CamperOnLine.it Home Page Benvenuto!   Welcome!
Bienvenue!   Willkommen!
Camping Sport Magenta

Repubblica Ceca e Slovacchia

Repubblica Ceca e Slovacchia


Viaggio in Repubblica Ceca e Slovacchia

Periodo del viaggio 01/08/08 - 23/08/08 (22 giorni)
Pubblicato da gpritoniVisita il profiloContattaInvia una mail

Leggi il resoconto completo

Resoconto del viaggio

Repubblica Ceca  e  Slovacchia

-        Estate - 2008 –

                                 

 

Periodo: viaggio effettuato dell’1 al  23 Agosto 2008

Itinerario: Bologna – Ceske Budejovice – Praha – Brno – Liptovsky Trnovec – Bratislava – Tarvisio - Bologna

Equipaggi: 3 roulotte, 4 camper, 1 igloo

Equipaggio organizzatore: Giuseppe e Paola; mezzo: Peugeot 307 1.6 HDI e Lander 401 Touring

Percorrenza: Km 2585 auto+roulotte e Km 1600 con solo auto

 

 

 

Anche quest’anno ci siamo ritrovati ad agosto per trascorrere 3 settimane di vacanza, scegliendo come mete del nostro viaggio la Repubblica Ceca e la Slovacchia. Nel programma di viaggio, definito prima di partire, sono stati indicati i campeggi in cui sostare e i corrispettivi periodi di permanenza.

Siamo partiti in due roulotte ed un camper, per poi aumentare di numero durante il corso della vacanza.

 

Venerdì    1 / 8     sole e pioggia                  S .Giovanni in Persicelo BO – Bressanone   km 300

                                                                  

 Per la maggior parte degli italiani è il giorno del grande esodo verso i luoghi di villeggiatura; già dal primo mattino iniziano ad arrivare, tramite onda verde e telegiornali, notizie di rallentamenti e code chilometriche, quasi sempre nei soliti tratti, con previsioni a dir poco catastrofiche di quello che sarà il traffico dal tardo pomeriggio e nella giornata successiva, facendo così ancor più aumentare l’ansia e lo stress da partenza.

Dando ovviamente il giusto peso ai super allarmismi dei media, abbiamo seguito il nostro itinerario, già da tempo programmato: venerdì primo agosto alle 18.30 siamo partiti da San Giovanni in Persicelo (BO) con destinazione le Repubbliche Ceca e Slovacchia.

A  Carpi siamo entrati sull’A22 del Brennero e l’abbiamo percorsa regolarmente, senza alcun problema. In tarda serata, verso Bolzano un acquazzone ha rinfrescato l’aria e poco dopo, all’altezza di Bressanone (Brixen),  ci siamo fermati per la sosta notturna nell’area di servizio Plose Est.

 

Sabato     2 / 8     pioggia e sole                  Bressanone – Ceske Budejovice  CZ    km 483

                                                           

Alle 7 riprendiamo il viaggio; è nuvoloso, ci sono 15 °C e non piove più. Superato il confine continuiamo in territorio austriaco sull’A13, arrivando poco dopo alla barriera dell’Europa Bruke, dove paghiamo un pedaggio di € 8  ad equipaggio. Ci fermiamo poi nella prima area di servizio per acquistare la vignette (€ 7.7), obbligatoria per viaggiare sulle autostrade dell’Austria.

Ad Innsbruck continuiamo sull’A2 E60 E45 verso Munchen; dopo Kufstein siamo entrati in Germania ed all’incrocio di Rosenheim siamo andati sull’A8  E52 in direzione di Salzburg-Wien; il traffico si è poi intensificato ed è anche ripreso a piovere.

A Salzburg continuiamo sull’A1 E60 E55 verso Wien; il tempo intanto è migliorato: non piove più, a tratti c’è anche il sole ed il traffico è scorrevole. Poco prima di Linz siamo passati sull’A7 E55 verso Linz e Praha; superato il lungo ponte sul Danubio, circa una decina di chilometri dopo, ci fermiamo per pranzare nell’ampia e nuovissima area di sosta, sita poco prima della fine dell’A7.

Riprendiamo il viaggio sull’E55 e giunti al confine tra Austria e Ceca (Dol Droviste) acquistiamo la vignette (€ 14.8) utile per viaggiare sulle autostrade della Repubblica Ceca per un mese; (€ 7.3 per 7 giorni); continuiamo nella Boemia meridionale e dopo 40 km alle 15.15 raggiungiamo la periferia di Ceske Budejovice, sistemandoci nell’ottimo ed ampio camping Dlouha Louka, dove resteremo fino all’8 agosto. Intanto è già arrivato da qualche ora, con il suo camper, un nostro amico di Bologna.

Facciamo poi una breve passeggiata nell’adiacente ed ampio Stromovka Park

 

Domenica    3 / 8    sole                                  Halasovice   Zlata Koruna   Ceske Budejovice                                                               

                                                             

Oggi siamo un po’ tutti euforici; iniziano le escursioni belle ed interessanti. C’è il sole, ma anche qualche nube che ogni tanto lo copre. Alle 8.30 partiamo dal campeggio e raggiungiamo il minuscolo villaggio di Halasovice, ritenuto, non a torto, il gioiello del barocco contadino; attorno ad un piccolo laghetto, al centro della piazza, si trovano 22 edifici ben conservati, decorati e dipinti in stile barocco.

Proseguiamo poi per il piccolo ed incantevole borgo di Zlata Koruna, ubicato lungo la Moldava, alla fine della lunga discesa che i canoisti fanno sul fiume, partendo dal Lago Lipno. Sulla sponda destra del fiume c’è un’ottima e ben organizzata base nautica, con possibilità, per chi scende in canoa, di fermarsi o accamparsi per la notte; sulla riva opposta, in posizione sopraelevata, c’è il monastero cistercense (Klaster) che visitiamo, e la basilica.

Nel pomeriggio partiamo dal campeggio a piedi e seguendo la ciclabile raggiungiamo il centro di Ceske Budejovice (km 1.5) arrivando nella spettacolare Namesti Premysla Otakara, la piazza più grande della Repubblica Ceca, circondata da edifici in stili diversi con al centro la fontana di Sansone.

   

Lunedì     4 / 8     sole                                  Hlubokà nad Vlatavou   Prachatice

                                                                   

Stamattina ci sposteremo di circa 15 km a nord di Ceske Budejovice per vedere lo straordinario castello di Hlubokà, caratterizzato da facciate chiare di stile gotico tudor, ispirate al castello inglese di Windsor (è aperto anche di lunedì). Parcheggiate le auto alla periferia del paese, si percorre a piedi una ripida salita  fino a raggiungere il castello in cima alla collinetta.

La visita è solo guidata e dura circa 40 minuti; tanti sono gli ambienti e le sale magnificamente arredate e ben curate anche con finiture in legno che rivestono soffitti, porte e pareti; per chi non comprende il ceco, viene fornito uno stampato nella lingua che si conosce.

Visitiamo poi il magnifico parco che lo circonda, tra verdi prati, aiuole fiorite,  arbusti ed alberi ad alto fusto. E’ormai passato mezzogiorno, quando facciamo ritorno in campeggio e troviamo ad aspettarci un nostro amico che ci ha raggiunto in camper e rimarrà con noi alcuni giorni.

Nel pomeriggio ci dirigiamo ad ovest, fra le colline della regione di Sumava, per visitare la piacevole cittadina rinascimentale di Prachatice, il cui centro storico è ancora circondato da fortificazioni trecentesche ben conservate; molto bella è la piazza principale (Velke Namesti) e le viuzze laterali. C’è da dire che qui in repubblica Ceca, la bellezza dei centri storici e soprattutto delle piazze, viene spesso in parte rovinata dalla presenza delle troppe auto parcheggiate.

Dopo cena torniamo a piedi, in centro a Ceske Budejovice; raggiunta la piazza principale, ci sediamo nelle panchine vicino alla fontana ad ammirare i palazzi e la piazza illuminata, in un’atmosfera tutta particolare.

 

  Martedì     5 / 8      sole                                 Telc  Trebon

                                                                       

Giornata di sole; non tutti mi seguono nell’escursione di oggi: qualcuno preferisce rimanere ancora un po’ sotto le coperte, altri fare qualche giretto a piedi o in bici nei dintorni del campeggio.

Partiamo alle 8 del mattino con destinazione la cittadina di Telc, nella Moravia meridionale, a circa 90 km da Ceske Budejovice; attraversiamo un territorio molto bello e suggestivo, leggermente ondulato dove si incontrano piccoli centri abitati, aree boschive, laghetti, campi coltivati a grano e papavero. La parte più bella di Telc sono le magnifiche case rinascimentali che si affacciano sulla lunga piazza con in fondo il castello e le torri della chiesa di San Giacomo; saliamo poi sulla torre dove si ha una splendida vista a 360° sulla città.

Al ritorno, dopo una breve sosta pranzo nelle vicinanze di un laghetto, ci fermiamo per una visita al paesino di Trebon, sito al centro di una vasta area verde; tale area, molto frequentata dai locali e attrezzata per il tempo libero, presenta  percorsi pedonali e ciclabili tra laghi e stagni, in cui  trovano  rifugio diverse specie di insetti, uccelli e pesci. Il centro di Trebon è tutto raccolto attorno alla sua splendida piazza ed al grande castello con l’adiacente parco.

Ritornati in campeggio in serata, prepariamo  per cena ottime crescentine per tutta la compagnia.

 

Mercoledì    6 / 8     sole                                   Cesky Krumlov

 

Stamane il tempo è splendido; c’è il sole ed in cielo non c’è una nuvola. Andiamo tutti a visitare la stupenda cittadina medievale di Cesky Krumlov, attraversata dalla Moldava, sulla quale scorrono lentamente centinaia di canoe  e kayak. Dopo aver lasciato le auto in un parcheggio in vicinanza del fiume, iniziamo la visita lungo le vie ed i vicoli del centro storico, che si snoda attorno ad una bellissima ansa della Moldava. Saliti sulla torre del castello, dove si ha una vista stupenda della città, proseguiamo poi all’interno del castello, attraverso una galleria coperta e quindi saliamo lungo una panoramica stradina fino ai fantastici giardini all’italiana. Intanto la folla è aumentata; sono quasi le 13 quando riprendiamo la via del ritorno verso il campeggio.

Nel pomeriggio noleggiamo le bici presso il camping (€ 4.5) e facciamo un giretto nei dintorni di Ceske Budejovice; percorriamo circa una ventina di chilometri, in parte su pista ciclabile, attraversando piccole borgate, costeggiando  fiumi, canali e campi coltivati.

 

   Giovedì        7 / 8     sole                                  Rozmberk   Vyssi Brod   Horni Planà

                                                                        

     Anche oggi il tempo il tempo è bellissimo; stamattina andiamo alla scoperta dell’estremo sud della Boemia, al confine con Austria e Germania, dove si trovano il Lago Lipno, attorno al quale ci sono campeggi e centri vacanze, ed il Sumava Park, regione montagnosa e selvaggia dove nasce la Moldava.

     Da Cesky Krumlov risaliamo la Moldava e percorrendo la 160 arriviamo in vista del castello di Rozmberk, situato su di una piccola altura che sovrasta un’ansa del fiume. Dal paese percorriamo a piedi una ripida stradina fino al castello che visitiamo: vista stupenda dalla torre. In auto riprendiamo la strada, immersa nel verde, che corre lungo la Moldava dove ci sono tantissimi canoisti che nella tranquillità più assoluta, scendono lentamente lungo il fiume. Arriviamo così a Vyssi Brod ridente località in riva alla Moldava, molto frequentata dai canoisti che iniziano la discesa sul fiume, con possibilità di noleggio canoe e gommoni. Alla periferia dell’abitato, abbiamo visitato il suggestivo monastero cistercense fortificato di origine medievale, che rispecchia la sua immagine in un laghetto del vicino parco.

     Continuiamo sulla 163 e dopo pochi chilometri, arriviamo in vista del Lago Lipno, turisticamente molto frequentato soprattutto da Cechi. Dopo una breve sosta per il pik-nik in riva al lago nei pressi di Frymburk, attraversando piccoli centri e godendo di belle vedute sul lago,arriviamo ad Horni Plana, il centro più importante del lago Lipno. Lasciata l’auto in paese, abbiamo raggiunto l’area balneare molto bella e ben organizzata, vicina ad un camping; qui ci siamo rilassati un po’ sul prato, godendoci questa limpida e calda giornata di sole, mentre bambini e ragazzi  sguazzavano felici nelle acque del lago.

 

     Venerdì       8 / 8     nuvoloso                         Ceske Budejovice – Praha   km 160 

                                                                            Castelli di  Konopiste e Karlstein  

     Alle 8 partiamo dal camping di Ceske Budejovice, riprendendo la E55 verso Praha; a Benesov facciamo una piccola deviazione con sosta di alcune ore, per visitare il castello di Konopiste che sorge al centro di un grande parco all’inglese. Nel frattempo nubi minacciose si addensano in cielo senza però portare alcuna goccia di pioggia durante la visita.

Alle 13 abbiamo riprendiamo il viaggio ed in circa un’ora raggiungiamo il camping Kotva, nel quartiere Branik, alla periferia est di Praha, dove troviamo un nostro amico che, in tenda, rimarrà con noi fino a ferragosto.                    Dopo esserci sistemati tutti senza problema e visto anche il deciso miglioramento del tempo, alle 16 partiamo in auto per la visita dello splendido castello di Karlstein, arroccato su di un dirupo nella valle del fiume Berounka, un affluente della Moldava, a circa 40 km da Praha. Dall’ampio parcheggio si risale per circa 2 km attraversando il paese fra tantissime bancarelle e arrivando al castello ottimamente restaurato, da dove si gode di una bella vista sulla valle ed il paesino sottostante.

     Verso sera molti camper entrano in campeggio, parecchi sono italiani e con alcuni di loro facciamo amicizia.

 

      Sabato      9 / 8     nuvoloso e sole               Castello di  Krivoklat

                                                                                

     La giornata non promette nulla di buono: il cielo è grigio e le nubi basse minacciano pioggia. Decidiamo di seguire il programma stabilito la sera precedente e quindi di partire ugualmente per Krivoklat, sperando nel miglioramento del tempo: scelta pienamente azzeccata.

     Alle 8.30 lasciamo il camping Kotva, percorrendo prima la E50 poi  l’autostrada D5 verso Plzen con uscita a Beroun per risalire, fra foschia ed alcuni scrosci di  pioggia, la verdissima valle del fiume Berounka ed arrivare dopo circa un’oretta  in vista dell’affascinante castello di Krivoklat, dal quale svetta centralmente l’alta torre.   Intanto il sole ricompare e ci accompagna durante la visita.

     Ritornati in campeggio, nel pomeriggio facciamo una lunga passeggiata lungo la Moldava, con bellissime vedute sul centro storico di Praha e giungendo fino al Ponte Carlo. Al ritorno pendiamo il tram e arrivati in campeggio  troviamo ad attenderci un nostro ‘vecchio’ amico e compagno di tante avventure, giunto con auto e roulotte da Mirandola MO, e che resterà con noi per il resto della vacanza.

 

      Domenica     10 / 8     sole                            Cesky Ray:   Kost   Sobotka   Prachovskè Skaly

                                                                              

     Già dal mattino c’è il sole; oggi visiteremo il Cesky Ray (Paradiso Boemo) un’ampia area della Boemia, a circa un centinaio di chilometri a nord di Praha. Percorrendo la R10 e l’E65 giungiamo a Mlada Boleslan, per poi proseguire sulla 16 verso Jincin e, giunti  nelle vicinanze di Sobokta, visitiamo il castello di Kost, arroccato su di un picco roccioso con alla base un piccolo laghetto in cui si rispecchia l’imponente costruzione.

     Ci spostiamo di qualche chilometro per una breve visita al grazioso villaggio di Sobotka, dal quale si intravede, a poca distanza, la torre del castello di Humprecht.

     E’ quasi mezzogiorno quando, in questa splendida giornata di sole, riprendiamo la strada 16 per giungere all’ingresso del Prachovskè Skaly, lo stupendo parco di rocce di arenaria dalle forme più strane, vicino alla cittadina di Prakov. Parcheggiate le auto e pranzato nell’adiacente area pik-nik, iniziamo questa unica e spettacolare escursione, percorrendo il sentiero segnato in verde lungo 5 km, che presenta stretti ed arditi passaggi fra strane rocce e che permette a volte di arrivare fino in cima ad esse, con scorci panoramici eccezionali in un ambiente da favola.

 

      Lunedì      11 / 8     sole                                  Praha: Centro Storico

                                                                              

     Oggi iniziamo la visita della bellissima città di Praga; alle 9 ci incamminiamo verso la vicina fermata del tram, saliamo sul n. 3 ed in 20 minuti siamo in Vaklavske Namesti (Piazza Venceslao) ed iniziamo la visita del Centro Storico della Città Vecchia, un vero museo all’aperto di architettura, con tanti stili ben integrati fra di loro. Dalla stupenda Staromestskè Namesti  (Piazza Principale) con le Chiese di S. Nicola e di Tyn, il Radnice (Municipio) con la Torre dell’Orologio Astronomico, ci dirigiamo verso il quartiere ebraico con visita alla Sinagoga, ma non al famoso cimitero a causa della troppa fila di gente. Proseguiamo poi verso il Karluv Most (Ponte Carlo) sempre molto affollato, e dal quale si gode di una vista straordinaria del quartiere Hradcani, sito oltre la Moldava, che presenta nel suo interno il Castello e la Cattedrale di S. Vito, verso cui ci siamo poi diretti; lungo il percorso abbiamo attraversato la Zlata Ulicka (Vicolo d’Oro) costituita da minuscole casette con negozi e souvenir. Perfette le condizioni meteo con il sole durante tutta la passeggiata.

    Nel pomeriggio, terminata la visita, riprendiamo nelle vicinanze del Ponte Carlo, lungo la Moldava, il tram 17 che ci riporta, un po’ stanchi ma entusiasti per la bellezza dei luoghi visitati, nel quartiere Branik da dove siamo partiti in mattinata.

 

     Martedì       12 / 8     nuvoloso e sole             Praha:  Collina Petrin e Vysehrad 

                                                                               

     Stamane il tempo è incerto; nella notte ogni tanto è piovuto ed ora il cielo è un po’ nuvoloso ma mostra anche ampi spazi azzurri. Proseguiamo la visita della città di Praga e dedichiamo la mattinata all’interessante visita dei quartieri periferici alla Città Vecchia.

 Saliti sul tram 17, scendiamo al Ponte Carlo poi lo attraversiamo e giunti dall’altra parte del fiume ci dirigiamo verso la vicina Collina di Petrin, una delle più vaste aree verdi della città. Passeggiando lungo i sentieri e le stradine del parco, con stupendi scorci panoramici sulla città, giungiamo in cima alla collina dove si trovano la Torre Petrin (piccola Tour Eiffel di 60 m.) e ampi giardini fioriti, oltre alla stazione di arrivo della funicolare per i più pigri. Scesi dalla collinetta e riattraversata la Moldava saliamo  sul Colle del Vysehrad dove si trova l’imponente Chiesa di San Pietro e Paolo; dai vecchi bastioni si ha una splendida vista sulla sottostante Moldava e la città. Ripreso poi il tram, rientriamo in campeggio verso le 13.

     Nel pomeriggio ci rilassiamo un po’in riva al fiume, poi dopo cena, ritorniamo in centro sempre con il tram per vedere la città di notte, con i suoi palazzi, monumenti, fontane, giardini illuminati e i tanti turisti che passeggiano tranquillamente lungo vie e piazze, fermandosi sul Ponte Carlo ad osservare questo magnifico spettacolo di suoni e luci che li circonda. Sono quasi le 23 quando, mentre stiamo osservando dei fuochi d’artificio lungo la Moldava, iniziano a cadere le prime gocce di pioggia per cui decidiamo di anticipare di una mezz’oretta il rientro in campeggio.

 

      Mercoledì      13 / 8     nuvoloso                      Praha – Brno   km 195

                                                                             

     Oggi è giornata di trasferimento; alle 8 lasciamo Praha e ci dirigiamo verso Brno percorrendo l’autostrada D2  E55 E65.  Usciamo dalla D2 all’uscita 178 di Ostrovacice poi, seguendo la 386 verso Obora, raggiungiamo in poco tempo l’autocamp Obora vicino al lago Brnenska Prehrada.

     Nel pomeriggio facciamo un breve giretto nei dintorni; in auto raggiungiamo il paesino di Rosice e dopo una passeggiatina per il centro e  qualche acquisto  ritorniamo  in campeggio. Nel frattempo è arrivato, in camper, l’ultimo equipaggio previsto, portando la compagnia, anche se solo per 3 giorni, ad 8 equipaggi e ben 19 persone.

 

     Giovedì        14 / 8     sole                                Brno   Veveri

                                                                            

     Stamattina è in programma la visita di Brno. Raggiungiamo in auto la più importante città della Moravia, poi a piedi facciamo un giro nel bel centro storico ricco di piazzette e monumenti tra cui la centralissima  Namesti Svobodi (Piazza della Libertà) e la gotica Cattedrale di S. Pietroso e Paolo in posizione dominante e sopraelevata sulla collina Petrov; saliamo poi al castello dello Spilberk al centro di un bel parco, accuratamente restaurato con la parte superiore utilizzata per mostre e concerti, mentre in basso ci sono le terribili prigioni dove fu rinchiuso Silvio Pellico. Alla fine della passeggiata rientro in campeggio per il pranzo.

     Il tempo è bellissimo; c’è il sole, leggera brezza e temperatura ideale per stare all’aria aperta. Nel pomeriggio, mentre la maggior parte restano in campeggio a prender il sole, io e pochi altri facciamo una breve passeggiata fino allo spettacolare castello di Veveri, situato in posizione sopraelevata sul lago a circa due chilomerti dal camping.

     Intanto stanno giungendo in campeggio tanti motociclisti, per seguire nel fine settimana la corsa di motociclismo che si svolgerà sul circuito di Brno a pochi chilometri da qui.

     Per cena ci si è accordati di fare la “piadina romagnola”, così verso sera le signore hanno iniziato a prepararle,  poi  terminata la cottura sui funzionalissimi barbecue a gas, alle 20 tutta la compagnia al completo si è ritrovata attorno ad una bella tavolata per divorare le gustosissime piadine farcite con affettati e formaggi vari; nel frattempo, dal vicino circuito, alcune mongolfiere si alzavano nel cielo rosa, rendendo ancora più bella questa magnifica serata.

     Dopo cena ci siamo divertiti con giochi, canti e balli vari; tra una risata e l’altra abbiamo fatto anche un po’ di rumore facendo scoppiare qualche petardo, mentre l’allegro gruppo dei motociclisti tedeschi ci rispondeva lanciando in aria dei coloratissimi fuochi artificiali.

 

    Venerdì       15 / 8     nuvoloso e pioggia         Moravsky Kras   Skalni Mlyn

                                                                                                     

    Oggi è ferragosto ma è anche giorno di partenze per tre equipaggi che non continueranno la vacanza in Slovacchia, preferendo ritornare in Italia, via Vienna e trascorrere l’ultima settimana sul litorale veneziano.

     Stamane il tempo è incerto ma partiamo ugualmente per la visita del Moravky Kras (Carso Moravo) una verdissima area carsica a nord di Brno ricca di ruscelli e di grotte. Lasciamo l’auto al piccolo centro visite di Skalni Mlyn per visitare la famosa Grotta Punkevni. Essendoci però posto solo nel pomeriggio, decidiamo di cambiare programma facendo una bella passeggiata sulla stradina che attraversa il bosco e prosegue a fianco di un ruscello fino all’ingresso della grotta Punkevni; continuiamo poi lungo un ripido sentiero, arrivando fino alla sommità dell’abisso di Macocha; intanto la foschia si è dissolta ed è uscito anche il sole. E’ già mezzogiorno quando riprendiamo le auto per il ritorno.  Nel pomeriggio inizia a piovere e continuerà anche per tutta la notte; ciò però non ci impedirà di preparare la fagiolata per cena, con  ingredienti in parte portati da casa. 

 

     Sabato    16 / 8     nuvoloso                        Brno CZ – Liptovsky Trnovec SK  km 341

                                                                               

     Piove tutta notte ma fortunatamente alle 8 smette e così possiamo prepararci meglio per la partenza alla volta della Slovacchia; mentre il nostro amico in tenda ci saluta e ritorna a casa concludendo le ferie, noi alle 8.30 usciamo dal campeggio riprendendo l’autostrada ad Ostrovacice. Intanto il tempo è migliorato e compare  anche un po’ di sole.

     Superato Brno, percorriamo la 50 E50 e dopo una deviazione a Slavkov u Brna (Austerlitz) proseguiamo sempre verso est fermandoci in frontiera per acquistare la vignette (€ 5.3), obbligatoria anche qui per viaggiare sulle autostrade slovacche, e cambiare un po’ di euro in corone. A Trencin entriamo sull’autostrada D1 poi, superata Zelina, dopo una breve sosta per il pranzo,  proseguiamo per l’ottima statale 18 E50 passando Ruzomberok e Liptovsky Mikulas, arrivando verso le 15.30 al camping Liptovsky Trnovec sul lago Liptovska Mara. Il resto del pomeriggio lo trascorriamo passeggiando lungo il lago. Intanto la perturbazione sta velocemente passando ed il sole ogni tanto riesce a farsi vedere spuntando fra le nubi sempre più alte e rade. Il campeggio è frequentato quasi esclusivamente da giovani e da famiglie con bambini, soprattutto in tenda ma anche in roulotte, mentre pochi sono i camper.

 

     Domenica     17 / 8     sole                              Spissy Hrad   Levoca                     

                                                                              

     Stamane il tempo è nettamente migliorato; ci sono ancora nubi  però in fase di dissolvimento. In mattinata partiamo tutti per la visita del più famoso castello della Slovacchia orientale: Spissy Hrad.

     Dopo circa un’ora e mezza di guida su di un’ottima strada, arriviamo alla base dell’ampia collina su cui si erge l’imponente e spettacolare castello medievale di Spissy. In una decina di minuti, saliamo a piedi fino al suo ingresso ed iniziamo poi la visita dell’interno raggiungendo il punto più alto in cima alla torre, da dove si gode di una vista straordinaria a 360 gradi su tutta l’area del castello e dei paesi nella valle sottostante.

     Prima di lasciare la zona visitiamo il vicino paesino di Spisska Kapitula con l’interessante chiesa romanica a due campanili, in parte cinta da poderose mura.

     Nel pomeriggio sulla via del ritorno ci fermiamo nella cittadina di Levoca, il cui caratteristico centro storico è protetto in parte da antiche fortificazioni; all’interno, molto bella è la piazza medievale con il caratteristico Municipio e la gotica Chiesa di San Giacomo che formano  un complesso architettonico di rara bellezza. Saliamo poi sulla vicina collina sopra Levoca per raggiungere il santuario di Marianska Hora in posizione dominante sulla città

 

      Lunedì       18 / 8     sole                                         Nizke Tatry:  Vlkolinec

                                                                                 

     Durante la notte il cielo è stato sgombro da nubi e la temperatura è scesa fino a 7 gradi. Il sole è già alto quando partiamo per visitare il pittoresco villaggio contadino di Vlkolinec, sette chilometri a sud di Ruzomberok sui  Nizke Tatry (Bassi Tatra) tipico esempio di architettura in legno di montagna ed in parte ancora abitato. La bella giornata di sole ci permette di apprezzare ancora di più la bellezza del paesino con le piccole vie e le casette colorate in ottimo stato di conservazione e ben inserite nell’ambiente circostante.

     Ritorniamo in campeggio per il pranzo e nel pomeriggio alcuni si riposano sul prato a bordo lago, mentre altri fanno una passeggiata lungo la riva del lago e sulle collinette adiacenti.

     La giornata è splendida; tanti bambini giocano e fanno il bagno nelle limpide e tiepide acque de lago, c’è chi va in pedalò e chi pesca vicino alla riva. Al tramonto lo spettacolo è unico: il cielo ed il lago si colorano di rosso con tonalità sempre più scure all’avvicinarsi della sera.

 

  

 

 

 Martedì       19 / 8    sole                                  Visokè Tatry,  Zakopane PL

                                                                                 

     Oggi il programma prevede il giro attorno ai Visokè Tatry (Alti Tatra). Sono le 9 del mattino quando lasciamo il camping;  il sole illumina  le alte cime dei Tatra che svettano nel cielo azzurro e limpido senza una nuvola. Percorriamo l’autostrada D1 E50 verso Poprad, al termine della quale proseguiamo ancora per qualche chilometro sulla 18, quindi prendiamo la strada per Strubske Pleso che inizialmente sale fra boschi e pinete poi, a qualche chilometro dal paese, si cominciano a vedere ampie aree senza vegetazione, conseguenza dell’effetto devastante dell’uragano del 2006. Giungiamo  così sulla panoramica 537 che corre in leggero saliscendi toccando i turistici paesini di Stary Smokovec e Tatranska Lomnica, con viste bellissime sui Monti Tatra  e l’ampia valle sottostante.

     Giunti al confine con la Polonia e superato il valico di Lysa Polana, raggiungiamo la graziosa cittadina di Zakopane considerata, e non a torto, la miglir località turistica montana della Polonia. La cittadina è completamente immersa nel verde con parchi cittadini e strade ottimamente alberate; noi abbiamo  percorso le eleganti vie del centro, affollatissime di turisti soprattutto polacchi e abbiamo visitato l’ottocentesca chiesetta tutta in legno ed il vicino cimitero. Ripresa l’auto saliamo sul colle Gubalowka dove ci siamo fermati per il pranzo e dal quale si ha una vista straordinaria sulla città e sulle cime dei Tatra; sulla Gubalowska si può salire anche utilizzando la seggiovia con partenza dal paese.

     Dopo una breve visita al caratteristico paesino di Chocholow, nel quale gran parte delle case sono in legno,  rientriamo  in Slovacchia a Sucha Hora passando per Vitanova e Zuberel, e seguendo una stradina poco battuta che corre lungo torrenti e ruscelli fra una lussureggiante vegetazione, raggiungiamo il lago Liptovska Mara ed il campeggio.

 

      Mercoledì     20 / 8     sole e nuvoloso           Liptovsky Trnovec – Bratislava   km 284

                                                                      

     Il bel tempo continua e ci sarebbero ancora altre cose belle ed interessanti da vedere nei dintorni, però è arrivato anche il momento di iniziare a prendere la via del ritorno.

     Alle 8 lasciamo il campeggio con destinazione Bratislava; ripercorriamo la stessa strada fatta all’andata e superata Zilina entriamo in autostrada, uscendo verso mezzogiorno a Senecka, alla periferia nord della capitale slovacca e raggiungiamo  dopo 2 km, il camping Zlatè Piesky.

     Nel pomeriggio visitiamo il centro storico di Bratislava, passeggiando lungo le eleganti ed animate vie e piazzette del centro e ammirando palazzi, chiese e monumenti di grande interesse storico e culturale, fra cui la torre del vecchio municipio e la gotica Cattedrale di San Martino. Raggiunto il Danubio saliamo al castello, oggi in fase di restauro, dai bastioni del quale si ha una visione panoramica molto bella sia sulla Città Vecchia che sul Danubio, attraversato dal moderno e grande ponte strallato, in cemento armato e cavi d’acciaio, simbolo della Bratislava del passato regime. Il sole sta ormai tramontando, quando lasciamo la città e facciamo ritorno  allo Zlatè Piesky.

 

      Giovedì       21 / 8     sole                              Bratislava SK – Auen, Worther See A   km 415

                                                                                 

     Oggi è giornata di trasferimento; di buon mattino mentre i primi raggi del sole illuminano il grande parco dove si trova il campeggio, iniziamo a preparare camper e roulotte per la partenza. Salutiamo i due camper che proseguiranno per Vienna, mentre le nostre due roulotte continueranno verso il sud dell’Austria, ultima tappa della nostra vacanza estiva.

     Alle 8.30 usciamo dal campeggio ed entriamo a Senecka, sull’autostrada D1 E75, seguendo la direzione Wien-Gyor. La strada gira attorno alla città e superato il Danubio, sempre con il castello in bella vista, qualche chilometro dopo, seguendo la direzione per  Wien, si arriva alla (ex) frontiera austriaca dove è possibile acquistare la vignette (€ 7.70) obbligatoria per viaggiare sulle autostrade austriache.

     Circa 2 km  dopo la frontiera, usciamo a Kittsee prendendo la statale 50, verso Gattendorf ed il lago Neuslander See, attraversando inizialmente un’ampia zona pianeggiante e continuando tra dolci colline, vigneti e tranquilli paesini fino ad arrivare ad Eisenstadt, capoluogo del Burgeland, dove inizia una bella superstrada che in trenta chilometri porta, nelle vicinanze di Winer Neustadt, sull’A2 Wien-Graz. Dopo la sosta per il pranzo  nei dintorni di Graz, riprendiamo il viaggio, e superato Klagenfurt, usciamo a Velden O (est) giungendo alle 16 al camping Weisse Rossl  di Auen, sulla riva sud del lago Worther See, in posizione leggermente sopraelevata e panoramica.

     Sistemate le roulotte, facciamo una breve passeggiata lungo il lago e saliamo poi al vicino campo da golf.

      Venerdì        22 / 8     sole                               Maria Worth   Velden   Keutcshacher See           

                                                                         

     E’ l’ultimo giorno di completa vacanza; domani faremo ritorno a casa. Il risveglio avviene un po’ più tardi del solito mentre il sole risplende sul lago ed illumina i paesini circostanti.  In auto facciamo un breve giro lungo il lago raggiungendo il grazioso paesino di Maria Worth, situato su di un lembo di terra che si protende nel lago,  dove si trovano, sopra due piccole alture di altezza diversa, altrettante chiesette bianche collegate fra di loro da una scalinata coperta. Lasciamo il Worther See per raggiungere il vicino Keutschacher See, un piccolo lago immerso in una natura fantastica dove regna una pace ed una tranquillità estrema, attorno al quale ci sono diversi campeggi ed aree balneari ben tenute e pulite.

     Nel pomeriggio visitiamo la più mondana Velden; la maggior parte della vita cittadina è concentrata nella zona del lungolago: c’è chi prende il sole, chi sta sotto gli ombrelloni vicino all’acqua, chi sta seduto sulle panchine e guarda chi passeggia, chi fa shopping nei tanti negozietti e bancarelle vicine; dal vicino porticciolo partono i battelli per gite sul lago.

     Alla sera siamo andati a cena fuori, in un ristorantino vicino al camping, dove abbiamo mangiato bene e speso una cifra ragionevole e contenuta.

 

      Sabato        23 / 8     sole e nuvoloso           Auen, Worther See  A – San Giov. in Persiceto BO  km 407      

                                                                          

     Alle 7.30 lasciamo il camping e riprendiamo l’autostrada A2 a Velden W (ovest) dirigendoci verso l’Italia. C’è il sole ed il viaggio procede tranquillo e spedito fino ad Udine, poi improvvisamente verso le 9.30 il traffico aumenta ed impieghiamo 45 minuti ad arrivare sull’A4, dove invece il traffico è ancora scorrevole, anche se sui display autostradali vengono già indicate code verso Venezia. Superata l’uscita di S. Donà di Piave dopo alcuni chilometri troviamo i primi rallentamenti ed impieghiamo 70 minuti ad arrivare alla barriera di Quarto d’Altino.

     Abbiamo quindi continuato verso Venezia con traffico molto intenso ma scorrevole, percorrendo regolarmente la tangenziale di Mestre, poi a Padova siamo passati sull’A13 in direzione di Bologna, con traffico limitato. Usciti dall’autostrada a Ferrara Nord abbiamo poi raggiunto San Giovanni in Persiceto BO, arrivando a casa alle 14.45, dopo tre bellissime settimane di vacanza in due fantastici Paesi dell’ Europa Centrale dell’Est.

 


 

                                                NOTIZIE  FLASH

            Viabilità

 

     Molto buone sia le strade principali, con segnaletica chiara e ben visibile, che anche quelle secondarie; da dimenticare invece il tratto di autostrada (circa 40 km) attorno ad Jihlava sulla D1  Praga – Brno, che presenta ancora  una pavimentazione stradale in lastre di calcestruzzo che fanno continuamente saltare le ruote dei mezzi, un vero calvario per chi deve percorrerla. Altro tratto un po’ tormentato è quello sulla 50 E50 da Slavkov u Brna  (Austerlitz) a Uherskè Hradiste a causa dei numerosi cantieri di lavoro per l’ampliamento della sede stradale. Occorre tuttavia sottolineare, come entrambe le nazioni, entrate di recente a far parte dell’Unione Europea, stiano realizzando grandi opere pubbliche per migliorare la viabilità, come nuove autostrade e superstrade; in Slovacchia, nelle vicinanze di Poprad, anche a ferragosto lavoravano per la costruzione di un nuovo tratto autostradale. 

     Traffico intenso soprattutto nelle ore di punta, sul raccordo anulare di Praga e nell’immediata periferia, mentre fuori città e in tutto il resto del territorio si viaggia regolarmente.

     Per viaggiare sulle autostrade è necessario il bollino, diverso per le due nazioni e acquistabile in frontiera e presso i distributori di carburante. Il costo, tradotto in euro, è di € 7.3 ed € 5.3 , rispettivamente per Ceca e Slovacchia, ed è valido per una settimana.

 

           Documenti   Cambio   Guide   Prezzi

 

     Per entrare in questi paesi è sufficiente la carta d’identità. Le frontiere ormai non esistono più e ci si ferma solo per cambiare un po’ di euro in corone o acquistare il bollino autostradale. La polizia si vede pochissimo e nessuno ci ha mai fermato per controllo documenti o altro; soltanto i campeggi hanno chiesto di vedere la carta d’identità o il passaporto.

     Nella Repubblica Ceca abbiamo cambiato nelle banche (€1=kc23) mentre in Slovacchia presso la reception del campeggio (€1=Sk28.3)

     Molto utili, per documentarsi meglio su tutto ciò che si andava a visitare, sono state le guide della Lonely Planet, oltre a quelle verdi europee del TCI.

     I prezzi sono più bassi per quel che riguarda campeggi, parcheggi, ticket castelli musei  ecc. ed alimentari; parecchi i supermercati, molto grandi e ben forniti di tutto. Leggermente più cari i carburanti: ad agosto in Italia il gasolio costava al litro € 1.404 mentre raggiungeva  1.478 in Ceca ed € 1.519 in Slovacchia.

 

                Andamento Meteo

 

     Clima gradevole con notti fresche e giornate soleggiate intervallate a volte da nubi durante alcune ore del giorno; è piovuto qualche volta durante la notte e nel pomeriggio di ferragosto. Le temperature minime sono scese fino a 7 gradi a Praha e Liptovski Trnovec (SK) in notti serene e stellate, mantenendosi però mediamente sui 12-16 °C, mentre le massime in media sui 25°C, hanno raggiunto anche i 31°C in Repubblica Ceca.

 

                 Campeggi

 

    I campeggi in Repubblica Ceca sono numerosi mentre in Slovacchia ve ne sono un po’ meno. In entrambi  i Paesi, essi sono poco segnalati ed i cartelli indicatori spesso si trovano soltanto nelle loro immediate vicinanze; per chi possiede il satellitare non ci sono problemi, mentre per gli altri basta arrivare in zona quando c’è ancora sufficiente luce del giorno.

     Rispetto a quelli italiani  sono di livello e qualità medio bassa, abbastanza spartani ed essenziali; pochi accettano il pagamento con carta di credito. In  genere però sono sempre ubicati in posti molto belli e strategici, dispongono di prese elettriche per camper  e roulotte, docce calde, c’è sempre posto e tanto spazio a disposizione a costi (a parte quelli di Praha) che sono la metà dei nostri. Per ogni area in cui ho deciso di fermarmi, ho cercato di scegliere il campeggio migliore e più comodo per visitare i dintorni.

     Seguirà una breve descrizione dei camping in cui ci siamo fermati durante il nostro viaggio ed il costo di un equipaggio di due persone con auto e roulotte o camper, comprensivo di elettricità.  

 

Autocamp  “DLOUHA LOUKA”                       Ceske Budejovice CZ        37001  Stromovka 8

                                                                                                                         www.dlouhalouka.cz    

     Buon campeggio, spazio in abbondanza, ombreggiato, pulito molto tranquillo, vicino allo Stromovka Park, possibilità di affitto bungalow, noleggio bici e motorini. Si trova a 1500 metri dal centro città raggiungibile in 10 - 15 minuti camminando lungo la ciclabile, e a 500 m. dal centro commerciale. All’arrivo ogni equipaggio riceve una chiave per accedere al locale bagni e docce, tra l’altro ben puliti e funzionali; Costo € 18.

     Provenendo da Linz (A) sulla 3 E55 e superato il paesino di Plana, dopo circa km 1.5 si arriva ad una rotonda dove si prosegue diritti  per 200-300m, fino a che non si vede a destra il cartello con scritto Ceske Budejovice; a quel punto portarsi al centro della strada e con la freccia sinistra fuori e prepararsi dopa 50-90 m a svoltare a sinistra in una corta strada; appena voltato si vedrà il cartello del camping.

 

 

Intercamp   “KOTVA”                                        Praha 4, Branik  CZ       14700   U Ledaren 55           

                                                                                                                     www.kotvacamp.cz

     Abbastanza grande, in parte ombreggiato, in riva alla Moldava e al centro del grande parco fluviale con pista ciclabile fino a Praha centro (km 4) e verso Modrany; servizi puliti e ben funzionali. Ottimamente collegato alla città con i tram 3 e 17 che fermano alla stazione Nadrazi Branik (a 300 metri dal camping) e portano in centro in 20 minuti. I biglietti (€1) si possono acquistare in camping, presso la cabina della reception . Costo € 39.  

     Arrivando dall’autostrada D1 proveniente da Brno, giunti in vicinanza di Praha, si continua sul raccordo anulare sud MO; seguendo E48 E50 verso Plzen e passata l’uscita Kacerov si prosegue verso Branik Plzen E50; dopo 4 km uscire a Exit Branik (non si deve passare la Moldava) si arriva ad un semaforo e si gira a sinistra sulla via Modranska verso Modrany, poi dopo 300 m  al primo semaforo voltare a destra (si passa sotto il viadotto del tram) e seguire i cartelli che indicano “Intercamp”; ancora 200 m e c’è il campeggio.

                                                        

Autocamp   “OBORA                                      Obora,   Brno    CZ             63500   Rakovecka 72

                                                                                                                        www.autocampobora.cz

     Campeggio molto grande, tranquillo e poco affollato (si riempie solo a ferragosto, nei tre giorni del grad prix di motociclismo a costi però quasi triplicati); servizi un po’ vecchi e fatiscenti però funzionanti, affittano bungalow. Costo € 19.

     Situato a 6 km da Brno vicino al lago Brenenska, all’interno di un’ampia area boschiva ben fruibile con piste ciclabili, sentieri e servizio di battello sul lago. Dall’autostrada D2, uscita 178 Ostrovacice, poi strada 386 in leggero saliscendi per sei km fino ad arrivare ad un incrocio dove c’è gia l’indicazionoe ‘Autocamp Obora’, si va a destra e dopo 3 chilometri siete arrivati.

 

Autocamping   “LIPTOVKY TRNOVEC”          Liptovski  Trnovec   SK        03222  

                                                                                                                          www.atctrnovec.sk

     Sembra quasi un campeggio di mare, anche se si trova ad una altitudine di  580 metri. Situato direttamente sul lago Liptovsky Mara, ci si può tranquillamente sdraiare sull’ampia area prativa vicino all’acqua, fare il bagno, andare in pedalò, pescare. Struttura nuova con area giochi per i bambini, ambiente cucina utilizzabile da chi è in tenda, soprattutto in caso di maltempo, possibilità di affittare bungalow, servizi puliti ed efficienti; abbastanza affollato fino alla metà di agosto; a soli 1500 m si trova il grande Acquapark Tatralandia. Costo € 17.

     Superato Ruzomberok dopo alcuni chilometri si entra nell’autostrada D1, uscendo dopo circa 12 km a Liptovsky Mikulas poi seguire la 584 verso Liptovsky Trnovec; il camping è all’inizio del paese.

 

Autocamp   “ZLATE’ PIESKY”                         Zlatè Piesky   Bratislava   SK   82104 Senecka Cesta 2

                                                                                                                                www.intercamp.sk

     Camping prevalentemente di passaggio, inserito all’interno di una vasta area verde e sportiva, in riva ad un  lago in cui si praticano sport acquatici. Abbastanza grande, ben ombreggiato, tranquillo con servizi non troppo eleganti ma puliti e perfettamente funzionanti, possibilità di affittare bungalow. Costo € 20.

     Dall’uscita autostradale di Senecka si va verso Bratislava centro e dopo due chilometri  c’è il campeggio.

 

Camping   “WEISSES ROSSL”                        Auen,   Velden   Klagenfurt   A    9220

                                                                                                                                 http://members.aon.at

     Ottimo campeggio di media grandezza, ben organizzato tranquillo con servizi molto puliti e funzionali, in posizione leggermente sopraelevata con stupenda vista sul lago. Parecchi i camper che arrivano nel pomeriggio e ripartono la mattinata successiva. Costo € 28.60.

     Dall’autostrada A2 uscita Velden West e andare verso Velden poi seguire Worther See Sud e Maria Worth; percorrendo la strada lungo il lago si arriva ad Auen, dove ci sono già i cartelli indicatori del camping a fondo rosso con disegnato sopra un cavallino bianco.

 

Arrivederci al prossimo viaggio                                                           Giuseppe Pritoni            

San Giovanni in Persiceto BO

 

Galleria fotografica


COMMENTI: Lascia il tuo commento prima di tutti gli altri
ATTENZIONE: Per inserire un commento devi prima effettuare l'accesso al sito.

Camper nuovi disponibili in pronta consegna
700 nuovi in pronta consegna

Camper usati e d'occasione
Usato Km.0 Nuovo
Post noleggio Conto vendita

Accessori in primo piano
Brunner 0436020N Aspirapolvere Vortix Wet & Dry Brunner 0436020N Aspirapolvere Vortix We...
Comodissima aspirapolvere ed aspiraacqua a co...
www.camperonsale.it
Brunner 0830001N Portabicchieri Glass Base Brunner 0830001N Portabicchieri Glass Ba...
Portabicchieri in plastica. Colori assortiti....
www.camperonsale.it
In Evidenza Laika Kreos nuovi e usati
Traduci questa pagina
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Seguici sui social!

Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Facebook Seguici sulla nostra pagine ufficiale di Twitter Visita la nostra pagine ufficiale su Flickr Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Instagram
Seguici sulla nostra pagina ufficiale di Pinterest Seguici tramite la nostra pagine ufficiale su Google+ Segui il nostro canale ufficiale su You Tube

Scarica l'app CamperOnLine App CamperOnLine per IOS App CamperONLine per Android App CamperONLine per Windows
Link consigliati Istituto aeronautico Lindbergh Flying School
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair Il tuo prossimo camper nuovo o usato ti sta aspettendo qui CamperOnSale CamperOnRent
Ritorno all'inizio di questa pagina