CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Vai alla home page di www.CamperOnLine.itLa costa tra Spalato e Dubrovnik

 

Mezzo: camper Adria Twin JTD 2.3. Il tipo di mezzo è stato fondamentale per questo viaggio, primo, perché il tipo di strade e territorio della Dalmazia (strade strette, molte curve) è decisamente poco adatto a mezzi poco maneggevoli, secondo, perché un furgone grigio camperizzato dà poco nell’occhio, non sembra neanche un camper e di conseguenza si può sostare anche per strada parcheggiati, nonostante in Croazia sia vietato.

Il viaggio è durato 15 giorni e abbiamo fatto solo 3 notti al campeggio.

 

Missione: visitare la costa tra Spalato e Dubrovnik, l’ultimo pezzo che ci manca, nel tentativo arduo di sfuggire ai turisti di agosto e alla ricerca di spiagge semideserte.

 

Partecipanti: Paolo e Paola (36-31 anni), neo-camperisti al loro secondo viaggio, ma girovaghi di lunga data.

 

Partenza sabato 6 agosto 2005, ore 22.00.

Passiamo il confine di Pese(Trieste) senza problemi, vista l’ora.

Percorriamo la strada Trieste-Fiume, superata quest’ultima ci fermiamo a

dormire in un parcheggio “veduta mare” ai lati della strada (poco prima di Senj).

La mattina seguente(a Senj),dopo una breve colazione in un bar locale, lasciamo la costiera (troppe curve da lì in poi) per salire verso l’interno e proseguire in direzione Spalato.

Arriviamo con calma a Spalato(tutto strada statale) nel pomeriggio di Domenica e,

visitata l’area archeologica di Salona (molto interessante e bene conservata), parcheggiamo poco fuori dal centro storico, vicino ad un giardino pubblico (dove abbiamo anche dormito).

A me piace visitare i paesi che si svegliano al mattino ed i mercati ortofrutticoli e quindi a Spalato me la godo.

Munitevi di una buona guida cartacea e visitate la città, ne vale la pena.

 

Lunedì 8 agosto 2005, ripartiamo verso Sud e nel primo pomeriggio ci facciamo una gita in barca lungo il fiume Cetina che bagna la cittadina di Omis, che ha scavato un canyon (50 Kune in due, 7,28 Kune=1 euro). Gita simpatica: consigliata.

Inoltre, sempre a Omis c’è un bel castello da visitare.

 

Da qui in poi, inizia il casino della Riviera di Makarska, posto per turisti e non per viaggiatori.

Belle spiagge, ma troppo casino di gente e bancarelle.

Troviamo un parcheggio vicino ad un hotel a Baska Voda, a sud del paese , proprio sotto il campo sportivo.

Il parcheggio è ottimo per lasciarci il camper e quindi decidiamo di prenotare una gita in barca per Hvar e Brac per il giorno dopo, martedì 9 agosto 2005. Costo 150 Kune a testa, fish picnic compreso.

 

Il mattino seguente, quindi, alle ore 9.00 ci imbarchiamo e dopo un paio d’ore ci sbarcano a Jelsa.

Il paese è pieno zeppo di turisti, il che farebbe pensare che qui ci sia da vedere qualcosa di eccezionale, ed invece no. E’ un paese normale dove fanno tappa tutte le gite giornaliere e per questo è pieno di gente. Per fortuna, i turisti si bloccano tutti appena arrivano al primo bar/gelateria/bancarella, per cui, noi, salendo ed addentrandoci nel paese riusciamo comunque a goderci un poco di tranquillità ed un certo panorama.

 

Seconda tappa della gita: isola di Brac e per la precisione il paese di Bol, che sembra essersi sviluppato solo in funzione della rinomata spiaggia, che NON è di sabbia, come si crede, ma di sassolini. Per raggiungere la spiaggia bisogna fare una buona mezz’ora di cammino, spedito. Quindi munitevi di scarpe comode. Il giretto in barca, tutto sommato è un bel diversivo per un giorno, anche se i tempi scadenzati delle soste e gli altri turisti mi innervosiscono un po’.

Una volta sbarcati, siamo ripartiti con il camper verso sud in cerca di un’altra sosta, ma i paesi della riviera sono affollati di gente e macchine. Di conseguenza ci siamo spinti fino al più tranquillo paese di Drasnice.

 

Il giorno successivo, mercoledì 10 agosto 2005, abbiamo fatto il bagno in una spiaggia solitaria poco più a sud di Drasnice, scendendo per un sentiero.

 

Dopo pranzato abbiamo deciso di tornare un attimo indietro per vedere con la luce del sole, questa rinomata Makarska. Si tratta di un paese turistico con la solita spiaggia ed il solito casino di gente. Decisamente non fa per noi.

Proseguiamo verso sud e ci fermiamo al campeggio di Dole a Zivogosce perché necessitiamo di scarico e carico.

Per lo scarico, non pensate che sia così scontato che tutti i campeggi croati ne abbiano uno. Infatti quello di Dole non ce l’ha (in compenso, 15 Euro a notte 2p+van).

Comunque la spiaggia del campeggio è proprio bella.

Il paese vicino, poi, è più “vero” della turistica Makarska e mi è piaciuto di più.

 

Visto che la giornata di giovedì 11 agosto 2005 si presenta nuvolosa, decidiamo di dirigerci a Mostar, muniti di passaporto, ovviamente.

Attenzione alla polizia in Bosnia. La loro missione è quella di dare la multa ai turisti. Sono tantissimi. Se c’è scritto 50, dovete andare a 50. Punto.

Mostar è tranquilla. Fatto il tour del centro la cui caratteristica sono i palazzi bucherellati dalle granate, ci siamo diretto a Medugorje, tanto per non farci mancare niente.

 

A me questi posti di spetacolarizzazione della fede, mi fanno proprio sentire fuori posto, comunque la visita è stata curiosa a cominciare dai segnali di divieto di entrata in città ai carri armati .

Tra lo stupito e l’incredulo, ce ne andiamo decidendo di percorrere quella che è l’unica strada bosniaca che porta al mare.

Quella che passa per Metkovic, Hutovo, Blato.

E qui inizia il nostro viaggio avventuroso perché prima, abbiamo costeggiato una zona umida costituita da laghetti veramente spettacolare, specialmente al tramonto.

Poi, la strada si fa stretta ed in salita e si finisce in un posto veramente fuori dal mondo, altro che paesi lontani e viaggi avventurosi!

Basta addentrarsi nella Bosnia!

Insomma, dopo una serie di saliscendi tra paesetti costituiti da 4 case (abbiamo sorpassato anche un tir che faceva la nostra strada, quindi anche i camper più grossi ce la possono fare), siamo arrivati a Neum, l’unico paese delle costa Bosniaca, dove c’era un gran casino di musica e vita notturna.

Dopo cena, abbiamo proseguito fino ad arrivare a Ston.

 

Ston merita una sosta e la consiglio anche come sosta camper, perché è finalmente un luogo pianeggiante ed ombreggiato.

Il mattino seguente, venerdì 12 agosto 2005, abbiamo visitato le straordinarie mura di questo paese che stranamente non era neanche nominato nella mia guida Lonely Planet della Croazia. Scandalo!

Visto il tempo di nuovo incerto non ci mettiamo alla ricerca di una spiaggia, ma andiamo diretti a Dubrovnik per una perlustrazione dei luoghi di sosta.

Sapevo già che l’unico camping è il Solitudo. Siamo andati a vederlo giusto per curiosità. Ha un parcheggio esterno che comunque è riservato agli ospiti del campeggio.

Comunque alla fine abbiamo parcheggiato per la notte in un ampio parcheggio per autoveicoli posto in zona centrale.

Prima, però, siamo andati a fare un giro a Cavtat (simpatica), e siamo arrivati fin sulla penisola di Prevlaka, l’ultima estremità sud della Croazia, proprio davanti alle Bocche di Cattaro e dove c’è anche un parco da visitare (ma noi non l’abbiamo fatto perché era tardi).

Prima del parco, sulla destra, una spiaggia carina ma piena di immondizie. A Molunat c’è anche un campeggio, ma piuttosto scomodo viste le strade strettissime.

 

Sabato 13 agosto 2005, abbiamo avuto la brillante idea di alzarci prestissimo, prendere l’autobus ed arrivare in città vecchia a Dubrovnik già poco prima delle 8.00.

Questo ci ha permesso di vedere la città prima della invasione dei gruppi di turisti che sbarcano dalle navi da crociera verso le 10.00 come una invasione barbarica.

Con il loro arrivo, la città si è improvvisamente imbruttita tanto da sembrare un posto diverso. Obbligatorio il giro delle mura, anche qui con buone scarpe ai piedi perché è lungo qualcosa come circa 1940 metri!

 

Dopo pranzato iniziamo la risalita fermandoci a Trsteno, altro posto carino, noto per l’Arboretum. Per info:

http://dubrovnik.laus.hr/dubrovnik1/html/body_trsteno.html

http://en.wikipedia.org/wiki/Trsteno

http://www.trsteno.hr/italian.htm

 

Inoltre il porticciolo è un bel posto dove fare il bagno.

Qui ci siamo fermati a dormire (attenzione: strada stretta e con curve a gomito).

Siamo rimasti a goderci il sole ricomparso tutta la mattina del 14 agosto 2005 e poi siamo andati a Ston per pranzo e a Orebic, sulla penisola, nel pomeriggio.

 

Il mattino seguente (lunedì 15 agosto 2005), dopo aver dormito parcheggiati a Orebic, abbiamo preso il traghetto passeggeri per Kurzola e per la visita del paese.

Il paese è caratteristico. Vale la pena visitarlo.

 

Nel pomeriggio, visto il temporale in arrivo, decidiamo di risalire un bel pezzo ed in serata arriviamo a Vodice dove ci parcheggiamo per la notte.

Il paese di Vodice è carino e in queste aree, dove siamo già stati qualche estate fa, ci sono meno turisti e meno confusione. Per chi non ci è mai stato, consiglio anche Primosten e Trogir.

Da Vodice, nel pomeriggio andiamo a Murter da dove partire il mattino dopo per una gita in barca alle Incoronate (Kornati).

La mattina del 17 agosto 2005, ci imbarchiamo per questa gita che vale la pena fare.

A mio avviso però, le soste sono sempre troppo poche e troppo corte (barche lente).

Sbarcati, ripartiamo verso nord, per trascorrere la notte sull’isola di Pago che per noi rimane la destinazione migliore.

A Novalja ci fermiamo al camping Strasko (anche questo senza scarico, 25 Euro a notte), zona FKK, ovvero naturista.

Non c’è niente di più tranquillo e rilassante di un camping nudista/naturista perché il silenzio che vi regna, il rispetto della privacy, l’educazione e la pulizia che si trova, caratteristiche per altro tipiche di chi pratica il naturismo e ne ha compreso la filosofia, sono introvabili in qualsiasi altro posto.

Perfino i bambini, che sono numerosi, non fanno confusione, non schiamazzano e non urlano e non si sentono neanche urlare quei noiosi genitori al seguito (non so se è una caratteristica di chi pratica il naturismo o semplicemente il fatto che non erano italiani).

 

Dopo due giorni rigeneranti al campeggio, domenica 21 agosto 2005, e dopo una bagno alla spiaggia del paese di Pago, facciamo purtroppo ritorno a casa.

Questa volta prendiamo l’autostrada che risulta essere costosa. Il camper paga il doppio di una autovettura, inoltre ci sono spesso restringimenti ad una corsia che provocano rallentamenti.

 

Piccole avvertenze: in Croazia in cucina usano l’aglio.

Ho sentito molti Italiani lamentarsi dell’aglio. Il fatto è che carne e pesce vengono spennellati con un intingolo di prezzemolo ed aglio mentre sono sulla griglia.

Questo è il loro modo di cucinare, rassegnatevi. Oppure andate avanti a pizza e spaghetti.

Oltre alla carne ed al pesce, i loro prodotti migliori sono gli yogurt e le creme di formaggio spalmabile.

Le varietà di yogurt sono tantissime e vanno da quelli cremosi, a quelli compatti al “latte acido”, cioè una specie di yogurt liquido. Costano pochissimo.

Le pasticcerie sono la fine del mondo: crafen, strudel e pastecreme da sogno.

 

 

Km percorsi       2200

Consumo litri     175

Prezzo gasolio: Croazia e Bosnia circa 1 Euro, Slovenia circa 0,95 Euro.


Viaggio effettuato nell'Agosto 2005 da Paola Rossi

Potete trovare ulteriori informazioni sulle località toccate da questo itinerario nella sezione METE, e i più recenti aggiornamenti alla situazione delle aree di sosta nella sezione AREE DI SOSTA.


Camper nuovi disponibili in pronta consegna
678 nuovi in pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Accessori in primo piano
VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER REGOLATORE SOLARE VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER ...
Display per regolatori solari MPPT, si colleg...
www.camperonsale.it
VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 A) REGOLATORE DI CARICA PER MODULI FOTOVOLTAICI VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 ...
Specialmente quando il cielo e' nuvoloso o qu...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina