CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Val di Fassa: gioie e dolori

 

Credo non sia difficile immaginare a cosa mi riferisco con questo titolo; le gioie sono quelle che solo una zona come questa, fra le più belle del nostro paese può riservare a chi decide di trascorrerci una vacanza, i dolori sono quelli che riserva il contatto con gli amministratori locali, ai quali il “Plein Air” evidentemente non va proprio giù. Eppure io credo che parlandosi (e qui tiro in ballo le associazioni e le riviste che al Plein Air si rifanno) si dovrebbe riuscire a trovare un modo per conciliare le esigenze dei valligiani, che indubbiamente soffrono della pressione dei turisti (peraltro beneficiandone economicamente), e quelle di noi camperisti che non vogliamo piegarci alla logica del turismo “tutto compreso”. Ma cominciamo con la cronaca della settimana.

 

30/8: Partenza da Firenze di Lunedì, per esigenze familiari, A1, poi A22, con uscita a Trento Nord, e percorso alternativo attraverso la Val di Cembra, nel tentativo di risparmiare al povero Transit 2500 aspirato, i tornanti e la ripida salita che porta dalla canonica uscita di Ora, a Cavalese. L’itinerario alternativo si rivela azzeccato, anche se la strada è interrotta per lavori e veniamo deviati sulla strada che percorre la Val di Cembra dal versante opposto a quello da cui l’abbiamo imboccata noi. Il pendio è dolce, le curve non troppo strette, e i Km tutto sommato non devono essere molti di più. Pranzo rapido in una piazzola vicino al paese di Val Floriana, e via verso Cavalese, poi Predazzo, da cui deviamo per una puntata verso il Parco Naturale di Paneveggio. Sosta presso il centro visitatori del parco, a Paneveggio; un’occhiata al recinto dei cervi e passeggiata nel bosco, lungo il sentiero Marciò, per saggiare la gamba dei compagni di viaggio, in vista di escursioni più impegnative. La giornata non è splendida, per cui, fatto ritorno al camper decidiamo di tornare a Predazzo e di inoltrarci in Val di Fassa per visitare qualche paese e trovare un posto per dormire. Arriviamo in questo modo fino a Campitello di Fassa, senza aver trovato un parcheggio e vedendo molte sbarre a 2 metri di altezza, per cui decidiamo di tornare indietro per andare all’area attrezzata di Forno, a 3 Km da Moena. All’altezza di Pozza di Fassa però, scorgiamo qualche camper parcheggiato lungo il fiume, quindi rapida inversione e raggiungiamo il parcheggio subito dopo il ponte da cui parte la strada per la Valle San Nicolò. Stranamente pare che nessuno abbia da ridire sulla ns. presenza, per cui pernottiamo tranquillamente a Pozza, visto che dell’area attrezzata in realtà non avevamo bisogno.

 

31/8: Giornata che si apre alle 6,45 con le campane della chiesa di Pozza (ma ci riaddormentiamo subito) e un cielo grigio che non promette niente di buono. Dopo la colazione, visto che il tempo non si rimette al bello, decidiamo di fare una visita al palazzo del ghiaccio di Alba di Canazei per far pattinare le ragazze sul ghiaccio. All’imbocco della strada che porta al palazzo del ghiaccio, trovo un cartello di divieto di sosta per i camper, ma il parcheggio è vuoto, perciò, più per scrupolo che per altro, chiedo al gentilissimo ragazzo della biglietteria se posso fermarmi nel piazzale, ma me lo sconsiglia perché dice che passano spesso i vigili e mi consiglia di andare al parcheggio della funivia, perché essendo su un terreno privato i vigili non possono dire niente. Scambiamo due chiacchiere sull’assurdità della cosa, ma non ci sono molte alternative, così non mi resta che andare al parcheggio della funivia. Dopo la pattinata sul ghiaccio, visto che sono appena le 11,30, decidiamo di riprendere il camper per cercare un parcheggio a Canazei e visitare il paese. Faccio un primo passaggio ma non avvisto nessun parcheggio, perciò torno indietro deciso ad addentrarmi in qualche strada laterale, ma all’altezza della piazza avvisto due vigilesse alle quali chiedo dove posso parcheggiare. La risposta lì per lì mi fa pensare ad un malinteso, perché mi dicono di andare al campeggio, e quando insisto dicendo che voglio solo fermarmi un paio d’ore, scuotono la testa e mi dicono di provare indovinate dove? Al parcheggio della funivia di Alba, cioè a circa 2 km dal centro di Canazei. Riparto ma non mi do per vinto, e quando avvisto l’indicazione per la piscina svolto a destra, pensando che ci sarà pure un parcheggio dove posso fermarmi se voglio andare in piscina. Lungo la strada trovo due parcheggi con la sbarra, ma in fondo c’è un piazzale sterrato con un altro camper parcheggiato, proprio davanti alla piscina. Scendiamo e andiamo verso il centro di Canazei, ripromettendoci di far presente alle due vigilesse che abbiamo trovato un parcheggio più comodo di quello indicato, ma non le troviamo più, perciò facciamo due acquisti e torniamo al camper, fermandoci a vedere gli orari della piscina (coperta) nel caso il maltempo insistesse a perseguitarci. Faccio appena in tempo ad aprire il camper e chi ti arriva? Le due solerti vigilesse che, a bordo della loro vettura di servizio stanno evidentemente facendo il giro a sanzionare gli ostinati camperisti che vogliono visitare Canazei. Vengo così a sapere che sono in contravvenzione perché all’inizio della strada  che porta alla piscina c’è un cartello che vieta l’ingresso ai mezzi di altezza superiore ai 2 metri, e c’era anche una sbarra che però era alzata per far entrare i camion che dovevano montare uno stand per una festa. Cerco di giustificarmi dicendo che non ho visto la sbarra alzata, e facendo presente che in fondo il parcheggio è mezzo vuoto, e che se voglio andare in piscina dovrò parcheggiare, ma ottengo solo di potermene andare subito con in mano un foglietto con l’ordinanza del comune, ma senza multa. Il compromesso mi sembra accettabile, e me la svigno in fretta, recandomi al mitico parcheggio della funivia di Alba per mangiare. Come aperitivo mi leggo l’ordinanza del sindaco, e non so se mettermi a ridere o a piangere; il testo dice, come è ovvio, che è proibito campeggiare su tutto il territorio, intendendosi per campeggio, come al solito, anche la semplice apertura di un finestrino, o del gradino, ecc. ma è consentito il parcheggio nei luoghi consentiti. Il problema è che i luoghi consentiti non esistono! (A parte il piazzale della funivia di Alba). Dopo pranzo decidiamo di allontanarci dal paese e andiamo in direzione del passo Sella, dove ci hanno detto che c’è un posto dove le marmotte si fanno avvicinare fino a prendere il cibo dalle mani. Parcheggiamo vicino ad un ristorante (non senza aver chiesto se diamo fastidio) e ci avviamo per la nostra passeggiata. Con un po’ di pazienza e di fortuna riusciamo ad avvicinare una marmotta e a fare qualche foto prima che una famiglia un po’ invadente conquisti la scena, riuscendo a far scappare la marmotta e dandoci poi consigli su come fare per avvicinarla. Mah! Veniamo poi a sapere dalla titolare del ristorante che l’ora migliore per vederle è la mattina perché hanno più fame, e che oramai i turisti le hanno rovinate, portando loro da mangiare anche biscotti, cioccolata, ecc.

La nostra giornata si conclude qui, con la pioggia che scende più decisa, e noi che torniamo a Pozza di Fassa sperando in un Settembre migliore.

 

1/9: Risveglio nella nebbia, ma le previsioni parlano di tempo bello, perciò decidiamo di andare a Carezza per prendere la seggiovia che ci porterà al Rifugio Paolina, punto di partenza per la nostra escursione: il giro della Roda di Vael. La passeggiata inizia in mezzo alla nebbia, ma noi teniamo duro e raggiungiamo il Rifugio Roda di Vael nel tempo previsto di 45 minuti. Da qui, secondo quello che dice l’itinerario che abbiamo scaricato da Internet, non troveremo più rifugi fino al ritorno al Paolina, termine del percorso ad anello. Dopo altri 20 minuti ci troviamo come da programma alla base di un canalone definito “ripido ma breve” che dovrebbe portarci in quota per raggiungere il passo Vajolon. Iniziamo l’ascesa che si rivela abbastanza problematica, ma ormai siamo in ballo, e a quel che dice il nostro itinerario, si tratta della sola difficoltà di un percorso “facile”. In realtà il bello deve ancora venire, perché la discesa dal passo Vajolon (che raggiungiamo in un tempo ben più lungo di quello previsto ) si dimostra molto ardua, con passaggi stretti, scivolosi, ed un passaggio con corde e scala decisamente non adatto alle nostre possibilità. Inoltre alla fine della discesa un cartello ci indirizza per un sentiero che non corrisponde a quanto indicato nel percorso, facendoci allungare il percorso di 40 minuti almeno. Le ragazze sono stremate, ma essere arrivati in fondo sani ci da morale, perciò decidiamo di andare a vedere anche quel che resta del lago di Carezza, che quando aveva l’acqua doveva essere molto bello. Terza notte nel parcheggio di Pozza  di Fassa.

 

2/9: Giornata splendida, che decidiamo di dedicare alla visita del Col Rodella, luogo assolutamente ineguagliabile per la vista a 360° che regala. Decidiamo di salire in funivia, ma quando arriviamo al parcheggio ci sono cartelli di divieto di sosta per i camper, con un parcheggio con la sbarra a 2 metri, ed un altro parcheggio dietro, sempre con la sbarra, però alzata. Incerto sul da farsi, visto che siamo a Campitello, nel territorio del comune di Canazei, chiedo alla biglietteria, e mi dicono di entrare senza problemi, perché mi daranno loro un foglio da esporre sul parabrezza. Faccio i biglietti e mi consegnano l’attestato con tanto di targa del mezzo che mi consente di stare nel parcheggio fino alla chiusura degli impianti (ore 18). Saliamo così al Col  Rodella, il cui panorama ripaga delle difficoltà. Qui scopriamo dalla carta dei sentieri, che vi consigliamo di procurarvi all’ufficio del turismo (se riuscite a parcheggiare in qualche paese) che potevamo arrivare anche a piedi passando dal Passo Sella, e che esiste un sentiero che dal Col Rodella scende in Val Duron, dove vogliamo andare nel pomeriggio. Ormai però abbiamo il biglietto di ritorno per la funivia, perciò torniamo a valle e, senza spostare il mezzo, (non sarebbe possibile parcheggiarlo altrove a Campitello) ci incamminiamo per la Val Duron, previa preparazione dei panini per il pranzo e acquisto di un po’ di frutta in paese. Il sentiero è di quelli che stroncano le gambe, perché all’inizio è un po’ ripido, ma noi la prendiamo con calma, e poi dopo quello del giorno prima….In ogni caso anche qui lo spettacolo della valle è tale che la fatica passa in secondo piano. Dopo un meritato riposo al rifugio Micheluzzi prendiamo la via del ritorno, e torniamo al camper entro le 18, per dirigerci stavolta all’area attrezzata di Forno di Moena, dove per 11 € passiamo la notte, scarichiamo, ci riforniamo di acqua e ci allacciamo alla corrente.

 

3/9 : altra giornata splendida, che dedichiamo al Viel del Pan. Viel del Pan significa via del pane, ed è il nome che viene tuttora  dato a questo sentiero che metteva in comunicazione la val di Fassa col bellunese, ed attraverso il quale avvenivano i commerci fra le due zone. Oggi è uno splendido sentiero escursionistico che parte dal Passo del Pordoi e porta al rifugio Viel del Pan, che si trova sopra al lago di Fedaia e di fronte al ghiacciaio  della Marmolada. Consumiamo il nostro pranzo al sacco sul prato dietro il rifugio, e dopo un meritato riposo ed un tiramisù da favola iniziamo la discesa. La truppa è un po stanca, perciò parcheggio il camper poco oltre il Passo Sella, vicino all’omonimo rifugio, e mi avvio da solo per il sentiero che porta prima al rifugio Friedrich August e poi al rifugio Sandro Pertini, che non riesco a raggiungere perché la stanchezza inizia a farsi sentire, e all’orizzonte si affacciano dei nuvoloni neri che non promettono gran chè. Ritorno a Pozza di Fassa e nuovo pernottamento nel parcheggio lungo il fiume.

 

4/9 : ultimo giorno pieno di vacanza. Poiché il tempo non è perfetto e le previsioni lo danno in peggioramento, scegliamo una gita vicina, quindi usciti dal parcheggio prendiamo la strada che si addentra nella Val San Nicolò. Fatti si e no 2 km siamo però costretti a cambiare programma, perché la strada è vietata ai mezzi con larghezza superiore ai 2 metri, quindi dietro front e visto che il cielo si è fatto più sereno decidiamo di fare un’escursione al Rifugio Gardeccia. Per andare al Gardeccia esistono due possibilità: o il pulmino che porta direttamente al rifugio, o una seggiovia che parte dallo stesso piazzale da cui parte il pulmino (poco fuori da Pozza di Fassa in direzione di Canazei), che con tre tratti porta al rifugio Ciampedie, da cui in 45 minuti di cammino si può raggiungere il rifugio Gardeccia. Noi optiamo per l’andata in seggiovia, passeggiata dal Ciampedie al Gardeccia, e se il tempo e le gambe lo permettono, ascesa al rifugio Vajolet, posto proprio sotto le omonime “torri”, con ritorno in pulmino dal Gardeccia. Arriviamo quindi al parcheggio della seggiovia, all’ingresso del quale campeggia l’ormai consueto cartello di divieto di sosta ai camper, ma entriamo lo stesso e chiediamo alla signora della biglietteria se possiamo parcheggiare. La signora dice che non ci sono problemi, quindi parcheggiamo e ci prepariamo a scendere. Mentre scendo mi accorgo che il mezzo sporge un buon mezzo metro dalle righe, ostruendo un po’ il passaggio, quindi faccio un giro del piccolo parcheggio per vedere se c’è un posto migliore, e mi accorgo che oltre un vialetto pedonale c’è un cancello in legno (aperto) da cui si accede ad un prato adibito sempre a parcheggio della seggiovia. All’interno di questo parcheggio, ben più grande di quello dove siamo noi, ci sono già alcune auto ed un camper, per cui senza indugi rimetto in moto e mi sposto. Qui però accade l’imponderabile: mentre scendo, mi accorgo che un addetto della seggiovia sta correndo verso di me urlando come un ossesso! Appena mi raggiunge inizia ad inveire dicendomi che non posso entrare, perché ci sono i cartelli di divieto di sosta per i camper, e che la sera quel cancello verrà chiuso definitivamente perché la stagione finisce, e quindi io rimarrò chiuso dentro. Provo a spiegarmi, dicendo che avevo già chiesto il permesso alla signora della biglietteria, ma il tizio ribatte che io posso stare nell’altro parcheggio e non sul prato.Come diceva un vecchio comico “non capisco ma mi adeguo”, così mi sposto nuovamente nel parcheggio asfaltato. Proprio in quel momento arriva un altro camperista e la scena si ripete. L’amico camperista, evidentemente più nervoso di me, si arrabbia un po’ e ne nasce un battibecco alla fine del quale mi trovo a fare da pacere, anche perchè vorrei prendere la seggiovia tranquillo. Una frase dell’addetto alla funivia mi resterà comunque in testa, quando urla a me e all’altro malcapitato “Ma insomma, lo capite o no che qui i camper non li vuole nessuno? Voi, se volete venire, dovete stare nei campeggi e basta!” In questa frase credo che sia riassunto chiaramente il modo di pensare degli amministratori locali, ed evidentemente anche di buona parte degli abitanti. Va detto che indubbiamente il popolo dei camperisti è sempre più disomogeneo, e molto spesso poco rispettoso dei luoghi che frequenta. Per tanti di noi che cercano un posto tranquillo dove non dare fastidio a nessuno, altrettanti sono quelli che ritengono un loro diritto creare accampamenti, tirare fuori i tavolini, aprire i tendalini, stendere gli asciugamani in mezzo alla strada, e magari scaricare anche un po’ d’acqua, tanto si asciuga. Alla fine tutti ci calmiamo, riesco a far capire al nostro amico che cercavamo solo di dare meno fastidio possibile, e  veniamo anche a sapere che lui ce l’ha con il camper che è parcheggiato sul prato e che è fermo lì da una settimana. Riusciamo finalmente a partire, e portiamo a termine la nostra escursione, rientrando al parcheggio per le 16 circa (si segnala una polenta con funghi presso il rifugio Vajolet veramente notevole, giusto premio per un sentiero con pendenze da ribaltamento). Poichè il pomeriggio è ancora lungo, e non sarebbe male sfruttarlo, decidiamo di andare in Val Venegia, una splendida valle posta sotto le pale di San Martino. Per raggiungerla bisogna tornare a Predazzo, imboccare la strada per il passo Rolle, e deviare poco dopo Paneveggio, per la strada del passo Valles. Dopo qualche km. si trovano le indicazioni per la Malga Venegia, ed un parcheggio. In realtà la strada (sterrata) condurrebbe fin sotto la Malga Venegia, ma è molto stretta per cui decidiamo di farla a piedi, tanto si tratta di poco più di un Km, quasi in piano. La valle è veramente deliziosa, ed avrebbe meritato più tempo, anche perchè il sentiero continua oltre la Malga Venegia (a proposito, ottima la panna con frutti di bosco), fino alla Malga Venegiota, e poi fino al Passo Rolle. La nostra settimana in Val di Fassa finisce qui, col pernottamento presso gli impianti della funivia del Cermis, alle porte di Cavalese, e la partenza Domenica mattina alla volta di Firenze.

 

In conclusione che dire? La zona è a dir poco stupenda, offre possibilità di escursioni per tutti i gusti e tutte le gambe, e le difficoltà tutto sommato con un po’ di pazienza si possono superare. Il consiglio è sicuramente quello di non andarci nei periodi di massimo affollamento perchè immagino che la situazione possa essere ancora più difficile di quella che abbiamo trovato noi.



Viaggio effettuato in Agosto 2004 dalla famiglia Scheggi

Potete trovare ulteriori informazioni sulle località toccate da questo itinerario nella sezione METE, e i più recenti aggiornamenti alla situazione delle aree di sosta nella sezione AREE DI SOSTA.


Camper nuovi disponibili in pronta consegna
677 nuovi in pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Guarda le proposte sul nuovo e pronta consegna
Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Guarda le migliori proposte dai concessionari
Accessori in primo piano
VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER REGOLATORE SOLARE VICTRON ENERGY MPPT CONTROL DISPLAY PER ...
Display per regolatori solari MPPT, si colleg...
www.camperonsale.it
VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 A) REGOLATORE DI CARICA PER MODULI FOTOVOLTAICI VICTRON ENERGY MPPT 100/15 (12/24 V. 15 ...
Specialmente quando il cielo e' nuvoloso o qu...
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina