CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Vai alla home page di www.CamperOnLine.itBRETAGNA, NORMANDIA e un pizzico d'OLANDA

I diari di bordo proposti sono per tutti gli amici camperisti. E’ data particolare attenzione a tutte quelle persone che sono diversamente abili, per questo non mi soffermo troppo nella descrizione dei siti visitati; a tal uopo, vi sono le guide turistiche. A me preme far conoscere i luoghi anche nella loro possibile accessibilità, sia per chi è in carrozzina, sia per chi ha altre difficoltà.

Alla fine del diario, le note  e i punti GPS.

5 Agosto.

Partiamo nel tardo pomeriggio alla volta di Strasburgo; attraverseremo la Svizzera, tunnel del Gottardo, sosta notturna in un’area di servizio elvetica.

6 Agosto.

A Strasburgo, parcheggiamo il camper in Qui Louis Pasteur, un viale lungo il fiume dietro l’ospedale; si può sostare dalle 6,00 alle 20,00, il viale è alberato e quindi siamo all’ombra.

Inizia la nostra visita e si nota subito con quanta facilità possiamo muoverci con il passeggino su cui Teo è posto. Non vi sono barriere architettoniche, i parcheggi per disabili sono occupati solo dalle auto che espongono il contrassegno europeo dei disabili, nessun’altra auto occupa abusivamente tali parcheggi.

Strasburgo è una città di frontiera, si parla francese, tedesco e il dialetto alsaziano; è certamente una città originale, la città del Weinsstub “la città del vino”, la città delle birrerie, ed è anche la città dell’acqua. Il suo fiume è l’Ill (in tedesco Elsass, paese dell’El) dove si riflettono le torri medioevali, il suo castello e le case a graticcio.

La Cattedrale, Notre-Dame, è una meraviglia dello stile gotico: Entriamo dalla parte sinistra dove è segnalato l’ingresso riservato ai disabili; l’interno è a tre navate, spettacolare il rosone centrale. All’interno è ospitato il grande orologio astronomico che si illumina allo scoccare delle ore, gli apostoli escono a ricevere la benedizione di Gesù e il gallo canta tre volte.

All’esterno, attorno alla Cattedrale,sorgono palazzi risalenti al XV e al XVII secolo.

Petite France, il classico quartiere di pescatori e mugnai, si trova nelle vicinanze, non abbiamo difficoltà a raggiungerlo a piedi, su e giù dai marciapiedi senza fatica: Sono presenti, a raso, scivoli che permettono non solo alla carrozzina di un disabile di passare comodamente ma anche a coloro che hanno difficoltà di deambulazione. Percorriamo il quartiere in lungo e in largo, ammiriamo le case a graticcio e ad aggetto, i tetti dove si aprono gli abbaini; ad ogni svolta stupendi scorci ci accolgono, case bianche con le persiane marroni, i balconi in legno con stupendi accostamenti di fiori che ornano i davanzali. Molte le piste ciclabili e pedonabili, notiamo molte carrozzine ovunque, sia elettriche sia non. La giornata volge al termine :ritorniamo al camper; prossima tappa Eurodisney.

7 Agosto.

Attraversiamo la regione dello Champagne percorrendo la D1, strada panoramica e turistica, attraversiamo paesini ordinati dove, lungo le strade , a ridosso dei muri, sui davanzali, sui balconi delle case , sui parapetti che delimitano i canali, sui pali della luce o su quelli che delimitano la carreggiata, sono sistemati in perfetto ordine cromatico fiori stupendi che rendono gradevole il paesaggio e il nostro passaggio. Arriviamo a Eurodisney verso le 17.00, ma entriamo alle 18.00, in quanto dalle 18.00 alle 24.00 l’ingresso dei camper costa 10  € anziché 20.00. Dalle 24.00, il costo del parcheggio è di 20.€, camper e equipaggio. Pagati i 30 €, cerchiamo posto nell’area predisposta per i camper. Possibilità di carico acqua ( gratis) e scarico, presso il parcheggio dei pullman. Servizi igienici con docce calde gratuite, servizi per disabili. Coloro che hanno delle difficoltà di deambulazione, devono scegliere dove collocarsi con il mezzo, è possibile parcheggiare vicino ai tapis roulant che portano verso gli ingressi di Eurodisney, ma si è lontano dai servizi. I cani non possono entrare nei villaggi, possono essere messi nella pensione situata prima dell’ingresso principale, al costo di 8    al giorno, è dato loro da mangiare ed è possibile portare il proprio cibo, gli addetti della pensione non portano l’animale fuori, quindi per fargli fare i bisogni, bisogna uscire e poi rientrare. Chi ha una persona disabile deve seguire attentamente quanto scrivo. Vi è una cassa apposta per l’accoglienza della persona disabile, bisogna, però, avere al seguito un certificato che attesti la disabilità, viene così consegnata una tessera con il numero delle persone che compongono il nucleo famigliare, che consente la priorità di accesso alle attrazioni; e le prime file per gli spettacoli. Una guida consente di conoscere quali sono le attrazioni dove il disabile può accedere da solo, accompagnato o dove non è consentito l’accesso.

10 Agosto.

Lasciamo Eurodisney, dove Teo si è divertito un mondo, e iniziamo così il nostro viaggio verso la Bretagna. L’area di sosta di Renon si trova lungo il porto canale, ombreggiata. Troviamo molti camper in prevalenza francesi,ci sistemiamo e visitiamo questo piccolo paesino. Con il passeggino ed Emi, ci dirigiamo verso il centro, non troviamo nessun ostacolo, molto bello il palazzo comunale e la chiesa . Non c’è molta gente in giro e per questo ci muoviamo bene; ritorniamo al camper, dove passeremo la notte.

11 Agosto.

Penisola del Quiberon: si viaggia piano, così possiamo ammirare il paesaggio, bassa vegetazione pinete, dune di sabbia bianchissima; il traffico è intenso, sono le 12,00 e tutti si stanno spostando verso il mare. Lungo la strada che costeggia l’oceano, sulla Cote Sauvage, abbiamo notato moltissimi parcheggi ma tutti con barriere di 2 metri, quindi off limits ai camper.

Il cielo limpido ci permette di vedere all’orizzonte le isole. L’oceano calmo è solcato da triangoli bianchi : sono le barche a vela che volteggiano al largo.

Lasciamo il camper in uno spiazzo e ci dirigiamo verso la scogliera. Centinaia d’uccelli marini stazionano sulle rocce, un leggero vento crea un’onda lunga che si infrange sugli scogli. Percorriamo con il passeggino il sentiero che costeggia il promontorio, non troviamo difficoltà, l’acqua limpida,cristallina, ci permette di vedere distintamente il fondale;dagli scogli i gabbiani si alzano i volo e picchiano verso l’acqua, appena vedono un pesce: la scena si ripete infinitamente. Rientriamo e pranziamo con vista mare.

Carnac, la raggiungiamo in breve tempo. Parcheggiamo nel piazzale del museo dei megaliti. Carnac è la località che vanta il maggior numero di siti megalitici del mondo, risalenti fra il 5000 e il 3500 a.C. possibilità di visitare la Maison des megalithes ( ascensore per i disabili) e di fare il giro di tutto il sito con il trenino, circa 50’. Il disabile in carrozzina deve essere caricato a braccia. Le spiegazioni vengono date tramite altoparlante in inglese, francese, tedesco, il costo del giro turistico è di 6 euro per gli adulti e di 3 per i ragazzi fino a 12 anni. Ritornati al punto di partenza, riprendiamo il camper, percorsi pochi chilometri si arriva al Tumulus di Kerkado. Parcheggiamo nel piazzale e, pagato un euro entriamo. Il sito, di facile accessibilità, solo pochi gradini, superabili agevolmente con la carrozzina, poi la strada è in piano nel bosco. Il Tumulus risale al 3800 a.C : è una collinetta funeraria la meglio conservata al mondo, è la tomba di un capotribù del periodo neolitico, possibilità di accesso all’interno ( occhio però alla testa !)

Pont-Aven: ci fermiamo a dormire in un ampio parcheggio dove sostano altri camper.

12 Agosto.

Una rapida ricognizione a piedi in paese mi permette di trovare un posto per il mezzo. Il parcheggio si trova alla fine del canale lungo la Rue du Port. Presso l’ufficio turistico situato in centro paese, è possibile reperire

depliant che indicano altre aree di sosta per camper. (se l’ufficio è chiuso, prendere i depliant che sono esposti nel distributore esterno). Pont-Aven era anticamente un porto costiero e la città dei mulini ad acqua, se ne possono vedere due, ben conservati, sulla strada che porta verso il porto. Possibilità di escursioni in battello lungo l’estuario dell’Aven, fino a Port-Nanech, toccando anche l’estuario del Bèlon; le partenze sono condizionate dalle maree. Consiglio l’acquisto delle famose gallette presso la biscotterie Traon Mad, situata pocoprima del ponte sulla Place Gauguin. Le gallette sono biscotti preparati con farina, uova, burro; una prelibatezza. Anche in questa piccola cittadina non abbiamo trovato difficoltà con il passeggino.

Concarneau: il traffico è caotico, è giorno di mercato, passiamo davanti alla cittadella, si viaggia a passo d’uomo, la gente è veramente tanta, perciò andiamo avanti. Proseguiamo lungo la costa e anche qui notiamo molti divieti di sosta per i camper, con sbarre di due metri. Troviamo per nostra fortuna un parcheggio e ci fermiamo. Teo vuole pucciare i piedi nell’oceano e così lo accontentiamo.

Quimper.Raggiungiamo il parcheggio a pagamento in Rue St. Marc, a circa 200 metri dal centro storico. Quimper, capoluogo del Finèster, permette un ottimo accesso alle persone con disabilità. Tipicamente Bretone, Quimper è considerata la capitale artistica e culturale del Finèster ed è definita da molti “ l’anima della Bretagna”. La città vecchia è isola pedonale, si sviluppa attorno alla cattedrale, è attraversata dal fiume Odet, e i suoi numerosi ponti sono ornati da fiori. Le sue case, costruite parte in legno e parte in muratura, sono concentrate nella città vecchia. Quimper è anche famosa per la produzione della ceramica; un bellissimo negozio di ceramiche si trova vicino alla cattedrale, la sua faccia è ornata da bellissimi piatti di ceramica, l’accesso alla cattedrale per i disabili non presenta ostacoli.

13 Agosto.

Pont l’Abbe.

Passata la notte nel punto sosta vicino al c.s. che si trova di fianco alla caserma dei vigili del fuoco, ci dirigiamo verso la punta di Penmarch e il faro di Lervily. Possibilità di parcheggio nello spiazzo a circa 300 metri dal faro, dalle 9,00, alle 19,00. Le scogliere che circondano Pointe de Penmarch costituiscono l’estrema punta sud occidentale della Bretagna. Bella la passeggiata che parte da dietro il faro e si estende lungo la costa, costeggiando case bretoni moderne e classiche, in pietra,con i giardini ben curati. L’immenso oceano e gli innumerevoli scogli, le barche in secca per la bassa marea sono uno spettacolo bellissimo, vi è una grande pace e un gran silenzio rotto solo dai richiami dei gabbiani e dei cormorani. Rientriamo ripercorrendo la stupenda passeggiata, ci fermiamo dietro il faro dove è possibile visitare ed ammirare una grande scialuppa di salvataggio che si trova in un locale coperto, l’ingresso è gratuito, si nota subito la grandezza della barca e gli imponenti remi, salendo sulle passerelle si può vedere l’interno della barca con i cordami, i grandi scalmi per i remi e tutto quanto era necessario per la navigazione.

Tonoen.

Prima di visitare il Calvario ci dirigiamo verso la grande spiaggia bianca dove sostiamo nel grande parcheggio per il pranzo, la giornata è ventosa ma bella. Con fatica ci dirigiamo verso la spiaggia con la carrozzina, ma questa sprofonda nella sabbia; che fatica! La spiaggia immensa è ancora più impressionante perché c’è bassa marea e il mare è proprio lontano, la temperatura dell’acqua è di 17°, la temperatura dell’aria di 23°, così è scritto in un cartello appeso fuori della stazione di salvataggio. A circa un chilometro dalla spiaggia c’è il Calvario, imponente ma eroso dal tempo: solo una statua è ancora riconoscibile.

Pointe du Raz.

Il panorama che si ammira da questo promontorio delimitato da alte scogliere, è stupendo! L’occhio si spinge oltre l’oceano per cercare di vedere cosa vi è oltre. Questo punto d’oceano, dove spira sempre un vento molto forte, è solcato da fortissime e pericolose correnti marine, la giornata, bella e soleggiata ma sempre ventosa, ci permette di vedere l’Ille de Sein e il faro Ar-Men. Il parcheggio costa cinque euro e il percorso per arrivare alla punta è accessibile alle carrozzine, noi abbiamo impiegato circa 15 minuti. Vi è anche una navetta che però non è attrezzata per il trasporto delle carrozzine. Il sentiero ben segnalato si snoda in mezzo alla brughiera ed è a strapiombo sull’oceano, si può ammirare la fitta vegetazione d’eriche dai vari colori, licheni, i rari cardi viola e altre piante. Con la carrozzina si può arrivare fino alla statua di Nostra Signora dei Naufraghi, deposta a ricordo di tutti quelli che sono periti in mare.

Point Van.

Altro bel promontorio, accessibile alle carrozzine; bisogna prendere però la stradina sterrata a sinistra dell’ufficio turistico.

14 Agosto.

Locranon. Troviamo l’area attrezzata vicinissima all’ingresso del paese. Questa piccola cittadina con le sue case in pietra è rimasta molto simile a com’era nel XVII secolo. La piazza centrale è molto caratteristica. Bella la chiesa del XV sec., però non accessibile alle carrozzine per i parecchi gradini, la pavimentazione è in ciottolato e lastricato così in tutte le strade adiacenti. Altra caratteristica che colpisce sempre, purché si abbia l’occhio attento, è che non ci sono pali della luce e quindi fili, una domanda viene spontanea: “ ma la corrente c’è o non c’è? “ La corrente c’è, ma tutti i cavi sono interrati. Un bel Calvario del XVI sec si trova all’interno del cimitero di fianco alla chiesa. Pranzo nel ristorante Au Coin du Feu, vicinissimo all’area di sosta,nessun problema con il passeggino.

Cap de la Chèvre.  Non molto interessante, si può arrivare con la carrozzina fino al semaforo della stazione marittima, una stele ricorda i caduti e i dispersi in mare dell’aviazione navale francese.

Point de Pen-Hir. Con la carrozzina, si arriva fino al centro della punta su una strada sterrata, all’inizio la strada è asfaltata. Il promontorio è molto bello, delimitato da scogliere a strapiombo sull’oceano con una fila di faraglioni al largo della punta. In mare molte barche a vela che vanno di bolina, il vento è sempre teso e freddo come in tutte le punte che abbiamo visitato sin ora.

Point de Dinan. E’ una punta delimitata da scogliere di quarzite grigio chiaro alte circa 40 metri, tutto intorno la bellissima brughiera di erica, muschio e ginestre. Dalla punta si può vedere il magnifico Chateau de Dinan, un affioramento di roccia unito alla terraferma da un arco naturale.

Point des Espagnols. Ci fermiamo nell’ampio parcheggio e andiamo ad ammirare la gran baia di Brest; data l’ora, non ci addentriamo nel sentiero che parte dal parcheggio e arriva fino alla punta, ci basta ammirare il bel panorama. Tornando verso Cruzon, ci fermiamo in uno spiazzo sul mare per ammirare il bel tramonto che si presenta davanti a noi.

La notte la passeremo in un parcheggio sul mare con altri camper di fronte al Chateau de Dinan, prima di cena una bella passeggiata sulla spiaggia lunghissima e larghissima a causa della bassa marea, poi tutti a nanna.

15 Agosto.

Plou Gastel.

Visitiamo il bellissimo Calvario del XVII secolo ( Place du Calvaire, parcheggio nelle vicinanze) ricostruito dopo la seconda guerra mondiale perché distrutto dai bombardamenti degli alleati. Il restauro è stato finanziato dal pilota americano che lo ha bombardato.

Il Calvario è composto da circa 180 figure, alcune delle quali sono rappresentate con i costumi bretoni,sormontato da una grande croce, una Pietà, altre due croci più piccole e altre bellissime rappresentazioni : è un’opera veramente imponente. Di facile accesso anche per le carrozzine.

Pointe Saint Mathieu.

Vi sono tre comodi parcheggi, uno di questi nella piazzetta principale vicino al faro, gli altri due ben segnalati a circa 200 metri dalla punta e dal faro. Il luogo è di facile accessibilità alle carrozzine. Dal Faro si gode una bella vista sull’oceano; accanto al faro, le antiche rovine dell’abbazia benedettina risalente al XVI secolo, Dalla punta partono sentieri che non abbiamo potuto percorrere data la non accessibilità con la carrozzina, ma che potano lungo la costa rocciosa.

Lungo il nostro itinerario si attraversa un grazioso paesino arroccato sull’estrema punta occidentale della Bretagna, Le Conquet,bellissime spiagge bianche, tantissimi isolotti e scogli. La voglia di fare una bella immersione su qualche secca mi prende, il brevetto di istruttore subacqueo l’ho con me, ma….. manca il tempo.

Sosta presso l’area vicino al campo sportivo comunale di Ploumogner, è area tranquilla, molto bella, piazzole delimitate, erbose e in piano, carico acqua a gettone acquistabile presso negozi o municipio.

Punta di Corsan.

Altro c.s. e p.s. 3 euro per 24 ore, 2 euro carico acqua, questo punto sosta è confinante con uno spartano e tranquillo camping comunale. Lasciamo il camper nella piazzola delimitata e con il passeggino ci dirigiamo verso la spiaggia che dista circa 300 metri; incontriamo una signora anch’essa in carrozzina che ritorna dalla spiaggia al suo camper.

Trenazan.

Passeremo la notte in questo piccolo paesino, prima, però vogliamo mangiare in una creperia che si trova sulla strada principale del paese, in una casa in pietra del XVII secolo, molto bello il giardino e l’interno, ottime le crepes. Percorriamo la strada principale che in pratica è una panoramica e troviamo un posto veramente delizioso per passare la notte. In sosta un altro camper; siamo in pratica su di una terrazza sul mare, delimitata da una cinta di legno e vasi di fiori, oltre, il mare e gli scogli.

16 Agosto.

Portstal. Attraversiamo il paesino e arriviamo al porticciolo, la bassa marea ha lasciato a vista le chiglie delle barche dei pescatori, alcune di loro, sembrano in equilibrio precario, poggiate solo sulle loro derive, sembrano abbandonate, sembrano relitti spiaggiati. Lo spettacolo sembra desolante, ma non è così, intorno vi è in ogni modo vita. Nella piazzetta del porticciolo si può vedere la grande ancora dell’Amoco Cadiz, la petroliera che nel 1978 naufragò su questi scogli provocando un enorme disastro ambientale, ora tutto è sistemato, la mole di questa ancora è veramente impressionante.

Saint Pabu. Ci fermiamo  per fare colazione in uno spiazzo erboso in riva al mare vi sono altri camper, Teo si è appena svegliato. Arriviamo a Lilia dove c’è un bel faro, lasciamo il camper in uno spiazzo a circa 500 metri dal faro, in quanto è vietato l’accesso ai camper, infatti, la strada finisce in un piccolo parcheggio per le auto dove non sarebbe possibile fare manovra. Il faro de L’Ile de Vièrge è il più alto faro del mondo in pietra, alto 82,50 metri, il suo fascio di luce ha una portata di circa 27 miglia ( un miglio marino corrisponde a 1,852 metri). La vista verso il faro spazia su di una distesa infinita d’acqua punteggiata da innumerevoli scogli e scoglietti, alcuni pescatori sulle barche smistano il pescato e intorno alla barca stazionano in acqua e volteggiano in aria i gabbiani che aspettano il pesce scartato dai pescatori.

Roscoff. Fortunatamente troviamo posto nel p.s. appena fuori della cittadina. Ci sono solo camper francesi parchegiati malissimo, occupano spazi con tavolini e biciclette e dove non c’è il camper, ci sono i tavolini con le sedie per tenere occupato il posto; in pratica fanno campeggio libero. p.s. dotato di colonnina d’acqua erogata gratis, possibilità di scarico. Prendiamo il passeggino e ci dirigiamo verso il centro. Roscoff è situata lungo la baia che guarda a settentrione, le case, risalenti al XVI sec., sono in granito; il porto di Roscoff è il più piccolo porto meridionale francese. Non troviamo difficoltà nel girare la cittadina; l’accessibilità è garantita ovunque.

Calvario di Saint Thégonnec. Parcheggio nelle vicinanze. L’ingresso al Calvario consigliato per i disabili è alla sinistra della chiesa. Questo Calvario è considerato fra i più imponenti e belli della Bretagna; vi si accede attraverso l’imponente arco trionfale datato 1587 nelle vicinanze p.s. e c.s.

Guimiliau. A pochi chilometri da Saint Thègonnec visitiamo un altro calvario bellissimo, risalente al 1580, composto da circa 200 bassorilievi che raffigurano scene della vita di Cristo, tra cui rappresentazioni sacre, una colpisce in particolare, è la rappresentazione profana di una antica leggenda; una donna che aveva per amante il diavolo viene sconfitta dal bene.

La chiesa, molto bella, ha un magnifico porticato in stile rinascimentale dove sono poste, a destra e a sinistra, le statue degli apostoli. Parcheggiamo nel piazzale dei pulmann, a poche centinaia di metri dal complesso. Per cena ci fermiamo presso la Creperia – restaurant-au Chupen sulla Rue du Calvaire, a circa 50 metri dal complesso. Mangiamo ottimi carciofi ripieni, non si pensi ai nostri carciofi con le spine o romani, questi sono tutt’altra cosa, un’ottima zuppa di cipolle per Teo, il tutto accompagnato da una buona bottiglia di sidro secco e ben ghiacciato, a Teo una bella coca gigante.    

A Guimaliau vi è anche un p.s.: si trova appena fuori del paese, ben segnalato, passeremo la notte in questo posto con altri camper. p.s. illuminato,acqua, carico e scarico gratis.

17 Agosto.

Lampaul- Guimiliau. Calvario molto anonimo, buona la possibilità di parcheggio vicino alla scuola. Proseguiamo verso la baia di Morlaix che costeggiamo percorrendo la strada panoramica. Lo spettacolo spettrale delle barche in secca, ci accompagna verso punta Bihit, da dove godiamo un bel panorama sulla baia di Lannion; parcheggio piccolo.

18 Agosto.

Ploumanach, entrando in paese, ci dirigiamo verso l’unico parcheggio e riusciamo a trovare un posto: sono quasi le 10, e il parcheggio è quasi pieno, molti i camper e le auto che vi arrivano e se ne vanno. Adele deve sistemare delle cose, così,con Teo e Emi, ci dirigiamo verso il sentiero dei doganieri; lei ci raggiungerà in seguito, d’altronde non possiamo camminare veloce, dato che Teo è in passeggino; la bassa marea lascia scoperti scogli e scoglietti  e la spiaggia nella piccola baia. Il sentiero, comodo e accessibile, dapprima costeggia la spiaggia, poi si addentra tra una fitta vegetazione per poi costeggiare i bellissimi massi di granito rosa; con il passeggino siamo arrivati fino al primo spiazzo da dove si domina un bellissimo panorama, chi ha gambe può proseguire per diversi chilometri; Teo ed io ci siamo fermati, Adele una volta raggiuntoci ha proseguito per un buon pezzo con la nostra Emi, noi ci accontentiamo di quello che riusciamo a fare ed è comunque molto bello.

Ritornando verso il paese notiamo molta gente che si addentra nella baia con stivali, secchielli,retini e rampini: si dirigono verso gli scogli in secca per cercare di raccogliere granchi, e altre leccornie che il mare lascia quando si ritira; una pescheria a cielo aperto e gratis. Pranziamo in uno dei tanti ristoranti-brasserie del paese: naturalmente piatti a base di cozze, capesante, ostriche.

Dopo pranzo ritorniamo alla baia per vedere un altro meraviglioso spettacolo della natura: l’arrivo della mare. La baia prima completamente asciutta, gli scogli a vista, l’immensa distesa di sabbia, ora incomincia a scomparire con l’avanzare dell’acqua lenta e silenziosa. L’acqua, piano piano sommerge tutto quello che prima si vedeva e ora rimane solo una baia colma d’acqua. La gente del posto e i turisti si buttano in acqua per fare il bagno: dove prima camminavano tranquilli,giocavano a palla, ora nuotano.

Kermaria. Un bel piazzale vicino alla chiesa ci permette di sostare per il pranzo: in questo piccolo villaggio vi è da vedere solo la Chapelle de Kermaria-an-Iskuit ( cappella della casa di Maria guaritrice) risalente al XIII secolo, al suo interno il famoso affresco risalente al XV secolo, occupa tutta la parete della navata e raffigura la danza macabra: la morte raffigurata da scheletri balla con i vivi per ricordare che tutti si è mortali, a prescindere dal nostro stato sociale. A Kerillis troviamo un’area di sosta molto bella e tranquilla.

19 Agosto.

Pointe de Bilfort,Pointe de Minare, Pointe de Berjule,( circuito delle falesie): il panorama è impressionante, le zone di parcheggio non sono molto ampie, le strade sono strette, occhio quindi alla guida.

Cap Fréhel. Si parcheggia nell’ampio piazzale quasi a ridosso del faro, 2 euro il costo del parcheggio, si può pernottare e quindi ci fermeremo con molti altri camper quasi tutti italiani, c’è vento, quindi ci sistemiamo a ridosso della siepe per non sentirlo troppo. Tutta la zona è una vasta distesa di brughiera selvaggia ricoperta da ginestre, erica e licheni: molti gli uccelli di brughiera che vi nidificano. L’erica color porpora, le ginestre gialle, il verde intenso delle felci e i magnifici fiori formano immense distese di mille colori. Tutta la costa bretone è disseminata da scogli, scoglietti e isolotti ed è battuta da forti venti e correnti marine: molti uomini hanno perso la vita in queste acque, per questo la costa ha un complesso sistema di fari e di stazioni marittime. I forti venti che battono la costa, possono arrivare ad oltre i sessanta chilometri orari e spirano per più di cento giorni l’anno. La sera sta calando e il faro è entrato in funzione, siamo vicinissimi e il suo fascio luminoso, che è la guida per tutti gli uomini di mare, solca le nostre teste con cadenza ritmata; è una grand’emozione.

20 Agosto. La mattina la dedichiamo alla visita della zona, sempre accompagnati dall’amico vento: con il passeggino arriviamo oltre il faro fino al ristorante, poi diventa difficoltoso spingersi oltre. Vediamo in lontananza Fort La Latte, è possibile arrivarci a piedi percorrendo un sentiero di circa cinque chilometri ma non accessibile alle carrozzine, per cui decidiamo di raggiungerlo in camper.

Pochi chilometri e parcheggiamo vicino al forte. Il primo tratto di strada in piano, poi una ripida discesa porta verso il forte, non accessibile per i disabili ma bello il panorama. Il ritorno in salita è faticoso per chi deve spingere il passeggino o la carrozzina. Anche qui vediamo persone del posto che attrezzate di tutto punto si dirigono verso gli scogli per la raccolta di mitili ecc.

Ci dirigiamo verso Saint Malo, il traffico intensissimo crea rallentamenti paurosi: potremmo parcheggiare ma preferiamo andare oltre, questa città l’abbiamo già visitata anni fa e di immetterci nel caos non ci va proprio. Cancale. l’area di sosta si trova fuori dal paese, lontana da raggiungere con il passeggino, impossibile trovare posto in paese, divieti ovunque per i camper. Riusciamo, però a trovare uno spiazzo sulla strada che dalla statale porta verso il centro, seguire le indicazioni “ porto”: qui non vediamo divieti e ci fermiamo. Dinanzi a noi la baia di Cancale con la bassa marea, all’orizzonte si vede la rocca di Moint Saint Michel. Scendiamo verso il centro percorrendo un percorso pedonale che costeggia il mare, la vista spazia sulla baia e sulla sabbia. Le barche nel porto e in rada sono tutte appoggiate con la chiglia alla sabbia, sembrano tirate in secca, invece aspettano l’arrivo della marea per ritrovare la loro linea di galleggiamento, per essere ancora una volta scafi vivi. Visitiamo la cittadina e verso le 18 ci accorgiamo che qualcosa sta cambiando. Il deserto incomincia a cambiare colore: non più color sabbia, ma azzurro; la marea! Questa avanza dapprima lentamente, poi sempre più veloce, l’acqua s’ insinua silenziosa in ogni anfratto, ricopre la sabbia e cinge le barche che man mano incominciano a cambiare la loro posizione, lentamente si raddrizzano, si rianimano fino a seguire il moto ondoso, galleggiano, finalmente sono vive. L’acqua avanza inesorabile fin quasi al limite della passeggiata lasciando liberi solo pochi metri di spiaggia; il porto e la baia ormai sono colmi d’acqua. Torniamo verso il camper e compriamo per strada una dozzina d’ostriche del calibro 1, costo della dozzina quattro euro e cinquanta cent.

 

Normandia.

 

Mont- Saint Michel. Arriviamo a Mont Saint Michel e veniamo dirottati verso un gran parcheggio erboso, dove sostano altri camper e auto, la strada che porta verso la rocca è chiusa. Prendiamo il passeggino e ci dirigiamo verso la rocca; il perché del blocco stradale è chiaro: c’è l’alta marea e tutti i parcheggi sono sommersi dall’acqua. Il culmine della massima marea si raggiunge in questo mese, proprio in questi giorni 20,21,22,23 agosto; oggi il culmine è alle 20,30. Mont Saint Michel diventa così per poche ore un’isola collegata solo alla terraferma dalla diga che così impedisce al mare di unirsi completamente. Entriamo nella fortezza da una piccola porta, perché impossibile accedere a sinistra in quanto il mare ha coperto il passaggio sul ponte; un grande via vai di gente all’interno. Incominciano ad accendersi le luci che illuminano la fortezza. Ormai è buio, decidiamo di rientrare, il mare incomincia a ritirarsi, lo notiamo perché prima le transenne dei parcheggi erano quasi completamente sommerse, ora si incominciano ad intravedere. Il rientro dovrebbe essere fatto come in gamberi per poter ammirare la fortezza illuminata. Le luci creano un meraviglioso gioco d’ombre, nel pieno dell’oscurità alla mia sinistra, tra le nuvole, compare una rossa massa rotonda che incomincia a levarsi da dietro le nuvole, è la luna piena, meravigliosa!

21 Agosto.

La notte è passata in modo tranquillo, ci dirigiamo verso la fortezza, questa mattina, si può parcheggiare nei parcheggi intorno al monte in quanto vi è bassa marea. Per i disabili sono disponibili dieci posti, seguire le indicazioni per parcheggio 1 a destra. I parcheggi si trovano proprio a ridosso dell’entrata, costo per un giorno 8 euro, numerosi cartelli in varie lingue avvisano che entro le 19,30 tutti i mezzi devono essere assolutamente rimossi, causa l’alta marea. Il monte è un luogo non facilmente accessibile ai disabili, l’unica stradina stretta e ripida (Grande Rue), che porta all’abbazia, è percorsa da migliaia di turisti ed è delimitata da negozi di souvenir e ristoranti fast-food. Avendo già visto anni fa il luogo, ma non c’era ancora Teo, ci siamo resi conto di quanto sia difficile e faticoso l’accesso per chi ha impedimenti nella deambulazione; vale comunque la pena di arrivarvi. Ripartiamo e, percorrendo la D 43 per Caen, troviamo una bellissima area Camping Car, è l’area di sosta a pagamento per camper dotata di tutti i servizi, al costo di 8 euro a notte; per chi invece volesse fare carico e scarico il costo è di 2,60 euro. Ci fermiamo per fare carico e scarico, notiamo che vi è la possibilità di lavare e asciugare la biancheria e per questo chiediamo se possiamo utilizzare la struttura, c’è risposto affermativamente, così che, Adele acquista i gettoni per le lavatrici e le asciugatrici. Mi viene anche permesso di sostare in una piazzola per tutto il tempo necessario. Il posto è molto bello e in parte molto ombreggiato, vi sono servizi igienici, acqua calda giochi per bambini, noleggio bici, la piazzola è delimitata da siepi ed ha la corrente; non vi sono docce; all’esterno un supermercato, il tutto dista circa tre chilometri dal monte.

Vogliamo vedere l’alta marea arrivare a Mont-Saint Michel, cerchiamo quindi, percorrendo la D 43, un posto che domini la baia. Deviamo verso Genets sulla D 911 e, percorrendo la strada principale di questo piccolo paesino, notiamo sulla nostra sinistra una stradina sterrata con uno slargo giusto per poter fare eventualmente manovra, entriamo e troviamo già un altro camper francese che, nascosto alla visuale, fa campeggio. Il posto per noi c’è, ci fremeremo solo per vedere l’avanzare della marea, scesi dal camper percorriamo i pochi metri che ci separano dalla spiaggia e l’immensa baia ci compare dinanzi completamente asciutta. Sabbia, sabbia, sabbia davanti a noi, solo all’orizzonte, guardando con il binocolo, s’intravvede l’acqua. Alle 18,30 il mare incomincia ad avanzare e, nel giro di circa un’ora e mezza, dove prima c’era solo sabbia si incomincia a vedere arrivare l’acqua, la marea arriva prima lenta e silenziosa, poi sempre più veloce e rumorosa. Filmo e fotografo questo meraviglioso spettacolo naturale che avanza sempre più fino a coprire tutta la baia e il Monte, ormai sono le 20,00 e tutto è sommerso, ricoperto dall’acqua. Nonostante abbiamo visto in questi giorni molte maree, questa è senz’altro la più bella e la più emozionante, anche se tutte le alte maree sono belle e uniche, ma questa, è di una particolare bellezza.

Ripartiamo verso Grenville, dove passeremo la notte lungo la D 35, in uno spiazzo trovato lungo il mare.

22 Agosto.

Punt de Nez de Joubourg e Cap le hage Goury. Ci fermiamo a pranzare in una brasserie a Port Bail, menù a base d’ostriche e zuppa di cozze. Siamo sulla penisola dell’Hauge, punta nord occidentale della Normandia. Il panorama è stato paragonato da molti a quell’irlandese. I prati si estendono fin quasi sul mare, le mucche pascolano liberamente e sembra che da un momento all’altro possano cadere in acqua, le piccole case bianche, grigie, con i tetti spioventi, isolate o in piccoli agglomerati, creano un contrasto meraviglioso tra terra cielo e mare.

Nez de Joubourg è una scogliera di 126 metri, la più alta scogliera dell’Europa continentale; dal suo promontorio che domina l’oceano è possibile vedere bene con il bel tempo (come capitato a noi ) le isole Normanne e il faro di Joury. Possibilità di percorrere un bel sentiero lungo la costa in direzione nord, verso la baia d’Ecalgrain; questo sentiero è considerato uno dei più romantici della Normandia.

Sentiero non percorribile con la carrozzina, con la quale si può arrivare comodamente dal parcheggio fino alla punta, da dove si gode un bellissimo panorama.

Goury: i camper non possono parcheggiare nel piccolo villaggio, sono solo poche case; prima dell’ufficio del turismo ci sono due parcheggi per disabili, noi ci siamo fermati in uno di questi, il punto –sosta è a circa 300 metri dal villaggio, situato a sinistra dell’unica strada, ben segnalato è solo uno spiazzo erboso e sassoso, senza possibilità di scarico e carico, ottimo il panorama, noi ci fermeremo per la notte, vi sono altri camper.

Nel piccolo porticciolo del villaggio notiamo la Stazione Marittima di salvataggio della Manica, infatti, appena al largo di Goury passa una delle correnti marine più potenti e nello stesso tempo più pericolose del mondo, la Raz Blanchard, i naviganti la conoscono molto bene.

Dal punto sosta ci godiamo anche un bellissimo tramonto, il sole scompare all’orizzonte dietro il faro che è appena entrato in funzione. Il silenzio e il buio ci circondano, è notte.

23 Agosto.

Faro di Gatteville: giornata stupenda accompagnata però sempre dall’amico vento, e finalmente Adele vede l’oceano spumeggiare, fino ad oggi è sempre stato tranquillo. Parcheggio vicino al faro. Si può salire e il costo del biglietto è di 2 euro, bisogna affrontare 365 gradini per arrivare alla lanterna. Il faro, alto 71 metri, ha una portata di luce di 29 miglia, 1 miglio marino = 1852 metri. Dalla sua sommità si domina l’infinito, da una parte, l’oceano si perde a vita d’occhio, dall’altra si domina la terraferma, il camper sotto di me è piccolo piccolo. Il vento a quest’altezza è molto forte tanto che fatico a tenere la telecamera ferma, mentre riprendo. Altri 365 gradini però, questa volta in discesa, tornato al camper dove mi attendono Teo e Adele ripartiamo alla volta di Saint Marie Eglise.

Saint Marie Eglise, è il primo paese liberato dagli americani al comando del Generale Patton dopo lo sbarco in Normandia, è rimasto famoso per il paracadutista americano che si è impigliato con il suo paracadute al tetto della chiesa, a ricordo di quell’evento, sul lato della chiesa dove si fermò il parà, penzola un manichino in tenuta da combattimento, che raffigura il soldato impigliato. Parcheggio nelle immediate vicinanze, è possibile visitare il gran museo della seconda guerra mondiale.

Omaha Beach: la famosa spiaggia sulla quale la notte del 6 giugno 1944 si riversarono le truppe alleate che con grandi perdite di uomini cominciarono il sanguinoso processo di liberazione della Francia per poi estendersi a tutta l’Europa. Sono presenti ancora dei bunker tedeschi; non è accessibile per chi è in carrozzina la spiaggia e il percorso verso i bunker.

23 Agosto.

Cimitero Americano: su un parco giardino di 70 ettari di prati di un verde intenso, si estende il cimitero americano, accessibilissimo alle carrozzine (apertura dalle 9 alle 17)

In questo luogo riposano, da oltre sessant’anni, le spoglie di 9387 soldati americani; tra le bianche croci latine perfettamente allineate si possono notare anche croci con la stella di Davide;vengono così identificati i soldati americani di religione ebraica. L’allineamento delle croci è impressionante, da qualunque prospettiva si guardino sono sempre allineate, chiudendo gli occhi si potrebbe immaginare di vedere tutti i 9387 soldati in adunata pronti per l’appello. Il silenzio che regna in questo luogo è rotto solo dal vento e dal frusciare delle foglie degli alberi. Sulle croci sono incisi il nome, l’anno di nascita, lo Stato di provenienza, il grado, il corpo d’appartenenza e il reparto del soldato. Visitiamo il giardino del ricordo e il muro dei dispersi su cui sono incisi i nomi di 1557 soldati di cui non si sono trovate le spoglie, oppure non sono state riconosciute.

Un grande luogo di rispetto che commuove, un luogo di PACE  ma a che prezzo!

Point du Hok: percorrendo la D 514 giungiamo alla stele dell’Hoc Federal Monument, a ricordo del sacrificio dei soldati americani appartenenti al corpo dei Rangers che scalarono sotto il fuoco tedesco una falesia di trenta metri al comando dal Colonnello Rudder; tutt’attorno, i prati dove si possono vedere gli enormi crateri provocati dal fuoco alleato che dall’oceano sparavano verso la costa sulle batterie nemiche. Sito accessibilissimo ai disabili.

Longues sur Mer: visitiamo dei bunker e le uniche batterie tedesche ancora ben conservate, fanno  veramente impressione gli enormi cannoni ancora puntati verso il mare. Questo sito è accessibile ai disabili in carrozzina, tranne i bunker. Ormai sera ci dirigiamo verso l’area di sosta distante pochi chilometri, dove passeremo la notte.

25 Agosto.

Verso Fecamp: ci dirigiamo verso Fecamp attraversando il bellissimo ponte di Normandia ( pedaggio 5 euro). La mattina è soleggiata, il vento non è mai cessato e anche ora spira forte. Parcheggiamo a ridosso della spiaggia di sassi nel punto sosta cittadino; (ben segnalato) un alto muro ci ripara dal vento, possibilità di carico e scarico a pagamento, lo scarico non è molto comodo. Visitiamo l’abbazia benedettina, esternamente la facciata è insignificante, ma internamente è veramente stupenda nella sua semplicità: tre magnifiche navate con una torre centrale da cui arriva la luce, la rendono luminosissima; per accedere all’interno troviamo una bella gradinata, non vi è montascale, quindi, bisogna fare a turni.

Visitiamo il Palazzo Benedettino che non ha nulla però a che fare con i frati: in questo luogo molto frequentato dai turisti è possibile assaggiare e acquistare il famoso amaro benedettino, oltre che visitare il complesso con visite guidate. Ritornati al camper, facciamo una bellissima passeggiata lungo il mare, sulla passeggiata pedonale che dal punto sosta parte verso la grande falesia alla fine della città.

Ripartiamo verso Petit Dal percorrendo strade interne o lungo la costa, che ci permettono di ammirare dei panorami stupendi, tra boschi, pascoli, vallate e paesini caratteristici. La notte, la passeremo, nel punto sosta di Saint Martin de Boulogne, presso la stazione di servizio dell’ipermercato Auchan, possibilità di carico e scarico, a pagamento presso la cassa del distributore.

26 Agosto.

Punt Naz Griz. Parcheggiamo nel parcheggio sterrato vicino alla stazione marittima: La giornata è stupenda, cielo limpido e sole,altre al solito amico vento. Dalla punta possiamo vedere distintamente le bianche scogliere inglesi e le case, l’oceano è solcato da navi cargo e traghetti che partono dalla Francia e dall’Inghilterra. Siamo a circa 28 chilometri in linea d’aria dalla costa inglese. Punt Naz Griz è anche un sito naturalistico di ripopolazione di uccelli marini, che su queste falesie si riproducono e le popolano a migliaia. Il luogo per chi è in carrozzina è accessibile dalla parte dei parcheggi delle auto, da lì si può arrivare alla punta senza grosse difficoltà.

 

Avendo ancora qualche giorno a disposizione decidiamo di fare una breve puntata in Olanda.

Olanda.

Amsterdam.

Arriviamo al campeggio Gasper Camping Amsterdam dove ci fermeremo per due notti. Questo campeggio è il più vicino alla città, che si può raggiungere comodamente con la metropolitana distante circa un chilometro dal camping. I costi per tre persone (due adulti e un ragazzo), un cane e il mezzo, sono di 25 euro a notte  (non abbiamo chiesto l’elettricità) gettoni doccia a parte, le piazzole ampie ed erbose sono delimitate da siepi. Campeggio tranquillo.

27 Agosto.

Amsterdam. Acquistati i biglietti del metrò presso la direzione del camping, ci accingiamo ad iniziare la nostra giornata in giro per la città. Nessun problema con la carrozzina, per l’accesso alla stazione e ai treni, gli ascensori sono funzionanti ovunque.

Premetto subito che non ho trovato alcuna difficoltà nel visitare Amsterdam con la carrozzina sia per quanto riguarda le strade che per i mezzi, un discorso a parte deve essere fatto per i servizi igienici, carenti sotto tutti i punti di vista.  Abbiamo trovato un bar ristorante proprio fuori la stazione della metropolitana, (fermata stazione centrale delle ferrovie), situato vicino all’ufficio informazioni e prenotazioni turistiche, dove siamo scesi con l’ascensore al piano inferiore, abbiamo così potuto potare Teo ai servizi e portare con noi anche Emi, alla quale il personale ha offerto una gran ciotola d’acqua fresca che Emi ha mostrato di gradire, così che anche noi ci siamo rilassati e rifocillati.

Amsterdam la giriamo a piedi in lungo e in largo, lungo i suoi canali, scoprendo angoli molto suggestivi: proviamo anche il giro in battello, ma la carrozzina è un problema, chiedere prima di prenotare.

28 Agosto.

Marken: Marken è un piccolo borgo a circa 16 chilometri a nord-est da Amsterdam. Per arrivarvi percorriamo strade interne passando per piccoli e ben tenuti paesini olandesi, le case di legno, ben tenute, tutto in ordine, niente è fuori posto, contrastano con il verde dei campi, fiori ovunque rallegrano il paesaggio. Il mare, che non vediamo ma che sappiamo esserci, è bloccato dalle dighe naturali di fianco a noi, percorrendo le strade notiamo solo le cime degli alberi delle barche a vela e le vele, gli scafi non si vedono, noi siamo sotto di loro, non per niente siamo nei Paesi Bassi. Parcheggiamo il mezzo nel parcheggio che incontriamo prima di entrare nel piccolo borgo di Marker, nessun mezzo può entrare, notiamo che nel parcheggio a pagamento vi è la possibilità di noleggiare biciclette e anche carrozzine per disabili. All’ingresso, passato un ponticello, notiamo un piccolo negozio di un artigiano che costruisce manualmente, utilizzando ancora vecchi attrezzi, i tipici zoccoli olandesi. Marken fino a poco tempo fa era un’isola di pescatori, e nel 1957 fu collegata alla terraferma. Le sue case, tutte rigorosamente in legno, sono dipinte di nero e verde, contornate da ordinati giardini ornati da stupendi fiori; nessun problema con il passeggino.

Riprendiamo la strada del ritorno e percorriamo la grande diga di 29 chilometri per poi dirigerci verso la Germania dove attraverseremo la Foresta Nera.

29 Agosto.

Attraversiamo la Foresta Nera e ci fermiamo a pernottare presso l’area attrezzata di Chonan, un paesino di montagna; l’area è tranquilla. Vogliamo andare a visitare il Cucù più grande del mondo che si trova proprio in questo piccolo paesino. La casa si trova sulla Untertalstrasse, una parallela della strada principale del paese. Ampio il parcheggio a pochi metri della casa del cucù. Possibilità di visitare l’interno della casa dove si può ammirare il grande ingranaggio di legno che muove l’enorme orologio ( costo 1 euro) Difficoltoso l’accesso all’interno della casa  per le carrozzine come l’uscita verso il prato. Più semplice vedere il complesso dall’esterno, dove si può anche assistere all’uscita dell’enorme uccello che scandisce le ore.

Ormai le nostre vacanze sono finite, dobbiamo rientrare per forza, il lavoro deve riprendere, ma siamo contenti di quello che abbiamo fatto e visto; Teo ancora una volta non si smentisce e chiede: “ quando ancora camper ? “ Presto Teo, presto !

 

Angelo Fabbri

Note.

Mezzo: Mc Luois 430.vv. 2800.jtd. Proprio

Equipaggio: Angelo ( 50.a.), Adele ( 55.a) Teo( 14.a) Emi ( Golden, 4 a.)

Totale Km percorsi 5.859.

Gasolio litri 741,93.

Obbligatorio il passaporto europeo per gli animali, che deve essere rilasciato dal veterinario della propria ASL.

Per i disabili: Per entrare in alcune strutture e usufruire di sconti, i disabili devono essere in possesso, di  una certificazione o tesserino che ne attesti la disabilità

Tessera sanitaria: modello 111 solo per chi non è ancora in possesso della nuova tessera sanitaria.

Per i parcheggi non abbiamo trovato difficoltà, abbiamo parcheggiato più volte in parcheggi riservati ai disabili avendoli trovati liberi; non è consuetudine trovarli occupati da chi non espone il contrassegno come qui da noi. Da notare che Francia, Olanda, Germania e in tutti i paesi dell’Unione Europea, il contrassegno dei disabili è completamente diverso dal nostro ed è corrispondente alla raccomandazione CE del 1998. Una raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea, del 4 giugno 1998 – 98 / 376 / CE , auspica che il contrassegno dei disabili sia unitario, e ne indica il formato con tutti i particolari. In Italia, un decreto legislativo del 30 giugno 2003 n.196 al tiolo IV capo V ( particolari contrassegni) art. 74 “ contrassegni su veicoli e accessi ai centri storici, “ comma 1, recita: “  I contrassegni rilasciati a qualunque titolo per la circolazione e la sosta di veicoli a servizio di persone invalide, ovvero per il transito e la sosta in zone di traffico limitato, e che devono essere esposti su veicoli, contengono i soli dati indispensabili ad individuare l’autorizzazione  rilasciata e senza l’apposizione di simboli o diciture dai quali può desumersi la speciale natura dell’autorizzazione per effetto della sola visione del contrassegno.”

Quindi signfica che il simbolo internazionale “ carrozzina e persona stilizzata” scomparirà dai contrassegni italiani, ma in concreto non si sa cosa sarà messo al suo posto. Alcuni comuni italiani, tra cui il mio, Bollate, già sostituiscono il simbolo internazionale, mettendo il proprio stemma, altri comuni, da me contattati, continueranno a rilasciare i vecchi contrassegni fino a quando non gli avranno esauriti, dopo, così mi è stato detto, penseranno a cosa apporre, tutto questo per la legge sulla protezione dei dati personali. Penso che grazie alla legge sui dati personali, quando dovrò usare la carrozzina, mi occorrerà il mantello invisibile di Erri Potter, così nessuno saprà che ho un figlio handicappato, se questa non è la solita idiozia italiana non so cosa pensare! Bisognerebbe provare a parcheggiare con il nuovo tagliando all’estero e se ci dovessero multare come fare a contestarle? Forse con una rogatoria internazionale tra Governo italiano e il paese estero? Vedremo.

COORDINATE GPS dei PUNTI SOSTA, A.A., CS, PARCHEGGI.

 

  • Strasburgo: N. 48°34.411’. E. 07°43.818°. Quais Luois Pasteur

Parcheggio lungo il fiume dietro l’ospedale consentito dalle 6,00 alle 20,00.,
oppure in Roue de la 1^ armée, a circa cinquecento metri da Quais Luois Pasteur, è una piccola piazzetta, si può pernottare, non molto grande .

  • Eurodisney: N. 48° 52.556’ – E. 02°47.748’

Carico e scarico gratuito presso il parcheggio dei Pulmann.

  • Redon: N. 47° 38.703’ W. 02°05.403’. A.A.

      lungo il canale Nantes, c.s. gratuito.

  • Redon per la notte: N. 47° 38.703’ W. 02°05.407’

       ombreggiata, tranquilla.

  • Pont- Aven: N. 47° 51.568’ W. 03°44.625’
  • Pont-l’Abbe : N 47°52.246’-W. 04° 13.490’.

       presso la caserma dei vigili del fuoco,pozzetto acqua gratis.

  • Quimper: N.47°059.694’. W 04°06.610’

       solo parcheggio a pagamento.

  • Point du Raz: N 48°02.387’. W. 04°22.193’.

      solo parcheggio.

  • Sosta notturna vicino a Cruzon, sul mare : N° 48°14.865. W.04°46.077’
  • Plougastel: N.48°22.387’. W.04°22.143’

       solo parcheggio.

  • Point St.Mathieu. N.48°19.951? W.04°46.077’.

        parcheggio e sosta notturna.

  • Saint Pabu. N.48°34.475’ W.04°37.491’

parcheggio sul mare.

  • Lilia :N.48°37.381’ W. 04°33.823 ‘

Parcheggio.

  • Roscoff. : N. 48°43.490’ W. 03°58.226 ‘

A.A.

  • St. Tégonnec. N 48°31.328. W. 03°56.755 ‘

A.A.

  • Guimiliau : N.48°29.263’. W.03°59.896’

Parcheggio

  • Guimiliau : N.48°29.260’.W 03°59.903’

A.A

  • Treguignec : N.48°49.239 ‘ W. 03°21.121’

Parcheggio e sosta notturna, il martedì è divieto fino alle 15 per mercato.

  • Kerillis Trédarzec.: N.48°48.136. W.03°12.023’

A.A. molto bella tranquilla 5 euro a notte.

  • Cap. Fréhel: N. 48°40.892’ W. 02°19.006’

Parcheggio.

  • Genets : N.48°49.939’ W. 01°34.370’

Parcheggio.

  • Cancale. N.4839.829’. W. 01°51.860’

Parcheggio.

  • Fecamp : N. 49°45.816’.E.00°21.900’

Punto sosta, c.s.

  • Saint. Martin de Boulogne : N.50°44.040’. E. 01°40.287.

P.S, C.S  a pagamento nel piazzale della stazione di servizio, tranquillo.

  • Gasper camping Amsterdam: N.52°18.758’ E.04°59.472’

  



Viaggio effettuato ad Agosto 2005 da Angelo Fabbri

Potete trovare ulteriori informazioni sulle località toccate da questo itinerario nella sezione METE, e i più recenti aggiornamenti alla situazione delle aree di sosta nella sezione AREE DI SOSTA.


Camper nuovi disponibili in pronta consegna
678 nuovi in pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Accessori in primo piano
VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER REGOLATORE SOLARE VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER ...
Display per regolatori solari MPPT, si colleg...
www.camperonsale.it
VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 A) REGOLATORE DI CARICA PER MODULI FOTOVOLTAICI VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 ...
Specialmente quando il cielo e' nuvoloso o qu...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina