, è freddino. Affrontiamo ugualmente la visita al parco. L’ingresso Schaarshergen è proprio davanti al parco. Facciamo il biglietto e prendiamo ciascuno una delle tante biciclette bianche, in dotazione al parco e comprese nel prezzo del biglietto. Facciamo un bel giro su uno dei percorsi riservati a questo mezzo di locomozione. Ci sono nuovi paesaggi, molto suggestivi, che variano: dalle fitte foreste, acquitrini, dune di sabbia e ampi tratti con bassa vegetazione cespugliosa. Di bestie abbiamo visto solo delle mucche Frisone e alcuni leprotti che per la verità affollano anche il campeggio. Ci fermiamo alla casa di caccia baronale,il Jachtuis Sint Hubertus, fatto costruire da Anton e Helene Kroller-Muller, gli originari proprietari del parco. Mangiamo qui i nostri panini e poi inforchiamo di nuovo le bici e ci dirigiamo verso il centro visitatori, dove c’è un piacevole percorso dimostrativo /istruttivo. Ultima tappa il Kloller-Muller  museum, uno dei più belli d’Olanda che ospita oltre che opere di Ricasso ,Grio,Renoir,Sisley e Monet. Anche una riguardevole collezione di Van Gogh fra le quali il suo auto ritratto e i mangiatori di patate. Questa raccolta rivaleggia con il più famoso museo di Van Gogh di Amsterdam.

Abbiamo fatto un bel giro di circa 30 km in bici , abbiamo visto un bellissimo museo con le opere di Van Gogh tra le sette famose ed abbiamo speso in totale (entrata al parco più museo) circa 58 euro in cinque. Anche se abbiamo preso un po’ d’ acqua, meno male che Massimo aveva insistito per le mantelline, è stata una bella e piacevole giornata. Doccia, cena e a letto.

 

Sabato 30 giugno 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Hoge Veluwe - Giethorn

110

 

1528

N 52.72144

E 006.06363

 

Partiamo dal campeggio alle 10,30 circa, dopo caricato l’acqua pulita, scaricato le acque sporche, sotto un cielo quasi sereno ed un bel sole. Direzione Giethorn. La strada scorre veloce, le autostrade olandesi scorrono bene, arriviamo ad un paese prima della nostra meta e ci fermiamo a fare la spesa in un supermercato ( equivalente ad una nostra in coop). Arriviamo a Giethorn per pranzo e mangiamo lungo un canale. Troviamo un Mini Camping vicino al porto turistico. Praticamente si tratta di una fattoria che ha attrezzato con corrente e servizi igienici un proprio terreno. Molto tranquillo, erboso, tutto compreso 19,50 euro per notte. Le 2 AA segnalate le troviamo in seguito, quando con le bici, visitiamo questo gioiellino di paese. Tutti canali piccoli sulle cui rive ci sono le loro casette caratteristiche, molte con il tetto di paglia e con accesso tramite piccoli ponti di legno. Torniamo al camper per cena. Poi passeggiata rilassante per digerire e a letto.

 

Domenica  1 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Giethorn - Den Oever

312

 

1840

N 52.93429

E 005.03976

 

Stanotte ha piovuto in abbondanza, il prato del mini campeggio la mattina era intriso d’acqua.

Facciamo tutte le nostre “manovre”e alle 11,30 circa partiamo. Nel frattempo è uscito un timido sole, ma nubi grigie incombono all’orizzonte. Abbiamo attraversato una parte della regione del Drenthe, prettamente agricola, piena di fattorie, animali, campi coltivati e acqua. Ci siamo fermati a Borger dove abbiamo pranzato e visitato il centro visitatori degli Hunebedden. Questi sono dei monoliti in pietra locale ( ne abbiamo visitato uno ) sul genere dei Dolmen e Menhir. Mi sono molto più  rimasti nella mente e fatto impressione però questi ultimi (mi ricordo per esempio nella bassa Bretagna). Abbiamo ripreso il viaggio e siamo arrivati nel villaggio di Bourtange, al confine con la Germania. Questo paesino mi è molto piaciuto, è una vera chicchina. È medievale ed ha 2 file di fortificazioni a forma di stella intorno alla città, con i fossati pieni d’acqua che corrono tutti intorno. Ci è piaciuta proprio tanto: l’atmosfera all’interno delle mura un po’ malinconica, l’acciottolato per terra ed un gruppo di locali accampati con una tenda, vestiti come all’epoca per ricreare meglio l’ atmosfera.

Usciamo dal villaggio e ci dirigiamo verso la diga di Afsluitdijk. La nostra meta è la AA dalla parte opposta, nel porto di Den Oever per passarci la notte. Nel frattempo il tempo si è schiarito e c’è un bel cielo celeste ed un sole pieno.

Arriviamo alla diga, nel mezzo, alle 20,20 circa e ceniamo qui, fra 2 mari, anzi fra il mar del Nord e il Jisselmeer che ormai non è più un mare, ma un lago. Dopo cena troviamo senza difficoltà l’AA a Den Oever e ci sistemiamo per la notte.

 

Lunedi 2 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Den Oever – De Koog (Texel)

66

 

1906

N 53.10432

E 004.77029

 

Dopo una notte tranquilla ed un sonno profondo, nonostante la vicinanza della A7, la strada che attraversa il mare sulla diga, ripartiamo. Direzione l’isola di Texel, da raggiungere con il traghetto che si prende a Den Helder. Ci fermiamo prima di imbarcarci a fare un po’ di spesa e poi prendiamo il traghetto delle 12,30. Sbarchiamo e pranziamo in un parcheggio di accesso ad una spiaggia a De Koog. Breve passeggiata per andare a vedere il Mare del Nord e le grandi dune delle spiagge sulla costa occidentale dell’isola. Ci muoviamo per sistemarci in uno dei tanti campeggi a De Koog, carissimo (116 euro per due notti) anche se molto ben curato e comodo. Inforchiamo le biciclette e prendiamo la pista ciclabile verso il faro di De Cocksdorp. Il tempo è bello , c’è il sole anche se è molto ventoso, ma questa pare sia una caratteristica di queste isole. Attraversiamo tutta la costa Occidentale fino al faro, 12 Km, più una piccola deviazione per  passare dal villaggio di De Cocksdorp, è un po’ faticoso per noi non molto allenati e per di più con forte vento contrario. Arrivati al campeggio ci siamo meritati una ricca, calda e comoda doccia (compresa nel prezzo con acqua calda a volontà) ed una carbonara per cena. Poi un po’ di lettura rilassante e a letto.

 

Martedì 3 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

De Koog (Texel)

40

 

1946

N 53.10432

E 004.77029

 

Stamani al nostro risveglio manco a dirlo: pioveva. Ci rovinava un po’ i piani che prevedevano giro in bici fino all’ecomare e pranzo a sacco. Cambiamo fortemente itinerario e, nell’attesa che il tempo migliorasse, girovaghiamo con il camper alla scoperta di questa deliziosa isola. Oosterend, con le sue case basse e minuscole, Ouldeshild con il suo piccolo porticciolo operoso dove pranziamo.

Alle 14,30 ci dirigiamo all’ecomare: bello questo centro noto per curare le foche malate ed ora ricomprende anche un piccolo museo interattivo e dimostrativo sulla vita di questo mare e sull’ecosistema in particolare dell’isola. Nel frattempo si sono fatte le 17,00, il tempo si è rimesso e decidiamo di riportare il camper in campeggio e di fare una passeggiata in bici. Bella e rilassante, sul percorso fatto ieri, ma percorriamo, lungo le grandi dune sulla costa Occidentale dell’isola, solo, si fa dire  6 Km. attraverso questo parco naturale che è tutta questa zona e ci siamo fermati a vedere la zona acquitrinosa di De Sluften che vista dall’alto di una duna, contro il mare del nord impetuoso e veramente affascinante. Torniamo al camper, doccia calda, cena, e poi passeggiatina rilassante a De Koog che è effettivamente un classico centro turistico senza nulla di rilevante.

 

Mercoledì 4 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

De Koog (Texel) - Enkhuizen

130

 

2076

N 52.70793

E 005.29800

 

Partiamo da questo bellissimo campeggio ed anche dall’isola. Prima ci fermiamo in uno dei 2 supermercati di De Koog a fare un po’ di spesa. Ci imbarchiamo alle 12,00 e poi ci dirigiamo verso Enkhuizen che visitiamo fino alle 16,00 circa. È molto carina, con tutte le sue case del ‘500 e ‘600 storte, la Westerkerk in fondo alla strada pedonale Westerstraat, il porticciolo interno(Onde Haven) e quello esterno (Buit Haven), il Drommedarius, la vecchia torre di avvistamento, utilizzata come sala per convegni. Poi lo Stadhuis(il municipio), la pesa pubblica, un bell’edificio con le imposte dipinte di bianco e rosso in fondo alla Westerstraat verso est. La pioggia non ci ha risparmiato neanche oggi , mentre aspettiamo che spiovesse abbiamo comprato le cartoline e qualche souvenirs. Decidiamo di pernottare nel campeggio sulla spiaggia a meno di 10 minuti dal centro, bello, nel verde il posto riservato ai camper, ma un po’ caro 35 euro per notte (un camper, più cinque persone, più la corrente) il camping Enkhuizen Zond. Ha il vantaggio però di essere vicino all’ingresso dello Zuiderzee museum che vogliamo visitare domani e siccome possiamo lasciare il camper fino al pomeriggio in parcheggio nel campeggio ci andremo subito dopo colazione senza nemmeno spostare il mezzo. Dopo cena ci facciamo una passeggiata e vediamo dove è l’ingresso al museo per domattina.

 

Giovedì 5 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Enkhuizen - Marken

66

 

2142

N 52.45681

E 005.10534

 

Al nostro risveglio, incredibile!! C’è il sole, colazione e subito visita alla parte all’aperto dello Zuiderzee Museum:il Buitenmuseum. Una bella ricostruzione di questa zona del Nord Holland. Prima di entrare nel museo al chiuso, il Buitenmuseum che si trova all’incirca a 300m dal primo, ci concediamo qualche prelibatezza ad un negozio di panificio pasticceria nella Westerstraat: ognuno sceglie ciò che più attira, tutto buonissimo. Il          ha invece sede in un edificio che era in passato sede di negozini di una compagnia mercantile Olandese. Mostra l’industria ittica Olandese e le tecniche per la costruzione delle dighe, oltre a costumi, porcellane, gioielli tradizionali di quell’epoca (1800 – 1900), il tutto è molto interessante e ben fatto. Partiamo dirigendosi verso Edam, lasciamo il camper in un parcheggio in una strada con tutte casette nuove basse e prendiamo le bici. Giriamo Edam velocemente, è molto piccolo il centro, la piazza dove ogni giovedì mattina fanno il mercato del formaggio è incredibilmente piccola. Decidiamo di fare un giro più lungo e visitare anche Volendam con le bici senza spostare il camper. Dista solo 2Km. e c’è una comoda pista ciclabile. Carina anche Volendam, è sul mare, proprio di fronte al porticciolo si vede in lontananza, dall’altra parte della baia, Marken, nostra prossima tappa. Percorriamo i 2 Km per il ritorno a Edam e riprendiamo il camper, direzione Marken. Arriviamo su quello che un tempo era un isolotto attraverso una striscia di terra sulla quale corre una strada. Sono le 19,20 circa e troviamo subito il parcheggio a pagamento segnalato da molti diari di bordo. Ci sono già altri 4 camper, entriamo, paghiamo 6 Euro + 50 centesimi ciascuno e decidiamo di pernottare rimandando a domattina la visita alla cittadina ed al famoso faro. La signora che ci fa il biglietto ci avverte che possiamo pernottare, ma se domattina vogliamo rimanere dopo le 8 occorre pagare un nuovo biglietto. E’ accogliente, ceniamo piacevolmente e poi un po’ di relax prima di dormire. Oggi abbiamo percorso 66 Km.  

 

Venerdì 6 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Marken - Amsterdam

38

 

2180

N 52.36526

E 004.95983

 

Ci svegliamo sotto un vento fortissimo e decidiamo che non è il caso di procedere alla visita di Marken ed il suo faro visto che comincia anche a piovere per di più. Ci dispiace e a malincuore cambiamo il programma e decidiamo di andare ad Amsterdam. Cerchiamo un parcheggio vicino al Van Gogh Museum, visto il cattivo tempo, per anticipare la visita di questo museo, ma dopo vari giri ci rendiamo conto che non è possibile trovare parcheggio. Andiamo quindi al campeggio Zeeburg, lasciamo il camper nella piazzola assegnataci, mangiamo velocemente un panino e poi prendiamo il tram, linea 7, appena oltre il ponte (informazioni chieste alla reception del campeggio dove per fortuna troviamo una gentile ragazza che parla italiano). Poco dopo le 13,30 siamo al museo. Il venerdì i ragazzi sotto i 12 anno entrano gratis e quelli sotto i 18 anni pagano solo Euro 2,50, almeno una fortuna ! Ci facciamo tutti i 200 capolavori di Van Gogh, molto belli ed anche utile l’audioguida in italiano (4 Euro). Usciamo alle 16,30 circa e vorremmo entrare alla Heineken Experience, la vecchia sede della fabbrica di birra dove adesso c’è un percorso dimostrativo su come viene prodotta la birra. Decidiamo, però, di non entrare perchè il biglietto costa 11 Euro e ci sembra eccessivo considerato che poi la degustazione (compresa nel biglietto) mia e delle bimbe sarebbe sprecata. Allora facciamo due passi e poi riprendiamo la Linea 7 che ci riporta al campeggio. Oggi è stata purtroppo una giornata un po’ deludente a parte la parentesi del museo che è stata molto bella.

 

Sabato 7 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Amsterdam

0

 

2180

N 52.36526

E 004.95983

 

Per fortuna il tempo è migliorato e stamani ci siamo svegliati con un cielo variabile fra nuvole e sole e l’immancabile vento. Compriamo i biglietti per i mezzi pubblici per 24 ore perchè non siamo ancora sicuri del tempo per l’utilizzo delle bici e poi vorremmo cenare ad Amsterdam per vederla anche di sera. Prendiamo la Linea 14 che ci porta in centro in 15’, scendiamo in piazza Dam e cominciamo la visita di questa città. Il palazzo della Regina Beatrice la Nieuwe Kerk, la chiesa dove vengono incoronati i sovrani di Olanda, il Damrak fino al vecchio palazzo della borsa adesso sede della filarmonica e di vari esercizi pubblici e la stazione centrale. Poi giù verso il Dem Wallen, il quartiere a luci rosse partendo dalla S. Nicolaas Kerk (il patrono di Amsterdam) attraverso il quartiere cinese. Arrivando alla Oude Kerk, la più antica costruzione di Amsterdam risalente al 1300 circa, vediamo anche le tristemente famose donne in vetrina, molte proprio a fianco della chiesa. Poi tanti Koffieshop dove viene venduto fumo e molto altro ancora. Arriviamo, sempre a piedi, in effetti non ci sono lunghi percorsi in questa città tutta molto contenuta entro i canali centrali, fino al Beghinaggio una sorta di “monastero” dove donne nubili, vedove, ecc. si prendevano cura di anziani. Poco più avanti c’è il Bloemenmarket, il mercato dei fiori, dove ci sono, fra gli altri, tulipani di tutti  i colori ed i semi di marijuana. Torniamo nei pressi del Beghinaggio e decidiamo di mangiare un trancio di pizza visto che sono circa le 13,00. Dopo prendiamo un tram fino al Domrak (2 fermate sole ma tanto abbiamo il biglietto giornaliero) e prendiamo un battelo per una gita sui canali, 6,50 Euro gli adulti + 4 Euro i bambini. Amsterdam vista dall’acqua ha un altro sapore, anche se il tratto che percorriamo (1ora) non è, ovviamente, tutta la città. Ritornati al Domrak attraversiamo la strada fino alle pensiline presso la stazione centrale e prendiamo il tram n° 17 in direzione della casa di Anna Frank. Scendiamo e passiamo davanti alla Westerkerk, subito a fianco c’è la casa di Anna Frank, ma c’è una fila direi imponente e dopo una breve sosta su una panchina e la lettura di ciò che dice la guida di questo museo decidiamo di provare a salire sulla torre campanaria della Westerkerk per una vista dall’alto dopo i 465 gradini. Sono quasi le 16,00 ed all’ingresso ci dicono che ormai per oggi è tutto pieno, buca anche qui.

Decidiamo allora di tornare al campeggio per una fermata ai bagni ed un breve riposo per poi tornare in centro senza borse e borsini per goderci la cena e Amsterdam by night.

Riprendiamo il tram n° 14 alle 19,00 circa, ormai siamo diventati esperti e scendiamo in piazza Dam. Entriamo in una Steak House Argentina, o almeno così dice l’insegna, sulla Domrak ci gustiamo un piattone di carne alla griglia con insalata e patate fritte a parte. Passeggiata per il centro: piacevolissimo e poi di nuovo il nostro tram 14. Arrivo al campeggio alle 22,00 circa e a nanna. Domattina ci attende un’altra giornata in questa fantastica città.      

 

Domenica 8 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Amsterdam

0

 

2180

N 52.36526

E 004.95983

 

Sole pieno! Ci aspetta una meravigliosa giornata quasi estiva. Inforchiamo le bici e, seguendo i cartelli appositi per le bici, arriviamo in centro facilmente. Con le bici è veramente un piacere: piazza Dam, la Remembrandthuis, la Gassan Diamone (che emozione vedere i veri diamanti del Sud Africa). A proposito ad Amsterdam non ci sono bagni pubblici, nemmeno nei locali è molto facile trovare, ma dentro Gassan ce ne sono di ottimi. Dopo la visita a Gassan mangiamo un tramezzino e poi giù con le bici verso i canali occidentali: Reguiliersgracht con le sue caratteristiche case e la sua tranquillità, arrivati all’altezza della Amsetlkerk, una chiesa tutta in legno bianco, giriamo verso destra imboccando Prisengracht, molto carino con le sue boat house tutte fiorite e tutti i suoi caffè. Arriviamo in cima, sbucando sul porto, dietro la Central Station, fino al terminal passeggeri delle navi. C’era ormeggiata un enorme nave da crociera della Costa e quindi ci viene la curiosità di dare, nei prossimi giorni, uno sguardo al Noordzeekanal grazie al quale questi giganti del mare possono arrivare fin qui. Uno sguardo da fuori a Nemo e all’Amsterdam” ormeggiata subito a fianco, sul tetto di Nemo vediamo gente che prende il sole. E’ proprio organizzato come una spiaggia: ombrelloni, sdraio, ecc. E’ arrivato il momento di rientrare, lasciamo questa bella ed accogliente città facendo ancora un rapido giro tra il quartiere a luci rosse, Piazza Dam, il Damrak, la Central Station e poi verso il campeggio. Doccia rigenerante, cena leggera, gelato e a nanna. Ci porteremo dietro tanti bei ricordi.

 

Lunedi 9 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Amsterdam - Delft

276

 

2456

N 51.99829

E 004.37259

 

Ci svegliamo ancora con il sole, si parte dal camping Zeeburg direzione i mulini a vento di Zaanse Schans nei pressi di Zandam. Distano solo una decina di chilometri da Amsterdam e dunque in pochissimo tempo ci siamo. Sono 6 mulini a vento funzionanti in riva al fiume Zaan ed intorno è sorta una specie di accoglienza turistica con negozi di souvenir in casette costruite secondo le loro tradizioni. Per entrare si paga il parcheggio, 6,50 Euro per tutta la giornata, è carino ed i mulini sono belli e veramente funzionanti ma purtroppo non riusciamo a finire la visita tra i negozi per un improvviso acquazzone. Usciamo e troviamo un supermercato per fare la spesa poi ci dirigiamo verso Ijmuiden, sulla costa del mare del Nord. Parcheggiamo lungo il canale nei pressi del terminal passeggeri seguendo le indicazioni per “Iluizen” che pensiamo voglia dire “chiusa”. Pranziamo e poi attraversiamo a piedi le chiuse. Queste sono state costruite sul Noordzeekanal per bloccare il mare del Nord all’ingresso di questo fondamentale canale che permette la navigazione anche di grosse navi fino ad Amsterdam. Ci sono due serie di chiuse più piccole che servono per fare passare le chiatte e le imbarcazioni più piccole, 1 più grande per quelle con più pescaggio ed infine la più grande, al centro, la chiusa meridionale, Zuidersluis, che serve alle grandi navi da crociera e le enormi porta-container. E’ lunga 450 m e larga 50 ed ha un pescaggio di 15 metri. È stato proprio bello vedere passare una enorme porta container che per nostra fortuna è arrivata in questo momento, con tutte le manovre dei due rimorchiatori che servono per farla passare correttamente. Ci siamo poi diretti all’ Aia con l’idea di darle solo uno sguardo. Abbiamo parcheggiato il camper davanti alla corte internazionale di giustizia (Vredespaleis, via cornegiesplein 2) dalle 17,00 in questa zona il parcheggio è gratuito. Uno sguardo da fuori in questa importante istituzione delle nazioni unite, una passeggiata per il centro, la residenza reale, la Grote Markt, il Binnenhof e i suoi edifici dove ha sede il parlamento Olandese. Ci ha dato l’idea di una città abbastanza moderna, operosa, elegante e con un aria molto sobria, almeno dopo Amsterdam non fa molta impressione. Riprendiamo la strada verso Delft e dopo vario vagare troviamo l’università (TU Delft) dove era segnalata nei suoi parcheggi da qualche camperista, sosta notturna tollerata. Nei suoi ampi, tanti parcheggi, però non si vede nessun camper per cui cerchiamo altrove. Troviamo un campeggio seguendo dei cartelli indicatori, un po’ con difficoltà e ci troviamo un altro camper di Treviso che sta chiedendo informazioni. Il proprietario è perplesso dalla pesantezza dei mezzi da sistemare sul prato, si raccomanda di entrare e procedere pianissimo. Dopo breve consultazione con l’altro camper decidiamo di allearci e di pernottare in due ( almeno non siamo soli ) in uno dei parcheggi dell’università. Il posto che scegliamo è ottimo e si rivela molto tranquillo.

 

Martedì 10 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Delft - Reeuwijk

215

 

2671

N 52.05404

E 004.73297

 

Notevole dormita anche se stamani è iniziata la vita di questo importante polo universitario e quindi transito di mezzi, gente, ma comunque accettabile. Prendiamo le bici e visitiamo Delft: carina, molto accogliente, piacevole da viverla. Pranziamo con i loro Pancake e dopo ritorniamo al camper.

Alle 15,00 circa ripartiamo con l’intenzione di fermarci a Gouda per la notte, ma dopo molte peripezie riusciamo a capire che non ci sono campeggi. Non vogliamo andare nella segnalata AA che pare nel centro di Gouda in quanto chi c’è stato diceva di stare attenti ai furti e poi non molto tranquilla. All’ufficio informazioni ci danno il nome del campeggio più vicino a Reeuwijk a circa 5-8 km, ma causa un’interruzione per lavori ci tocca fare un giro più ampio anche entrando di nuovo sulla A12. E’ stata una fila continua e praticamente abbiamo passato il pomeriggio in fila. Il campeggio è bello, ma le piazzole erbose sono piene d’acqua e poco stabili per il pesante camper e quindi sostiamo su una delle stradine asfaltate interne al campeggio. Dormiamo comunque di sasso dopo una frugale e tardiva cena.

 

Mercoledì 11 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Reeuwijk – Albasserdam (Kinderdijk)

56

 

2727

N 51.86252

E 004.65077

 

Ci svegliamo rinfrescati dalla bella dormita e decidiamo che ne abbiamo abbastanza di questa caotica zona. Ci dirigiamo direttamente all’AA dei mulini di Kinderdijk piove, arriviamo ad Albasserdam e non troviamo subito l’AS, ci dirigiamo verso Kinderdijk e vediamo i 19 mulini a vento. Decidiamo di fermarci nel parcheggio poco prima dei mulini a mangiare, sperando che smetta di piovere o almeno diventi accettabile per girare con l’ombrello. Torniamo ad Albasserdam cercando l’AS e scopriamo che, probabilmente a causa lavori non c’è l’originaria area di sosta che è comunque ancora segnalata da cartelli sulla strada. Esiste invece un parcheggio, probabilmente più piccolo di quello originario, proprio a fianco dell’ attracco degli waterhis sul fiume. Un po’ riluttanti ci fermiamo in questo parcheggio insieme ad un solo camper francese. Ormai è troppo tardi per la visita anche se il tempo ora è accettabile. Ci proponiamo domattina la visita ai mulini, speriamo bene con il tempo!

 

Giovedì 12 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Albasserdam – Brugge (B)

305

 

3032

N 51.19604

E 003.22544

 

Stamani al nostro risveglio il tempo è più accettabile e ci prepariamo alla visita dei mulini. Il parcheggio è pieno di camper che sono via via arrivati dopo di noi per pernottarci. Decidiamo di non prendere le bici per evitare di bagnarci in caso di acquazzone improvvisa e parcheggiare il camper nel grande parcheggio circa 500m prima dei mulini dove abbiamo mangiato ieri. Ci portiamo dietro gli ombrelli e partiamo a piedi. Il parcheggio all’ingesso dell’area costa 4.50 euro per 2 ore invece dove abbiamo lasciato il nostro mezzo è gratuito. Belli i mulini tutti e 19 lungo 2 canali e perfettamente restaurati. Uno si può visitare ed entriamo (3euro per adulti più 1.80 euro da 6 a 16 anni). È molto interessante e, miracolo! La bigliettaia ci da un opuscolino in italiano(il primo in Olanda) dove si può capire meglio il tutto. Torniamo al camper soddisfatti anche il tempo a tenuto e non  c’è stato bisogno di aprire gli ombrelli, e partiamo soddisfatti con destinazione lo Zeeland per visitare la zona sul Mar del Nord dove hanno realizzato il progetto Delta. Hanno realizzato un importante opera per poter fermare il Mar del nord che in questa zona a prodotto notevoli danni nel corso del secolo. Il mare inondava queste terre durante le tempeste più violente e quindi hanno costruito dighe fisse ed una serie di dighe mobili, che si possono alzare ed abbassare, chiudendo i tratti di mari fra le tre isole dello Zeeland.

A metà della strada N57,che abbiamo percorso tutta e sulla quale ci sono queste opere, ci siamo fermati al centro Delta Expo dove illustrano il tutto, dopo avere pranzato su di una diga in riva al Mar del Nord. Non ci entriamo al museo perchè è compresa anche la visita al parco dei delfini e divertimento e non è possibile vedere solo il museo. Il tutto per la cifra di 17,50 euro ciascuno che per cinque fa una discreta somma che aveva un senso magari arrivando la mattina e rimanendoci tutto il giorno, ma entrare alle 15,00 come noi abbiamo ritenuto fosse sprecato e troppi soldi ( 6 euro per uscire dal parcheggio). Proseguiamo verso un’area di sosta segnalata da un camperista nei pressi di Wissenkerke che però non troviamo. Ricomincia a piovere e decidiamo di abbandonare l’Olanda, attraversare il tunnel sottomarino e di entrare in Belgio: direzione Brugge. Entriamo in Brugge, cittadina tranquilla, e troviamo senza difficoltà l’AA segnalata ( bella, comodissima per arrivare in centro 10’ a piedi, CS 50cent, acqua 50cent, 24 h sosta 15 euro, scarico acque grigie ). Giro in centro cena in Bistrò e poi nanna.

 

Venerdì 13 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Brugge (B) – Echternat (LUX)

370

 

3402

N 49.8055

E 006.40793

 

Ci svegliamo con un cielo grigio, ma non piove. Abbiamo intenzione di fare CS e poi uscire per non dover ripagare i 15 euro ma fare un altro giro in città. Merita proprio, è carina da morire poi con tutta quella cioccolata!!

Parcheggiamo il camper nell’apposito parcheggio diurno proprio davanti all’AA:5 euro per 4 h e poi via a visitare questa deliziosa cittadina. Cioccolata, bei palazzi medievali, piazzette romantiche, waffel squisiti e stradine tortuose. Alle 14.30 in tempo per lo scadere delle 4 h ritorniamo al camper, rapida spesa in un Super e poi salutiamo questa cittadina veramente bella e accogliente. Ci dirigiamo verso Trier dove pernotteremo per poi raggiungere domani Schaffausen ( le famose cascate del Reno ) così il viaggio di rientro lo diluiamo e non facciamo stracanate. Invece, nei pressi della città di Lussemburgo, cambiamo idea e decidiamo di andare a dormire nella bella area di sosta sul lago a Echternat dove abbiamo già sostato all’andata. I km sono più o meno gli stessi. Bel posto, tranquillo e rilassante, cena poi passeggiata sul lago, le ragazze si sfogano ai bei giochi dei quali è dotata l’area del lago.

 

Sabato 14 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Echternat (LUX) – Schaffausen (CH)

454

 

3856

N 47.67395

E 008.60893

 

Abbiamo dormito benissimo ed oggi ci aspetta un’altra giornata di trasferimento: obbiettivo Schaffausen. Si parte alle 9.30, come al solito non riusciamo a partire prima. Arriviamo nell’AA per camper a fianco delle cascate e ci sistemiamo per la notte, abbiamo già cenato lungo la strada dove abbiamo fatto anche una lunga sosta sul bellissimo altopiano lungo la strada che da Friburgo arriva a Schaffausen. L’AA costa per la notte ( dalle 19 alle 9 ) 7.00 euro e il giorno ( dalle 9 alle 18 ) 3.50 euro.

 

Domenica 15 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Schaffausen (CH) – Livigno

288

 

4144

N 46.54793

E 010.14417

 

Ci svegliamo dopo una saporita dormita in quest’area verde. Visita alle cascate del Reno: bellissime e imponenti, passeggiata lungo il corso del fiume bellissima giornata calda. Paghiamo l’AA: 10.50 euro e riprendiamo la nostra strada verso Sud: obbiettivo Livigno. Percorriamo una strada stupenda, dopo le autostrade svizzere, attraverso le sue montagne il navigatore ci fa passare da un passo mozzafiato ( ci dobbiamo purtroppo affidare solo a lui per mancanza di carta ) passo Ambula 2310 m, quando arriviamo in cima ci sembra di aver superato un esame ( altro che Trollstinge in Norvegia dell’anno scorso )ma il panorama era stupendo. Arriviamo a Livigno dal passo Forcola, prendiamo posto all’AA all’inizio del paese, cena, passeggiata per il paese e a letto.

 

Lunedi 16 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Livigno -  Santa Caterina Valfurva

56

 

4200

N 46.41194

E 010.51507

 

Al nostro risveglio ci facciamo un’altra passeggiata per il paese, un po’ di spesa e poi decidiamo di andare a pranzo sul passo del Foscagno, sulla strada per Santa Caterina Valfurva. È una bella strada e ci godiamo il panorama. Arriviamo a Santa Caterina e prendiamo posto nell’AA, molto bella nel verde, gestita da un agriturismo situato proprio li davanti. Ci facciamo un giro in paese con le bici, cena presso l’agriturismo, lucugliana, ri-girata per digerire e a letto.

 

Martedì 17 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Santa Caterina Valfurva

0

 

4200

N 46.41194

E 010.51507

 

Oggi giornata di relax in questo posto stupendo, camminata fino al rifugio Paradiso e ritorno. Poi una pedalata, doccia, cena e a letto.

 

 

Mercoledì 18 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Santa Caterina Valfurva

0

 

4200

N 46.41194

E 010.51507

 

Altra giornata di relax, abbiamo preso l’impianto fino al Sunney Valley ( quota m 2800 e qualcosa ) poi discesa a piedi fino al rifugio paradiso ( quota 2000 m ) pranzo al sacco, relax al sole e rientro a Santa Caterina alle ore 16.00 circa ( quota m 2700 e rotti ). Sembra facile, ma si fatica ugualmente anche in discesa specialmente se la discesa “ picchia “ come quella. Doccia, rimessa a posto generale in vista della partenza di domattina per casa ( sigh!! ) ed alle 20.00 ci aspetta una cena luculliana all’agriturismo.

 

Giovedì 19 luglio 2007

Tappa

Km tappa

 

Km totali

Coordinate

Destinazione

Santa Caterina Valfurva – Caldine (FI)

520

4720

 

 

Ore 8.00 partenza da questo paradiso. La vacanza estiva è ormai finita. Questi ultimi 4 giorni di montagna sono stati veramente rilassanti e con negli occhi il cielo stellato di ieri sera come era da tempo che non avevamo visto si torna verso il nostro tram tram quotidiano non senza una punta di rimpianto. Siamo arrivati a casa alle 16.00.

 

Per qualunque ulteriore informazione: m.cavicchi@libero.it


Viaggio effettuato nel Luglio 2007 da Massimo ed Elisabetta

Potete trovare ulteriori informazioni sulle località toccate da questo itinerario nella sezione METE, e i più recenti aggiornamenti alla situazione delle aree di sosta nella sezione AREE DI SOSTA.


Camper nuovi disponibili in pronta consegna
678 nuovi in pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Accessori in primo piano
VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER REGOLATORE SOLARE VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER ...
Display per regolatori solari MPPT, si colleg...
www.camperonsale.it
VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 A) REGOLATORE DI CARICA PER MODULI FOTOVOLTAICI VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 ...
Specialmente quando il cielo e' nuvoloso o qu...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina