CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Vai alla home page di www.CamperOnLine.itROMA

22-27 Dicembre 2007

 

 Mezzo : ADRIATIC CORAL 670 dk

R. papà, autista, metereologo

E. mamma, cuoca, guida  turistica

A. 13 anni –

M. 11 anni -

V. 9 anni –

 

Informazioni.

Provenendo da nord sull'A1 si segue fino alla barriera Roma Nord. Pagato il pedaggio una bretella di circa 20 km porta al Grande Raccordo Anulare: seguire in direzione Napoli fino a quando, essendo nel G.R.A., cominciano a essere segnalate le uscite. Prendere l’ uscita 18 Casilina e proseguire sempre dritto in direzione Roma-centro per circa 4 km.

La via Casilina ha al centro una linea ferroviaria. Sulla sinistra (n. Civico 700) si vede un autobus rosso a due piani (tipo inglese): per raggiungerlo si fa inversione dopo circa 300 metri. Suonando il campanello si apre il cancello. L'area è recintata con custode anche notturno, piazzole con elettricità, servizi carico e scarico. Ci viene consegnata una mappa di Roma e il modo per raggiungere il centro con i mezzi pubblici, acquistiamo subito i biglietti per la prima andata in centro. I bambini sotto i 10 anni non pagano i trasporti, i biglietti a tempo (75 minuti) costano 1 euro, mentre i giornalieri 4 euro ( ma non sono disponibili dal custode). Di fonte all'area, dove si trova un distributore di benzina, c’é la fermata dell'autobus 105 che fa capolinea alla stazione Termini. Qui con la metro ci si sposta. Non è la rete di Londra, né per logica, né per ampiezza, né per pulizia, ma si fa per tanto.

Roma pass

Comprende i trasporti per 3 gg e 2 musei gratis a scelta oltre a riduzioni in altri musei. Visto che fino a 18 anni molti musei sono gratuiti facciamo questa scelta:

Per A. (13 anni) facciamo biglietti giornalieri per i trasporti a 4 euro al giorno - non abbiamo trovato il biglietto per 3 gg a 11 euro.

Per mamma e papà facciamo il Romapass  20 euro ciascuno.

Gli altri due ragazzi entrano senza problemi. Nei musei non si fa la fila, perché il Romapass permette la lettura magnetica all'ingresso, ma bisogna fare la fila per i biglietti gratuiti dei ragazzi. Discutibile e rugginoso come sistema, ma è così.

 

23.12.2007

 

Il nostro primo giro parte dal Circo Massimo. È vero che comincia a piovere piano e che dell'originale è rimasto ben poco, ma passeggiando in lungo e in largo, con M. entusiasta, sembra di sentire il tifo degli spettatori e il rumore delle bighe che gareggiano. Cerchiamo S. Maria in Cosmedin per verificare la nostra sincerità, ma alla Bocca della Verità la fila è immensa e guardiamo la pietra con la bocca aperta dall'esterno, poi attraversiamo verso i templi del Foro  Boario:il tempio di Ercole e quello di Portunus permettono ai ragazzi di verificare i tipi di capitelli delle colonne e apprezzare la conservazione di edifici che vantano più di 20 secoli. Saliamo verso l'argine del Tevere per scoprire, ai  lati del ponte Palatino e vicino all'isola Tiberina, un'arcata del primo ponte di pietra sul fiume.

Costeggiamo il teatro Marcello, secondo me affascinante perché poco conosciuto, in direzione Campidoglio.

Saliamo la scalinata e ci ritroviamo davanti la meravigliosa piazza trapezoidale con la famosa copia della statua di Marco Aurelio! Che armonia di forme, la mano di Michelangelo si vede, le luci cominciano ad accendersi e il tramonto accresce il fascino. Scendendo dalla cordonata scegliamo di non risalire la scalinata dell'Ara Coeli, ma di proseguire verso l'Altare della Patria. Edificio tanto discusso e tanto imponente, che sia bello proprio no, ma così  bianco latte e maestoso ha il suo fascino, se non altro per tutte le volte che ha rappresentato  l'unità nazionale.

Non sapevo fosse rimasta una insulae, una dimora dei poveri dell'antica Roma, (in contrapposizione alla 'domus' dei ricchi), invece in un piccolo spazio tra la scalinata e l'altare se ne vedono 3 piani ben conservati. Passeggiamo nel viale che costeggia i Fori Imperiali dopo esserci soffermati su Piazza Venezia e il famoso balcone. I Fori sono parzialmente illuminati e laggiù in fondo la scena è di grande emozione: il Colosseo illuminato con un grande albero di Natale davanti, pieno di luci chiare...  osserviamo i mercati Traianei a sinistra, i resti di una grande basilica  e le statue degli imperatori. A destra i Fori imperiali sono più bui (alle informazioni ci hanno sconsigliato l'ingresso perché ci sono molte parti in restauro), ma ne vediamo una parte e entriamo in una cappella con un bel presepe napoletano del '700. Raggiungiamo l'arco di Costantino, vediamo il profilo di quello di Tito e naturalmente la nostra attenzione viene catturata dal Colosseo, immenso e unico. Sarà domattina la nostra prima meta...per la gioia di M. che ha già deciso che sarà l'argomento del suo tema sulle vacanze natalizie!!! Raggiunto il camper e cenato sarebbe anche pronto a cominciarlo... E dobbiamo insistere per farlo desistere e aspettare domani, quando finalmente l'avrà visitato.

Rientro tranquillo, cena e letture varie.

 

24.12.2007

 

Ci alziamo presto perché oggi tanti musei chiudono alle 14 e vogliamo approfittare delle ore della mattinata. Così arriviamo direttamente al Colosseo e lo visitiamo. M. ne è incantato! I grandi archi, i diversi capitelli, le scalinate, l'arena... Si muove con interesse, lo vive con intensità.. Nonostante la pioggia notturna, la temperatura si aggira sui 15 gradi e il cielo è quasi sereno, quindi il panorama dall'alto è di grande effetto. Una volta usciti andiamo con la metro B poi A fino a Spagna per raggiungere il nuovo museo dell'Ara Pacis. Passeggiamo in Piazza di Spagna, la chiesa di Trinità dei Monti è in restauro e anche l'obelisco, così un cartello pubblicitario della Mercedes sopra i ponteggi del restauro fa proprio una brutta impressione. Qui è momento si shopping natalizio.. Via Condotti, via del Corso, borse con pacchetti e tante Smart, agili e facili da parcheggiare. Attraversiamo queste gradevoli vie con le loro luccicanti vetrine e puntiamo al Mausoleo di Augusto, non visitabile, con tanti scavi intorno e non tenuto così bene.. Di fianco ecco il nuovo museo dell'Ara Pacis: me lo aspettavo un po' meno cubico, geometrico si, ma con qualche lato obliquo. Meraviglioso il modo in cui cattura la luce dalle vetrate valorizzando l'interno, ma in una zona con tanti palazzi evidendemente e squadratamente di epoca fascista forse si poteva inclinare un po' il tetto o le pareti. Piacevole e originale il muro d'acqua/fontana all'ingresso del museo.

Visto che l'orario ce lo permette rientriamo verso piazza di Spagna dove un McDonald ci tranquillizza lo stomaco, girovaghiamo tra qualche isolato in mezzo a vetrine di Bulgari, Fendi, Gucci, Louis Vitton  e Dior: in alcuni negozi si forma la fila fuori con tanto di 'maggiordomo' come dice M., davanti alla porta, per non fare entrare più di una o due persone per volta. Pensavo fossero più appariscenti gli addobbi e le decorazioni, anche se la cintura di Fendi che avvolgeva tutto il palazzo deve essere scenografica, illuminata di sera così come quel palazzo impacchettato come un regalo con un grande fiocco rosso.

Andiamo verso la Basilica di S. Pietro e rimaniamo incantati dell'immensità degli spazi. Perfetta l'armonia del colonnato, le simmetrie della facciata, il fascino della cupola. Una fila notevole sia per la chiesa che per la cupola ci fa desistere dal tentare l'ingresso, preferiamo dedicarci ad attività collaterali come l'invio delle cartoline con francobolli vaticani (gli Euro non sono in vendita!!) e shopping di souvenirs vari. Nel negozio 'storia e magia',( un negozio interno in via Ottaviano), M. trova come investire i soldini ricevuti dai nonni per Natale: un grande drago rosso con una stella cangiante luminosa che dovremo tenere al sicuro a casa da zampate di Alex. Un negozio davvero particolare e affascinante, proprio un po' magico..

Rientro in camper a metà pomeriggio perché ormai le gambe non tengono più, docce e relax, partitone e cenone con i cappelletti della nonna!! Tutti a nanna.

 

Natale 2007

 

Il giorno di Natale la tappa d'obbligo è S.Pietro. La famosa benedizione urbis et orbi in tante lingue ascoltata dal vivo è un'occasione importante. Arriviamo in piazza dopo aver utilizzato il 105 e (direttamente da Termini) il 64 che ci lascia a sinistra del colonnato, in largo Cavalleggeri. Ci aspettavamo molte più persone, dall'esterno la S.Messa non si sente, sono circa le 11.15 e la benedizione è prevista per le 12. Verso le 11.30 arriva la banda dell'esercito per il saluto alle guardie svizzere. Che divise!! Particolari e coloratissime quelle vaticane, ma splendenti quelle italiane, la Marina, i Carabineri, la Guardia di Finanza.. Con le loro musiche e i loro rituali aspettiamo mezzogiorno. La piazza si riempie, soprattutto dietro di noi, davanti al presepe e dopo vari movimenti di tende, dal balcone esce il Papa che, grazie agli altoparlanti e ai maxi-schermi, sembra essere a due passi da noi. Parla con il suo inconfondibile accento tedesco di pace, violenze sui più deboli e naturalmente di Gesù poi comincia a benedire e augurare Buon Natale in 56 idiomi. M. pronto li conta, emoziona sentire che per ogni lingua c'è un gruppo che esulta e applaude. Al di là  delle lingue più turistiche e conosciute stupisce il sentire la presenza di comunità di tanti paesi dell'est europeo, dell'Africa, dell'Asia meridionale... Paesi di cui conosciamo solo la posizione sul planisfero.

Ce ne andiamo contenti seguendo i militari in parata lungo via della Conciliazione e, consapevoli che oggi è Natale e di aperto non c'è niente, dedichiamo il pomeriggio a passeggiare per il  centro alla ricerca di angoli visibili 'dall'esterno'. Così dopo una sosta-pranzo a base di pizza e dolci andiamo in Piazza Navona dove, nonostante la magnifica Fontana sia in restauro, troviamo un meraviglioso mercatino di Natale. Non come lo intendiamo noi a base di decorazioni per l'albero, ma la Befana e gli accessori per il presepe la fanno da padroni. Una pacchia per me e M. che facciamo qualche acquisto (anfore, carretti, tavolo con sedie) divertendoci un mondo. Da noi non esistono in vendita, si fa fatica a trovare statuine e casette, ma dopo l'esperienza di M. con Gabri nel presepio della sua chiesa , il prossimo anno ci metteremo d'impegno per quello di casa.

( in fondo a piazza Navona, verso Nord- chiesa di S. Apollinare ci sono i wc pubblici gratuiti e puliti e il casupolino delle informazioni turistiche)

Oggi curiosiamo sulle sedi dei poteri del nostro Stato, quei palazzi che solitamente vediamo nei telegiornali. Tutti e tre i figlioli hanno chiara l'idea della divisione dei poteri quindi non è difficile seguire il percorso tra i palazzi. Ecco  Palazzo Madama, sede del Senato, e la piccola V. dice 'Ma non si chiamava uguale quello di Torino, dove stavano i senatori del Re?' questi sono i momenti che mi danno grande soddisfazione, perché raccontando loro episodi, momenti e ritagli di storia, pian piano si mettono insieme e non rimangono sterili in un angolo della mente. C'è tanta gente in giro questo pomeriggio di Natale, in questi vicoli, in queste piazze, in questa città che trasuda storia da ogni parte. Troviamo palazzo Chigi con la grande Colonna, e Montecitorio con le sue ali sfuggenti che alleggeriscono la struttura dell'edificio. Si cominciano ad accendere le luci e il cielo si oscura, il fascino di questi palazzi è palpabile, e sembra incompatibile con certe scene di inciviltà che si vedono accadere dentro. Come si fa a rappresentare il paese, gli elettori che ti hanno dato fiducia se non con serietà e senso di responsabilità? 

 

Proseguiamo verso la Fontana di Trevi, ormai è tardo pomeriggio, gli scalini sono pieni di gente che guarda questo palazzo, (fontana mi sembra limitativo), e l'atmosfera è piacevole, tante foto, tanti venditori di pupazzetti e souvenirs, tanti coni gelato.

Da quando siamo arrivati a Roma A. ad ogni gorgoglio d'acqua chiede se si tratta della famosa fontana. Eccolo accontentato! Non si può confonderla con niente! Proseguiamo, ormai stanchi verso il Colle per antonomasia, la sede del Presidente della Repubblica e qui i corazzieri fanno soggezione, soprattutto a M., non ci si può avvicinare, ma anche in lontananza l'idea si accende:'' E se mi vestissi da corazziere per carnevale?' Bisogna parlarne alla nonna! Noi ci mettiamo l'idea ma l'ago, il filo e la precisione sartoriale…

Riprendiamo il 40 verso Termini dopo aver lasciato passare 3 o 4 autobus perché murati di gente, ma anche il 40 è pieno e il 105 viaggia in condizioni da terzo mondo. Oggi la metro si fermavano alle 13. Ma il tragitto successivo del 105 è fuori dalla rete metro,  un viaggio indescrivibile, per sicurezza prima di tutto, per condizioni igieniche e umane. Impossibile da utilizzare per anziani, famiglie con bambini più piccoli dei nostri, viaggio inimmaginabile...

Rientro, cena, doccia e visione di un film di Indiana Jones per i ragazzi. Noi donne in mansarda in lettura.. Finalmente ho finito Harry Potter n. 7!! Aspettiamo l'uscita in italiano prevista per la settimana prox così Veronica ha qualcosa di nuovo da leggere, visto che da agosto ad oggi si è buttata sui 6 volumi rileggendoli più di una volta!! Che grande lettrice!

 

26.12.2007

 

Questa mattina Morfeo ci abbraccia fino dopo le 9.00! Veramente i ragazzi sostengono di essere svegli da un bel po' di tempo, e che solo mamma e papà siano dormiglioni, ma il fatto che ci sia stato silenzio ci fa sospettare... Loro e le attività tranquille solitamente vanno poco d'accordo!  Questo ci fa allungare i tempi di arrivo alla meta. Oggi vorremmo visitare la Basilica di S. Pietro, salire sulla cupola e scendere dalle tombe dei Papi per poi andare a Castel S. Angelo. La fila per l'ingresso alla Chiesa sembra lunga, ma è veloce: serve per un check-in della sicurezza ( perché fatto dalla Polizia Italiana?).

Maestosa. Immensa. Unica. Non saprei che aggettivi usare per descrivere lo splendore, lo sfarzo, la meraviglia architettonica. Sembra irreale, ma rende pienamente l'idea del potere e della forza della Chiesa, della capillarità della struttura organizzativa che ci sta dietro e sembra portare lontano dal messaggio primitivo di Gesù.

Pavimenti di marmo colorati e perfettamenti geometrici, colonne imponenti ma leggere, soffitto decorato e ricchissimo, ma delicato allo stesso tempo. Una meraviglia, una chiesa unica, emozionante, anche al di là dell'aspetto religioso.

L'ingresso alla cupola è laterale  (5 euro con la salita a piedi e 7 con ascensore in parte). In tutto sono 551 scalini, che rimangono ‘solo’ 320 se si usa l'ascensore. Ovvio che i primi sono larghi, comodi e meno faticosi, ma fattibile anche la seconda parte soprattutto perché la vista ripaga dello sforzo. In alcuni punti le scale addossate alla cupola sono strette per chi soffre di claustrofobia, ma sono a senso unico e se non altro il cammino è comune. Da lassù si esce a si ammira Roma a perdita d'occhio: dalla piazza, geometricamente perfetta a via della Conciliazione, castel S.Angelo , via via fino al Colosseo. I giardini vaticani sembrano finti tanto sono perfetti e vuoti!

Scendiamo velocemente dalla cupola per rientrare nella parte dedicata alle spoglie di tanti Pontefici. Di fronte a tombe di tre-quattrocento anni fa emergono le tre che fanno parte del nostro vissuto: Paolo VI, Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II. Già in Basilica avevamo  visto la tomba di Papa Giovanni XXIII e una guardia davanti impediva la fermata, come se ci fosse bisogno di mantenere un ordine: mi ha colpito che ci fosse un'indicazione mezza nascosta del nome, riconoscibile solo dal volto di cera. Di gente ce n'era, composta in preghiera. Se penso che è morto 45 anni fa e che la gente ferma  non era anziana, devo ritenere che sia riuscito ad entrare nel cuore di tanti, il Papa buono, il Papa del Concilio.

Tornando alle tombe vediamo nell'ordine quella di Paolo VI, con una stella di Natale di fianco, senza fedeli, il sarcofago di Giovanni Paolo I, il Papa del sorriso con una rosa bianca lasciata da chissà chi e poi il papa polacco, con  la sua tomba bianca e alcuni biglietti lanciati vicino, la guardia e lo spazio per pregare. Sicuramente era meta di pellegrinaggio, il punto più importante  per tanti, l'effetto mediatico della sua sofferenza e della sua morte ci ha coinvolto tutti. Gente di ogni paese per questo Papa finalmente straniero che veniva da dove per noi era impensabile andare, fino alla caduta del muro. Questo glielo dobbiamo, di aver scosso l'Europa.

Però rimango davanti a quel sarcofago e a quella rosa bianca: mi chiedo se chi l'ha lasciata era in Vaticano quella notte di settembre in cui è morto. Non posso fare a meno di pensare a quel libro di Yallop e a quello più recente di Rocha. Su quello che potrebbe esserci stato dietro. Chissà se sapremo mai cosa è successo……

 

Usciamo emozionati e sono le 15.30! Abbiamo smangiucchiato qualche merendina, ma la fame si fa sentire, andiamo nel McDonald più vicino con l’intenzione di unire pranzo e merenda.  Non ci perdiamo la ripresa di un breve video da uno dei due centri dei due ipotetici cerchi segnati dal colonnato del Bernini. Di qui le 4 file di colonne sembrano essere una sola, miracoli della geometria!!.

Torniamo a Castel S.Angelo, ma è tardi per entrare, ci dispiace, deve essere bellissimo dentro, passeggiamo tra ponti e bancarelle fino al magnifico palazzo del Tribunale. Davanti sono parcheggiati una decina di camper, ci sembra una posizione insicura, sull'argine del Tevere con una miriade di venditori ambulanti addossati sul marciapiede del parcheggio. Rientriamo dal ponte Vittorio Emanuele con il 40 fino a Termini, poi con il solito 105, oggi in condizioni umane.

Servizi al camper, cena, docce e serata dedicata alla seconda parte di Indiana Jones per i maschietti, alla lettura di Harry Potter per V., (che ormai conta i minuti all'uscita del settimo volume) e alle annotazioni del viaggio da parte mia.

 

27.12.2007

 

La meta odierna sono i Musei Vaticani con la celeberrima Cappella Sistina e le stanze di Raffaello. Spiego ai ragazzi come si svolgerà la visita e anche A. è convinto di entrare a vedere una meraviglia della nostra arte. Dopo il solito 105 ben pieno, con la linea A scendiamo a Cipro che risulta essere la fermata più comoda all'ingresso dei musei. Certo la distanza metro-biglietteria è inferiore rispetto alla fermata Ottaviano, ma la fila va verso San Pietro per più di 1,5 km!! Da Ottaviano l'avremmo incrociata molto prima! Decidiamo di rinunciare ai musei perché, anche se sembra una fila in movimento, è molto spessa e non se ne vede la fine, seguendo il muro del Vaticano fin sotto il colonnato del Bernini in piazza San Pietro.

 Visto che ieri per una questione di orario avevamo rinunciato all'interno di Castel S. Angelo lo eleggiamo a nostra prima meta. Nonostante la Romapass sia scaduta e noi due adulti si debba pagare biglietto intero ( 7 euro) ne vale davvero la pena, che meraviglia! Nasce come mausoleo dell'imperatore Adriano  con  i suoi muri spessi e le alte arcate, con la sua salita elicoidale  che rimane esempio della civiltà romana. Poi la buia scalinata di papa Alessandro che porta a cortili aperti, ma anche a angoli e piccole porte che scendono in prigioni e emerge la parte medioevale e l'esigenza difensiva. Con le sale affrescate e salendo con la vista su S. Pietro sembra di vedere i pontefici godersi il 'giretto coperto' e il 'giretto scoperto' guardando Roma, al sicuro dal mondo esterno. I bastioni dedicati ai 4 evangelisti meritano una passeggiata, uno diverso dall'altro e così forti da resistere agli attacchi. Proprio ne valeva la pena, la storia e  le vicessitudini di secoli in un edificio così poco conosciuto.

Decidiamo di passare dal Pantheon che avevamo apprezzato dall'esterno il giorno di Natale, ( era chiuso) per visitare l'interno e anche questo è indimenticabile. Davanti la storia romana ci accoglie con questo portico e Marco Agrippa che ci riporta  allo splendore dell'impero. Dentro la luminosità è speciale con l'occhio che lascia entrare il sole di una giornata invernale, ma non bigia. Essendo stato trasformato in chiesa nel medioevo, questo tempio romano è ben conservato. Quando piove, piove dentro e sul pavimento ci sono buchi per lo scolo dell'acqua. Intorno la storia più recente ci abbraccia: la tomba di Vittorio Emanuele II, quel re che a fatica portò la capitale del Regno da Torino a Firenze per poi eleggere Roma e il Quirinale come sua residenza, segno di un paese unificato. Di fronte suo figlio Umberto I e sua moglie Margherita, la regina dai tanti fili di perle... Certo il Pantheon come dimora eterna rappresenta un onore infinito, ma mi vien da pensare che forse Vittorio Emenuele rinunciando alla sua Superga avrà pensato di creare una dinastia, una monarchia nazionale forte.. Invece già suo nipote, Vittorio Emanuele III, per colpa del suo comportamento nei confronti dell'ascesa del fascismo si è ritrovato a morire in Egitto e ad essere là sepolto, scatenando ancore polemiche un eventuale rientro dei resti suoi e di sua moglie ( la zingara, come diceva mia nonna, la regina Elena di Montenegro) dopo decenni. Così Umberto II, il re di maggio morto in esilio in Portogallo e per non soffermarsi sulle cronache mondane e giudiziarie dei successori..

Comunque sembra di essere dentro la storia, e quello che mi piace di più  è che i ragazzi sono interessati a queste nostre radici.

Sosta da Mc Donald in piazza della Rotonda: mangiare sugli scalini al tiepido sole invernale davanti a delle meraviglie fa star bene, c'è tanta gente, tanti turisti, tanti romani, tanti venditori ambulanti... La nostra vacanza romana sta finendo, ripassiamo dalla fontana di Trevi, qualche souvenirs e con la metro e il mitico 105 eccoci all'area di sosta per l'ultima volta. Docce, merende, servizi e via in direzione Nord.

Ci fermiamo a Chiusi, appena fuori dall'A1 sulla sx una multisala propone una marea di film. Optiamo per l'ultimo di Pieraccioni che ci fa trascorrere momenti spensierati. Un gelato prima del cinema e una tazza di latte con biscotti dopo sono la nostra cena, ripartiamo per sostare a dormire con altri camper in un autogrill poco dopo.

 

28.12.2007

Oggi si parte per raggiungere i nostri amici in Toscana, i preparativi durano più del solito e siamo a casa loro, a Poggibonsi, per le 11. Come al solito i ragazzi in una stanza, le ragazze in un'altra a raccontarsela e noi 4 genitori….altrettanto. Questo week end non avrebbe dovuto avere un diario di bordo perché dedicato ai nostri rapporti di amicizia. Però non si può non raccontare che al pomeriggio a Siena, cittá meravigliosamente medioevale, abbiamo visitato Duomo, Battistero, Facciatone, Cripta e Museo apprezzando ancora di piú questi luoghi cosí affascinanti. E alla sera un loro amico studioso e appassionato di astronomia, complice un cielo stellato, ci ha aiutato a riconoscere  la costellazione di Orione, Sirio, la galassia di Andromeda, la stella polare e le Pleiadi con le strumentazioni adatte. Non ce lo dimenticheremo più. Grazie a Stefano e Alessia per la disponibilità e l’ospitalità, ( oltre che per la cucina strepitosa) e ad Alessandro per il suo modo di narrare meraviglie tutti con il naso rivolto all’insù.

A presto!


Viaggio effettuato nel Dicembre 2007 da Roberto

Potete trovare ulteriori informazioni sulle località toccate da questo itinerario nella sezione METE, e i più recenti aggiornamenti alla situazione delle aree di sosta nella sezione AREE DI SOSTA.


Camper nuovi disponibili in pronta consegna
519 nuovi in pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Accessori in primo piano
Ferrino  Finisterre  38L rosso  Zaino Finisterre Trekking campeggio 38L FERRINO rosso Ferrino Finisterre 38L rosso Zaino Fi...
TESSUTO: Diamond HD • Supertex® • Rinforzi...
www.camperonsale.it
Ferrino  X-ride 10 Zaino  Trekking Campeggio X-ride 10 Ferrino Ferrino X-ride 10 Zaino Trekking Campe...
Zaino leggero e compatto studiato per le atti...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina