CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Vai alla home page di www.CamperOnLine.itOLANDA e GERMANIA

 

Percorso totale 5000 Km dal 20 Luglio al 12 Agosto 2005

 

Equipaggio:

  • Sal, Laura, Rick (16 anni) e Veronica (14 anni), su
    Roller Team Autoroller 2 del 2003 su Fiat Ducato 15 Jtd 2000

 

 

Viabilità:

eccellente ovunque, ed ovunque assolutamente gratuita!!

In compenso è finita la festa del gasolio a poco prezzo all’estero: costa dovunque decisamente troppo!

Per la prima volta abbiamo utilizzato quest’anno un navigatore satellitare e lo consigliamo vivamente a chi ci sta pensando sopra: praticissimo sia nei lunghi spostamenti, con precise indicazioni alle diramazioni autostradali e con la corretta individuazione delle uscite più convenienti, sia nei centri abitati, dove ci siamo fatti portare in mezzo ai centri storici a volte individuando a tavolino il parcheggio e trovando subito al primo colpo l’oggetto delle nostre visite. Per non dire della possibilità di individuare con immediatezza e raggiungere con facilità il più vicino punto di assistenza ufficiale della marca che vi interessa: quando abbiamo avuto problemi al nostro Fiat Ducato, trovare il punto di assistenza ufficiale e risolvere il problema perdendo solo due ore compreso tutto è stato impagabile!! 

 

Acquisti:

per quanto paradossale, nella modernissima Olanda abbiamo avuto grandi difficoltà nell’utilizzo delle carte di credito e della carta “Bancomat” (circuito Cirrus/Maestro), con la sola esclusione di Amsterdam. Altrettanto dicasi in Germania, dove abbiamo di tanto in tanto potuto utilizzare la suddetta carta “Bancomat” e dove di frequente venivano accettate le sole “vecchie” carte EC. In entrambi i paesi l’uso della carta di credito è di fatto limitato ai soli distributori di carburante. In buona sintesi abbiamo dovuto effettuare frequenti prelievi ai diffusi ATM e viaggiare con troppo contante in tasca. Avevamo avuto meno difficoltà nell’Europa dell’est…

I prezzi dovunque in linea con quelli Italiani. Per la prima volta in tanti anni all’estero, in Germania abbiamo mangiato benissimo in ristoranti e pizzerie a prezzi frequentemente inferiori a quelli di casa nostra, per non dire dei gelati, essenzialmente prodotti da italiani, che abbiamo trovato con prezzi inferiori a quelli della nostra zona di almeno il 30%! 

Infine, incredibile l’assenza di piatti di plastica nei giganteschi supermercati tedeschi!

 

Campeggi:

frequenti e poco costosi, si sono rivelati in genere grandi spiazzi erbosi a volte alberati dove spesso ciascuno può sistemarsi dove e come vuole.

In tutta la Germania sono in genere costipati di turismo locale stanziale (del tipo con i nani da giardino nell’area di fronte alla caravan), ma conservano comunque sufficiente spazio per gli itineranti. I servizi igienici sono in genere di livello modesto e piuttosto essenziali. I nordeuropei, comunque, sembrano non farci caso.

Per quanto concerne le Aree Attrezzate, in Olanda sono di fatto inesistenti, non si può nemmeno dormire in aree non dedicate allo scopo. A parte qualche raro parcheggio, dunque, ci siamo dovuti servire essenzialmente dei camping. In Germania la situazione è differenziata: abbiamo dormito frequentemente in normali parcheggi, in genere senza problemi. Lungo tutta la Valle della Mosella le Aree erano tutte “issime”: frequentissime, economicissime, a volte bellissime, a volte grandissime. Comunque una ogni pochi chilometri sia da un lato che dall’altro del fiume, alternate a campeggi dai quali non si distanziano sotto quasi nessun aspetto. Appena arrivati sul Reno, però, la musica cambia decisamente e si ritorna alla normalità di sempre.

Rarissimi i punti di scarico per i WC nautici: sarà dunque il caso di attrezzarsi con i raccordi e con le apposite cassettine.

 

Lingua:

nessun problema in Olanda: chiunque (ma proprio chiunque, anziani inclusi!) parla l’Inglese. Tutti hanno una grandissima disponibilità e sono in genere allegri e ben disposti. Non si poteva chiedere di meglio se non di avere un tempo meno piovoso…

Anche in Germania nessun problema per chiunque parli il tedesco. Per tutti gli altri, beh…, disponibilità scarsa ed Inglese scarsissimo, anche nelle zone a maggiore impatto turistico. In bocca al lupo anche a Voi!


Quest’anno abbiamo optato per un itinerario che percorra l’Europa da Nord a Sud, partendo dall’Olanda, dove Laura lavora da qualche mese, per attraversare la Germania seguendo in parte il corso dei suoi grandi fiumi: Mosella, Reno, Nekar e Danubio.

Giunti in Olanda abbiamo speso però sul posto più tempo di quanto preventivato per visitare la caratteristica regione del Noord Holland, che nei nostri precedenti viaggi avevamo trascurato. Per questo, giunti ad Heidelberg il tempo a nostra disposizione era esaurito, e con lui la nostra visita al Danubio tedesco. Sarà per un’altra volta.

 

Mercoledì 20/7/05

Partenza ore 10.00 da Viterbo,in direzione Tuscania, Montalto, La Spezia, Parma, Como. Arrivo a Como/Chiasso alle 19.00. Sbrighiamo senza problemi le formalità di frontiera, che in realtà si concretizzano nella verifica dell’esposizione della Vignette per il pedaggio autostradale. Avevamo già provveduto all’acquisto presso la delegazione ACI della Nostra Città prima di partire per 27 €.  Alle 20.30 arriviamo all’Ospizio San Gottardo, dove pernottiamo insieme ad altri camper di varia nazionalità. L’Ospizio è una località posta proprio in cima all’omonimo passo. Si raggiunge in alternativa al traforo passando dall’apposita statale, che presenta un dislivello importante ma senza difficoltà di particolare rilievo. Il paesaggio è incantevole, e proprio prima del passo si trova un apposito parcheggio che permette di godere della vista su tutta la valle. In cima ci sono 4°C, a fronte dei 34°C della partenza. I posti dove pernottare sono numerosi e situati intorno ai diversi piccoli laghi di montagna che costellano l’Ospizio. La notte sarà tranquillissima.

 

Giovedì 21/7/05

Si riparte alle 8.30, con la nebbia, in direzione Lucerna, Basilea, dove arriviamo alle 10.35, Karlsruhe, Koln. Alle 18.30 siamo ai confini con l’Olanda ed alle 19.30 siamo presso il Campeggio De Zeven Linden, situato in Zevenlindenweg 4, a due Km da Baarn in direzione Hilversum, dove abbiamo intenzione di fermarci qualche giorno. Recuperiamo Laura, che si trova a Baarn e ci apprestiamo alla nostra prima notte in Olanda. Il campeggio è composto da diverse aree erbose con posti numerati, è dotato di docce calde a pagamento e bagni confortevoli considerati gli standard nord europei. Liberi a spasso sui prati vagano conigli e passeracei vari, mentre in appositi recinti si trovano un asino ed altri animali da cortile. Abbiamo pagato circa 26 € al giorno in 4 adulti + camper senza allaccio elettrico (€ 1,5 al giorno).

 

Venerdì 22/7/05

Accompagnamo Laura per l’ultimo giorno di lavoro ad Utrecht, e ne approfittiamo per sistemare un po’ le persone ed il camper. Nel pomeriggio spesa, manutenzione per le biciclette e cena da Irene, la nostra corrispondente in Baarn.

 

Sabato 23/7/05

Partiamo alle 12.30 per visitare Zaanse Schans. Si tratta di un paesino poco a nord ovest di Amsterdam dove si può visitare l’ambiente di un paese olandese del 1700. Il paese è stato interamente ricostruito nel dopoguerra utilizzando le strutture originali provenienti da un’altra località olandese e che avrebbero dovuto essere distrutte. Arriviamo alle 13.30 e pranziamo nel comodo parcheggio dedicato ai bus di fronte all’ingresso del paese (ticket 7€ per l’intera giornata) e visitiamo il paese, costellato in realtà di negozi di souvenir e prodotti tipici ad ogni angolo, ma dotato in effetti di ponti, mulini e canali alla stregua dei paesini (questa volta reali) che visiteremo in seguito.

Stante il divieto di pernottare al di fuori delle rarissime aree autorizzate in tutta la nazione, rientriamo a dormire in campeggio.

 

Domenica 24/7/05

Alle 12.00 partiamo per un giro della costa nord orientale del Noord-Holland: passiamo per Durgerdam (prendere per il Ring 10 di Amsterdam e seguire l’uscita) per raggiungere l’Isola di Marken. Qui troviamo l’immancabile e costoso parcheggio alle porte del paese, prepariamo le nostre due bici, ne affittiamo altrettante e visitiamo questa che un tempo era un’isola di pescatori ed oggi è una località turistica tra le più visitate della zona. Effettuiamo il giro dell’isola, passeggiamo per il paesino e ripartiamo in direzione Monnikendam. Per strada inizia il quotidiano temporale, che non ci scoraggia dalla visita (ingresso in paese 1€ pro capite). Nel paese si festeggia, come ogni anno, l’anniversario della proclamazione del libero Comune: quest’anno ricorrono i 650 anni, e la popolazione ha agghindato il paese a festa trasformandolo in un borgo medioevale, dove gli abitanti stessi circolano per le strade in costume tra locande, tavolate all’aperto e musica. La pioggia non ci permette di godere appieno dello spettacolo e decidiamo di ripartire per Volendam, Edam, Hoorn. Continua però a piovere molto e, anche considerata l’ora, decidiamo di fermarci ad Hoorn, dove dormiano nel parcheggio a pagamento di fronte alla stazione dei treni ed all’ingresso della città. Il posto è tranquillo, alberato e dormiamo benissimo. Il park costa € 1,3 al giorno ed è comodissimo per le visite.

 

Lunedì 25/7/05

Lo scopo della nostra visita è di effettuare un caratteristico viaggio nel Nord Holland con un treno a vapore, che porta da Hoorn a Medemblik, quindi in nave da Medemblik ad Enkhuizen, ed infine con le ferrovie ordinarie sino ad Hoorn. Il costo dell’intero tour, che dura circa 4 ore, è di €uro 77,80 per quattro adulti, ed include le visite a due musei. L’esperienza vale tutto il suo costo: prima della partenza abbiamo visitato diverse macchine a vapore (sia treni che tram) custoditi nella stazione, aiutati da un volenteroso impiegato che in buon inglese ci ha illustrato il funzionamento e la storia delle varie macchine. Il viaggio attraversa la tipica campagna olandese, tutta canali, mucche e prati a perdita d’occhio, e prevede soste in antiche stazioni. A due passi dall’arrivo si trova il porto da cui salpa la nave per il ritorno. Purtroppo il persistente maltempo non ci permette di godere della vista delle coste. A ridosso del porto di arrivo si trova la stazione delle ferrovie “ordinarie” per il ritorno ad Hoorn. Soddisfatti, decidiamo di rientrare a dormire al solito campeggio di Baarn.

 

Martedì 26/7/05

Passiamo la mattinata ad oziare ed sistemare persone e camper, mentre il pomeriggio optiamo per una visita ad Amsterdam. Dal campeggio si possono prendere autobus verso i due maggiori centri, che si trovano a pochi Km. Gli autobus sono piuttosto costosi (€ 2,5 x ticket), mentre raggiungere la stazione di Baarn, situata a tre Km utilizzando l’immancabile e sicurissima pista ciclabile è questione di pochi minuti. I treni sono frequenti (due l’ora) ed impiegano circa mezz’ora per arrivare in centro. Abbiamo già provato che questa sistemazione risulta più comoda, veloce e meno costosa per la visita di Amsterdam che non infilarci con il camper nei campeggi della città, che abbiamo trovato a suo tempo sporchi, rumorosi e costosi. Siamo abbastanza pratici della città, intendiamo andare al mercato dei fiori per l’acquisto dell’ennesima pianta succulenta e di qualche orchidea. Arriviamo un po’ tardi (in Olanda tutto o quasi chiude alle 18.00) ma riusciamo comunque ad accaparrarci una bellissima pianta grassa “crestata” di medie dimensioni alla ridicola cifra di € 4,50! La pianta ci accompagnerà sul vano portaoggetti del nostro Ducato per tutto il viaggio. Passeggiata comunque per il centro, acquisti vari già mirati e decisi prima di partire e rientriamo in tarda serata in campeggio.

 

Mercoledì 27/7/05

Usciamo tardi, alle 12.00, in direzione Edam per vedere il Kaase Markt, il caratteristico mercato del formaggio che si tiene tutti i mercoledì estivi. Arriviamo giusto in tempo per vedere le ultime cose ed acquistare un po’ di ottimo Edamer. La visita al paese, invece, non risente dell’orario: si rivela un delizioso paesino in perfetto stile locale, ottimamente tenuto e pieno di vita. Ripartiamo quindi in direzione Hoorn: il tempo sembra tenere e vogliamo visitare i borghi che abbiamo solo intravisto in precedenza. Ad Hoorn ci fermiamo nel solito comodissimo ed economicissimo parcheggio dove in serata ci fermeremo a dormire. Anche Hoorn si rivela molto graziosa. Nel pomeriggio la grande zona pedonale è ancora animata dal “mercatino delle pulci” che vi si svolge settimanalmente. La cittadina stessa è godibilissima, attraversata da una lunghissima zona pedonale che collega la stazione al porto. Quest’ultimo è una delizia per gli appassionati di vela, pieno com’è di barche bi e tri albero in foggia settecentesca.

 

Giovedì 28/7/05

Nuovo giro per Hoorn, destinato alla  visita di una caffetteria che prometteva bene. La consueta crisi di astinenza da caffeina non è stata comunque soddisfatta dal lungo e tiepido “espresso” olandese, e siamo ripartiti per Enkhuizen. Questa è risultata una delle tappe più gradevoli del viaggio, con il suo animatissimo centro pedonale e le costruzioni tipiche olandesi. Si tratta dell’ennesimo villaggio di pescatori che, vista distrutta l’economia locale dalla costruzione della grande diga Afsluitdijk, si è votato con successo al turismo, attratto dalla vista delle case dei ricchi commercianti e pescatori dell’800. Dopo la visita partenza per Den Oever, punto d’inizio della famosa Afsluitdijk appunto, la Grande Diga. La visita rappresenta il punto più a Nord del nostro percorso ed ha un valore più simbolico che turistico, una specie di omaggio alla grande opera che ha separato per sempre il Waddenzee dal Ijsselmeer. Alle 13.45 siamo fermi proprio in mezzo alla diga, invertiamo la marcia per ritornare verso il Noord Holland e ci fermiamo per pranzo in una bella insenatura proprio sul mare. Ripartiamo con calma in direzioner Otterloo, dove arriviamo alle 18.00, con l’intento di pernottare nel campeggio interno al parco De Hoge Veluwe. Il campeggio è però situato presso un altro ingresso del Parco De Hoge Veluwe, quello di Hoenderloo. Vista l’ora tarda ci viene comunque concesso di attraversare il parco con in camper per raggiungere il parcheggio, e ci godiamo la vista di questa che gli olandesi considerano una meraviglia naturalistica. Il campeggio è effettivamente situato pochi metri all’interno dell’ingresso al parco, vicinissimo all’immenso parcheggio per auto. È composto di alcune piazzole erbose con modesta alberatura ed attacco elettrico. I servizi sono spartani e la presenza di personale è limitata a quattro ore al giorno. Il costo è di 48 € per quattro adulti + camper senza allaccio elettrico ma compreso dei 24€ di ingresso al parco.

 

Venerdì 29/7/05

La mattina è dedicata alla visita al Kroller Muller Museum (tiket 6€ cad.) e ad una passeggiata per il parco. Utilizziamo le nostre due biciclette insieme ad altre due messe a disposizione gratuitamente dall’amministrazione del parco per i visitatori. Nonostante il periodo non c’è grande affluenza di pubblico e tanto il museo che il parco sono godibilissimi.

Alle 17.30 spesa nel piccolo market adiacente l’ingresso del parco e partenza per la Germania: vogliamo visitare Munster. Arriviamo in città alle 20.30, e parcheggiamo in un parcheggio custodito alle porte della città vecchia dove intendiamo passare la notte. Appena cenato visitiamo l’animata cittadina.

 

Sabato 30/7/05

Visitiamo Munster, ovviamente a piedi partendo dal parcheggio dove abbiamo dormito. La cittadina è adorabile in quanto, come spesso ci accadrà in seguito, la Marktplatz ospita effettivamente un animato mercato e l’insieme delle viuzze, dei portici e degli scorci è veramente incantevole. Analogamente alla grande maggioranza delle altre cittadine che visiteremo, il centro storico presenta una vasta area pedonale costellata di negozi e piena di vita ed attività. Il centro ha una splendida passeggiata sotto i portici nei pressi delle due maggiori chiese, entrambe notevoli e molto caratteristiche. Pranziamo a panini e gelato e ripartiamo alle 14.45 dopo aver lasciato il nostro obolo (8 €) per il parcheggio, in direzione Aquisgrana: intendiamo visitare Moschau. Arriviamo a monte della cittadina alle 18.00 e subito individuiamo un’area attrezzata per camper dotata di Sanitary Station a circa 2000 mt dal centro (Park n°4, il primo provenendo da Munster). A poca distanza si trova una ulteriore stazione a disposizione degli ospiti del campeggio sottostante. Visitiamo il paese in poco più di un’ora scendendo con il camper sino a dove la strada lo permetteva e parcheggiando praticamente in centro. Il borgo è molto caratteristico e merita effettivamente una veloce deviazione. Pernottiamo presso l’area attrezzata.

 

Domenica 31/7/05

Partiamo alle 11 per Aachen, costatando con disappunto che il tubo della doccia si è rotto e non ho portato il raccordo necessario per collegare il tubo nuovo, che invece c’è!

Parcheggiamo nei pressi del centro a due passi dall’immancabile area pedonale, e pranziamo a pizza in una pizzeria “Italiana” e gelato presso una attigua gelateria gestita da immigrati veneti. Eccellenti ed a buon mercato sia l’una che l’altra.

Visitiamo malgrado la pioggia il Duomo, il Municipio ed il tesoro della cattedrale. Bellissimo il duomo, con alcuni reperti originali medioevali ed il grande reliquiario di Carlo Magno. Interessante anche il tesoro della cattedrale, con numerosi e particolari reliquiari.   Vogliamo anche vedere il presunto “Trono di Carlo Magno” e prenotiamo la necessaria visita guidata in tedesco. Complessivamente i biglietti per tutte le visite sono costati 6€ cad. Usciamo più stanchi ed annoiati che divertiti. 

Partiamo per Colonia alle 18.30, arrivando circa un’ora dopo al Park+Ride di Durener Strasse, che, pur trovandosi a diversi Km dal centro, possiede un’area attrezzata per camper con colonnina Sanitary Station ed allaccio elettrico gratuito e si trova a due passi dalla fermata del tram per il centro. L’area è raggiungibile a circa un Km dall’uscita autostradale.

Il posto è tanto squallido ed isolato quanto pratico. Passiamo la notte accompagnati dall’ininterrotto gracidare delle rane nell’attiguo laghetto.

 

Lunedì 1/8/05

Partiamo con il tram, acquistando un biglietto giornaliero e familiare valido su ogni mezzo della città con € 8,50. In meno di mezz’ora raggiungiamo la Marktplatz ed attraverso l’animato centro pedonale raggiungiamo il Duomo. La costruzione è veramente imponente e significativa. Abbiamo anche la sfacciata fortuna di sentire l’organo della cattedrale suonare per molti munuti al termine della messa di mezzogiorno: un vero spettacolo!! Meritano anche di essere percorsi gli innumerevoli gradini per visitare la torre del Duomo (6€ x 4 persone), dalla quale si gode una splendida vista della città.

Alla fine, comunque, in poche ore visitiamo il centro di Colonia, dove sotto il profilo turistico non c’è gran che d’altro, e decidiamo di ripartire in direzione della Mosella. 

Torniamo al parcheggio, spesa al vicinissimo discount ALDI, acquistiamo con qualche difficoltà il raccordo necessario per riparare la nostra doccia (un tedesco, dico uno, che parlasse un po’ d’Inglese…), e partenza in direzione Moselkern con l’intento di visitare Burg Eltz. Arriviamo alle 22 dopo una tortuosissima strada piena di saliscendi e tornati, con salite e discese anche impegnative. I parcheggi sono vietati ai camper per la notte e ci siamo fermati nel piccolo campeggio Zur Burg Eltz alle porte del paese.

 

Martedì 2/8/05

Scopriamo con un certo rammarico che la Valle della Mosella (e verificheremo poi anche il Reno) è una sorta di autostrada per ogni mezzo di locomozione esistente: enormi e rumorose chiatte solcano senza sosta il fiume, due strade lo costeggiano, almeno una autostrada lo sovrasta a poca distanza, il treno lo costeggia con linee che, a giudicare dalla frequenza dei treni, devono essere di un certo rilievo. Non contenti di questo degli aerei da “caccia” dell’aviazione tedesca ci allietano frequentemente con la loro spettacolare ma rumorosa presenza!

Decidiamo di prenderci una giornata di sosta per il riposo e la manutenzione del Camper: domani affrontiamo i 5 km di salita per visitare il Castello!

La sera, però, Ver ha la febbre. Decidiamo perciò di goderci un altro giorno di campeggio.

 

Mercoledì 3/8/05

Paghiamo 38 € per due notti senza allaccio elettrico, ma possiamo restare tutto il giorno e, viste le condizioni fisiche di Ver, decidiamo di approfittarne: ci facciamo un bagno nella Mosella, pranziamo e ripartiamo verso le 17.30 costeggiando il fiume in direzione Trier.
La Valle è affascinante, verdissima e piena di declivi abbastanza verticali coltivati a vite. Il fiume scorre placido ed invita al riposo. Ci fermiamo a St. Aldegund, dove si trova una splendida area attrezzata sul prato tra la Statale ed il fiume al costo di € 5 al gg che vengono riscossi la mattina seguente. L’Area è dotata di Sanitary Station ed attacco per l’acqua potabile.

 

Giovedì 4/8/05

Ver sta meglio. Ne approfittiamo per vedere il funzionamento della chiusa adiacente l’area attrezzata e per acquistare del Riesling della Mosella e delle ottime mostarde all’arancia ed all’albicocca.

Partiamo tardi e ci fermiamo poco dopo nell’area attrezzata di Punderich, situata in piena campagna di fronte alla Mosella e dalla quale si gode una splendida vista di Marienburg, sull’altra sponda, che intendiamo visitare in seguito. Pranziamo e partenza in direzione dell’area di Klusserath, dove intendiamo pernottare. Arriviamo in questo sterminato prato verso le 19.30. I posti sul fiume sono, ovviamente, tutti occupati, mentre visto il tempo piovoso nessuno si preoccupa dei pochissimi posti alberati ed all’ombra. Quest’area costa € 4,5 al giorno riscossi la sera alle 20.00, consente eventuale allaccio elettrico a pagamento e possiede Sanitary Station ed attacco per l’acqua potabile a pagamento.

 

Venerdì 5/8/05

Ore 12.00 partenza per Trier. Parcheggiamo in centro a 100 mt dalla Porta Nigra e dalla zona pedonale. Visitiamo la città e pranziamo in centro a base di Kebab e gelati. La porta in quanto tale è veramente imponente e rappresenta un monumento significativo anche per chi, come noi, proviene da una terra così ricca di reperti romani. L’interno della porta è visibile acquistando un tiket, che noi abbiamo evitato. Tutto il centro è comunque molto gradevole, con la consueta zona commerciale pedonale, le chiese e le terme romane. Un po’ per la stanchezza, un po’ per le cattive condizioni fisiche di Veronica ed un po’ per il maltempo, comunque, la nostra visita ha riguardato il solo centro strettamente inteso, saltando ad esempio le terme romane.

Ripartiamo ore 16.15 ritornando verso Coblenza con l’intento di fermarci a dormire nella splendida area di Punderich, dove arriviamo poco dopo, trovandola nuovamente poco affollata e molto accogliente,m nonostante la pioggia che incessantemente ci perseguita.

 

Sabato 6/8/05

Sveglia con calma, pulizia e partenza alle 10.15. Visitiamo molti borghi:

Marienburg, dove si gode una splendida vista su un’ansa della Mosella,

Beilstein, caratteristico paesino tra il fiume e la sovrastante collina dove pranziamo con dell’ottima carne arrosto a prezzi assolutamente concorrenziali con quelli nostrani,

Cochem, un paese animato e dotato dell’immancabile zona pedonale nel bel mezzo del suo bel centro medievale, sovrastato da un castello che decidiamo di non visitare in quanto impegnato per una “festa medievale” per visitare la quale occorreva pagare circa 6€ cad.

Alle 18.30 partiamo infine in direzione di Wierschem, dove, seguendo le indicazioni di un altro diario di bordo trovato su internet, intendiamo sostare per visitare Burg Eltz. Arriviamo alle ore 20.00 al parcheggio del Castello, immerso nei boschi, dove pernottiamo per 3€ passando una delle notti migliori e più tranquille dell’intero viaggio.

 

Domenica 7/8/05

Sveglia alle 8.30 dal parcheggiatore che riscuote i 3 €.

Il castello è effettivamente molto vicino (10’ a piedi) e si raggiunge dall’alto (mentre da Moselkern bisognava salire a piedi per un circa 5 Km) con vista spettacolare: Burg Eltz è forse il castello più caratteristico e suggestivo dell’intero viaggio, pieno com’è di torri e torrette e fortificazioni originali del 1300. La visita è parzialmente libera: libero l’esterno del castello mentre a pagamento l’interno (18 € x 4 adulti) con visita guidata in tedesco, aiutati da una comoda “guida” scritta in italiano e dalla disponibilità della guida che, una volta tanto, non solo conosceva l’Inglese ma anche era molto disponibile verso i numerosi ospiti stranieri.

Soddisfattissimi della visita, pranziamo per ripartire alle 14.30 alla volta del rinomato castello di Marksburg. Lasciamo quindi la Mosella per dirigerci verso il Reno.

Il Castello è più grande di Burg Eltz e presenta un colpo d’occhio meno scenografico, ma si gode di una splendida la vista del Reno dai merli e dalle finestre del castello, gli interni sono più ampi ed la visita è organizzata per illustrare un po’ di più la vita del castello dell’epoca. Peccato sia nuovamente solo in tedesco e che la guida, che tanto faceva divertire gli ospiti tedeschi, abbia spiccicato due sole parole in un ottimo Inglese… Il prezzo della visita è stato di € 12,5 per 4 adulti, ben spesi. Scendiamo a valle e ci dirigiamo in campeggio a Braubach, situato sul Reno, dove pernottiamo per 22,5 € .

 

Lunedì 8/8/05

Ritorniamo al castello per degli acquisti (lo shop interno chiudeva prima del termine della visita guidata!) e partenza alle ore 12 percorrendo la stessa riva del Reno: St Goarhausen con i castelli di Katz e Maus, la famosissima Lorelay, Bacarach, ed arriviamo alle 18.00 a Rudesheim am Rhein. Qui incontriamo una coppia di Avellino con la quale decidiamo di fermarci nel parcheggio vicino al centro. Visita al paese, cena e ci accingiamo a passare la peggiore notte della vacanza, allietata da un gruppo di ubriachi che infastidisce e costringe ad andarsene un altro camper, spagnolo, vicino al nostro sino a che, alle 1.30, decidiamo insieme ai nostri nuovi conoscenti di cambiare parcheggio. Ci spostiamo poco più avanti in un parcheggio che nel pomeriggio ci aveva indicato un altro italiano in una località poco distante, vietata ai camper ma di fronte alla locale stazione di Polizia.

 

Martedì 9/8/05

Visti  i divieti e la pessima nottata, sveglia preso e partenza per Mainz. Abbiamo l’esigenza di far verificare la taratura delle chiavi elettroniche del nostro Ducato che fanno le bizze. Arriviamo alle 11 al centro di assistenza ufficiale FIAT di Wilhelm Graeter a Mainz dove, nonostante qualche difficoltà linguistica, ci ricodificano entrambe le chiavi, gratuitamente, presentandoci solo alla fine un meccanico italiano che ci rassicura sulla semplicità dell’operazione. Veramente un applauso all’assistenza FIAT!

Arriviamo quindi finalmente al centro di Magonza e, verificato che i grandi parcheggi all’aperto lungo il Reno sono inspiegabilmente chiusi, fatichiamo un po’ per trovare posto al nostro Autoroller 2. Alla fine riusciamo a fermarci in un parcheggio chiuso ed alberato ad un passo dal centro verso le 12.10 e visitiamo la città. Anche Magonza presenta l’ormai consueto centro pedonale e l’immancabile Marktplatz a ridosso del Duomo. Il pezzo forte di Magonza è, però, il Museo Guthenberg: bellissimo, ma anch’esso tutto e solo in tedesco (Ingresso 10€ x 4 adulti). Lo giriamo un po’, ammaliati dalle prime Bibbie di Guthemberg e dalla sezione dedicata alla stampa negli altri componenti, dove apprendiamo che in oriente si stampava a caratteri mobili 4 secoli prima di Guthemberg. Mentre ci accingiamo ad uscire con un velo di insoddisfazione, con uno sfacciato colpo di fortuna incontriamo un gentilissimo ed appassionato tipografo milanese, anche lui in visita al museo. Con grande pazienza e capacità questo turista ci spiega con mille particolari i segreti della stampa con le macchine classiche esposte nel museo, trasformando una passeggiata in mezzo a macchine sconosciute in una splendida visita ad uno dei maggiori musei della stampa nel mondo!

Partiamo verso le 17 dopo aver pagato 7 € per il parcheggio, in direzione Heidelberg. Il nostro giro sta volgendo termine in quanto abbiamo saputo di dover rientrare con una certa fretta. Arrivati nella cittadina sulle rive del Nekar, le numerose indicazioni di parcheggio portano solo a parcheggi coperti. Ci dirigiamo quindi ad un campeggio lungo il Nekar, che troviamo affollato, caotico e con un proprietario arrogante ed antipatico. Decidiamo quindi di dirigerci sul poco distante (3km) Camping Heidi, un delizioso camping alle porte della città, anch’esso sull’argine del fiume, servito dai bus cittadini, pulito, ben attrezzato e con internet point gratuito a disposizione dei campeggiatori, il tutto per 21 € al giorno.

 

Mercoledì 10/8/05

Decidiamo che malgrado tutto possiamo tentare la fortuna e, invece di prendere i bus, andiamo a cercare di parcheggiare in centro. Con un po’ di fatica, ci riusciamo, fermandoci a 100 mt dall’ingresso del castello che sovrasta la città. Il castello è stato a suo tempo distrutto dai Francesi, ma presenta ancora una struttura interessante ed imponente. Al suo interno (visita libera o guidata, con ingresso di € 9 e guide a parte) un interessante museo della farmacia e, soprattutto, delle terrazze con vista sulla splendida valle del Nekar e sul centro storico. Veramente particolari le due gigantesche Botti da vino, della capacità di 45.000 e 221.000 litri, stipate in una altrettanto gigantesca cantina nel castello: d’obbligo la foto se non altro per documentare l’incredibile rapporto dimensionale tra minuscole persone e gigantesche botti!  Terminata la visita decidiamo di scendere in città, mangiamo a base di Kebab e gelato e visitiamo il bel centro con gli ormai consueti elementi delle cittadine tedesche della zona:  corso pedonale e commerciale, piazza del mercato intorno al duomo, arricchita da un bellissimo ponte storico che attraversa il fiume. Veramente una cittadina incantevole.

Partiamo alle 16.30 in direzione di Rust alla volta del parco giochi Europa Park, ultima tappa della nostra vacanza, dove giungiamo finalmente alle 18.15 e ci sistemiamo nell’apposito e costosissimo parcheggio per camper e roulotte del parco.

 

Giovedì 11/8/05

Parco Giochi!! L’ingresso costa € 27 cad. ed il parcheggio € 12 per la notte ed €5 per il giorno sino alle 18. Oltre 3€ ora con un massimo di 12. Nel nostro caso complessivi € 27.

Il parco è organizzato con aree tematiche sulla base delle diverse nazioni europee ed è ricco di belle attrazioni, nel nostro caso affollatissime e con attese superiori all’ora. Nessuna possibilità di bere al di fuori dei numerosissimi chioschi, bar, etc. Ci godiamo l’intera giornata, nonostante la previsione di viaggio per l’intera giornata di domani. Usciamo quindi alle 20.00 circa, doccia e ripartenza alle 21.30. Entriamo in Svizzera a Basilea un’ora dopo ed alle 1.00 ci troviamo di nuovo in cima al passo del San Gottardo. Stavolta la temperatura è più elevata di quella di 20 giorni fa: 5°C.

 

Venerdì 12/8/05

Oggi solo viaggio sino a casa, quindi giornata con orari un po’ “scompagnati”: partenza alle 9.15, pasti in funzione delle soste e della stanchezza, ad orari del tutto casuali. Arrivo a Viterbo via Milano Bologna Firenze Orte alle 19.00 dopo aver scaricato il camper nell’area di Vitorchiano, ultima fatica di una splendida, molto soddisfacente vacanza.



Viaggio effettuato a Luglio-Agosto 2005 da Salvatore Cusimano

Potete trovare ulteriori informazioni sulle località toccate da questo itinerario nella sezione METE, e i più recenti aggiornamenti alla situazione delle aree di sosta nella sezione AREE DI SOSTA.


Camper nuovi disponibili in pronta consegna
677 nuovi in pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Accessori in primo piano
VICTRON ENERGY BMV-700 BATTERY MONITOR VICTRON ENERGY BMV-700 BATTERY MONITOR
PER IL MONITORAGGIO PRECISO DELLA BATTERIA. "...
www.camperonsale.it
VICTRON ENERGY BLUE POWER IP65 CHARGER 12/7 CARICABATTERIA PORTATILE 7 A VICTRON ENERGY BLUE POWER IP65 CHARGER 1...
CARATTERISTICHE TECNICHE: tensione in ingress...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina