CamperOnLine.it Home Page
Camping Sport Magenta

Sardegna del Nord - Citta Toscane e Umbre

Sardegna del Nord - Citta Toscane e Umbre

Italia - Chiavari, Arenzano, Genova, Isola dei Gabbian, Isola di La Maddalena, Caprera, P.to Raffael, St. Teresa di Gallura, Isola Rossa, Castelsardo, Porto Torres, Porto Palmas, Porto Ferro, Alghero, Argentario, Saturnia, Pitigliano...
!!

Periodo del viaggio 18/06/20 - 28/09/20 (102 giorni)
Pubblicato da BobbyJames007Visita il profiloContattaInvia una mail il

Leggi il resoconto completo

Resoconto del viaggio

ESTATE 2020: LIGURIA, SARDEGNA, TOSCANA, UMBRIA 
Dal 18 giugno al 28 settembre 2020
Soggiorno lavorativo sull’Isola di La Maddalena e 29 giorni di tour
 

 
18 giugno
Lascio Osnago per Milano 40 km…trascorro qualche giorno da Mamma.

22 giugno
Lascio Milano per la Liguria direzione Genova e poi Chiavari per trascorrere qualche giorno con la mia amica Mara. Parto da Milano alle h. 11:00 per arrivare a Genova e poi Chiavari alle h. 15:00. Causa lavori in corso soltanto una sola corsia in autostrada. Da Genova a Chiavari e viceversa non hanno fatto pagare il pedaggio autostradale. A Chiavari tutti i parcheggi sono out of order per i camper.
Ho trovato parcheggio free vicino all’INPS, alla COOP, fuori dall’autostrada a sx, a circa 30 minuti a piedi dal mare.
Km 240

23-24 giugno
Chiavari mare

25 giugno Chiavari Genova Arenzano Genova
Giornata trascorsa con Mara ad Arenzano, h. 8:30 check in per imbarco Sardegna a Genova.
Km 130
(Costo traghetto euro 203,84: camper, cabina ed 1 persona)
Totale km 410

26-27-28-29 giugno Olbia Isola dei Gabbiani
Il giorno 26 sbarco ad Olbia alle h. 07:30 e mi dirigo verso nord Palau con destinazione Isola dei Gabbiani. Qui c’è un parcheggio pubblico per Euro 15,00 al giorno..in campeggio la tariffa era di Euro 18,00 per cui opto per il “campeggio Isola dei Gabbiani”.
Dopo le operazioni di check-in, scarico acque e ricarico acqua e mi assesto alla piazzola n. 6, in pieno sole. Difficile trovar ombra. Giro in bici perlustrando l’isola (che è una penisola, poiché collegata da un lembo di terra), mi fermo ad un diving center per info e nel pomeriggio spiaggia e relax. L’isola è molto brulla e ventosa, simile alla Maddalena. Infatti è il paradiso per i Kite surfer.
Km 46

In questi giorni ho effettuato due immersioni Euro 130,00 attrezzatura inclusa; classico mare mediterraneo, cernie, polpi, scogli ecc. Carine nel complesso e Martin & Lulu sono carini e brave guide; sono Argentini ed hanno deciso di fermarsi in Sardegna per qualche anno.
Il vento Maestrale è forte e mi da noia, comunque piacevole sdraiarsi al sole poiché sempre ventilato.
N. 4 notti in campeggio euro 80,00 incluso corrente, e tassa di soggiorno (Euro 2 al giorno)

30 giugno Isola di La Maddalena
Euro 27,00 per il traghetto e km 26,50.
Per il momento le mie vacanze terminano qui perché domani inizio a lavorare, ma a settembre il tour riprende.

12 luglio
Immersioni con il Diving Arena 11. Due immersioni euro 100, attrezzatura inclusa.
Daniele il responsabile è molto bravo, cosi come le guide Antonio e Francesco. Immersioni presso “Spargiotto”, un canyon sotterraneo con cernie, barracuda, ecc. e davanti a “punta Tegge” al sud dell’isola ricca di posidonia e pesci mediterranei.

19 luglio
Tour delle Isole con la Motonave Marinella. Da euro 50,00, pagato euro 35,00 in offerta. Una motonave che porta di regola circa 100 persone eravamo solo in 15. Gabriele il capitano è molto bravo.

 
Arcipelago di La Maddalena - Gita in barca​

Molto bello il tour, fantastiche Le Piscine e Cala Corsara. Ma anche Cala Granara e tutte le piccole calette.


Le piscine

La spiaggia rosa di Budelli si può ammirare solo a distanza, l’approdo è vietato per dar modo ai microorganismi delle alghe di riprodursi e ricreare sulla spiaggia la famosa colorazione rosa.

Agosto
Visita delle varie calette a Caprera: Cala Garibaldi, Cala Serena, Spiaggia dopo Cala Serena, Cala Coticcio, Tahiti, Cala Napoletana, Punta Crucitta. Per Cala Coticcio e Tahiti circa 40/50 minuti di trekking fra roccia di granito sotto il sole. Circa 45 minuti di trekking per arrivare a Cala Napoletana. Ho preferito Cala Napoletana a Tahiti.        
                                                                                                                                              
13 settembre
Iniziano le vacanze ... Isola di La Maddalena … Sveglia alle h. 06:16, riesco a partire alle h. 11:00 con camper carico di tutto, acqua inclusa. Mi fermo alla Conad per spesa e quindi traghetto per Palau, euro 14,00.
Mi dirigo a Porto Raffael … mi ha dato l’impressione di una “Porto Cervo dei poveri”… case tutte bianche, piccoli villaggi, carina la piazzetta.
Raggiungo St. Teresa di Gallura, un giro per la città, gelatino e parto per Isola Rossa. Caratteristico centro estivo con rocce rosse ed una spiaggia a mezza luna molto lunga; anche qui giretto e riparto per La Ciaccia. Visita della spiaggia stretta e lunga, niente di particolare e mi sposto a Castelsardo. Riesco a parcheggiare lungo il mare, parcheggio gratuito anche per i camper. Cammino fra le viuzze del borgo antico che è molto pittoresco ed affascinante. Un tramonto fantastico dalla cittadella e mi fermo per la cena. Un giro per i vari negozietti è d’obbligo, anche se tutti hanno gli stessi articoli.  Pernotto al Porto Turistico, parcheggio in piano, gratuito. Ottima soluzione per i camper.
Km 133

14 settembre
Partito da Castelsardo verso Porto Torres lungo il litorale. Località con varie strade che portano al mare, grande la pineta. La spiaggia è molto lunga, si può soggiornare e pernottare al porto turistico molto vicino al centro (l’anno scorso mi ero fermato proprio al porto). Riparto per Argentiera e Porto Palmas. Ad Argentiera ci sono ancora i resti della vecchia città che fu … con le cave d’argento … anche se molto decadente a dire il vero. Porto Palmas è molto carina, una baia a mezza luna, con parcheggio per camper gratuito.
Fino a qui i suddetti luoghi li avevo visitati per la prima volta lo scorso anno, ma ho voluto comunque rivederli.
Parto per il lago Baratz e Porto Ferro. C’è la possibilità di fermarsi nei pressi del lago in parcheggi gratuiti, ma non mi ha entusiasmato, mentre Porto Ferro si. Una baia a mezza luna molto grande e comunque protetta dal Maestrale. Sabbia fine ed acqua trasparente. La prima parte della spiaggia è attrezzata e tessile, mentre la parte terminale è libera e Fkk. Arrivo verso le h. 15:00 e riesco trovare parcheggio all’ombra. Dopo circa mezz’ora di cammino si riesce ad arrivare alla spiaggia. Dormo presso il parcheggio sul mare (sconsiglio il primo parcheggio vicino alla spiaggia poiché ci sono stati furti e vetri rotti). La località si chiama Spiaggia del Porticciolo.
Km 101

15-16-17 settembre
Relax, il parcheggio qui è molto comodo. Durante il giorno all’ombra sotto la pineta e la notte fronte mare, corsette mattutine e relax in spiaggia durante il giorno. Fino a 5 giorni ho piena autonomia.

18 settembre
Oggi in tour. L’acqua in camper è terminata per cui urge un camping service.
Lascio il comodo parcheggio della Spiaggia del Porticciolo direzione Capo Caccia. Lungo la strada trovo il Camping Village Laguna Blu (3 stelle), mi chiedono euro 19,00 per effettuare carico e scarico acqua (ovvero sia l’equivalente di una notte per una persona). Ovviamente ringrazio ma non accetto e proseguo. Un vero Furto!!!
Mi dirigo a Capo Caccia ma non vado a visitare le Grotte di Nettuno, quelle del Bue Marino vicino a Dorgali sono migliori. Promontorio carino e proseguo verso Alghero.
Sulla strada trovo l'area “Paradise Park” e il camper service a euro 10,00. Inoltre la Signora è molto simpatica. Ad operazioni terminate proseguo per Alghero. Parcheggio al porto turistico (gratuito anche per i camper). Ufficio informazioni per recuperare la mappa della città e via ... tour a piedi dalle h. 11:00 alle h. 16:30.
Alghero è proprio bella. Prima una camminata sopra le vecchie mura, poi nel dedalo delle viuzze interne. Un gelato come pranzo e si cammina fino alla spiaggia dove riposo un'oretta.
Rientro in camper, doccia e vado verso la spiaggia Mugoni (fra Alghero e Capo Caccia). Qui sulla spiaggia c’è la “Griglieria Meloni” (suggeritomi dalla ragazza che lavora alla gelateria). Infradito e pantaloncini, tavoli nella sabbia, molto easy: solo carne o pesce alla griglia. Hanno dei pescherecci e vendono il pesce ai ristoranti di Alghero. Ottima ed abbondante grigliata di pesce (due tranci di spada, due di tonno, un calamaro ed una spigola) accompagnato da patatine fritte, insalata e pomodori … veramente abbondante e ottimo! Ovviamente innaffiato da vinello locale, limoncello finale per un totale di 30,00 euro. Lo consiglio vivamente.
Purtroppo, era l’ultima sera che organizzavano cene a causa dei pochi turisti rimasti, altrimenti ci sarei ritornato più volte.
Per la notte ritorno al parcheggio della Spiaggia del Porticciolo poco distante.
Km 68

19 settembre
Giornata trascorsa in spiaggia, questo posto è magico!

20 settembre
Brutto tempo questa mattina, per cui si leggono mail, si prenota il biglietto di ritorno, corsetta e finalmente esce il sole verso mezzogiorno, per cui spiaggia. Nel cercare il biglietto di ritorno ho ovviamente paragonato le varie compagnie di navigazione e non mi capacito della grande differenza di tariffe. La “Tirrenia” è risultata la più costosa (euro 110,00) rispetto la “Grimaldi lines” ad Euro 64,00 (un camper, un passeggero passaggio ponte). Tratta Olbia Civitavecchia.
La sera ho cenato al locale sulla spiaggia del Porticciolo “La Griglieria”; il locale è carino, molto colorato e ricorda un po’ lo stile Messicano. Quindi, memore della grigliata di due giorni prima presso il ristorante Meloni ho ripreso il medesimo menù: vinello, grigliata e patatine … delusione totale! Vino e pesce di bassa qualità ed anche piccole porzione (solo un pezzo di spada, un pezzo di tonno e un calamaro): euro 35,00.
 
21 settembre
Sveglia alle h. 05:35, e partenza alle h. 06:16…caspita è ancora buio, oggi ultimo giorno d’estate, domani si entra in autunno e .. si vede! Purtroppo la luce inizia a diminuire … buio al mattino e buio presto la sera. Il viaggio è veloce, c’è una nuova superstrada a 2 corsie fino ad Olbia, qui mi fermo per la spesa ad un MD che devo dire ho trovato ottimo cibo con tanti prodotti bio a prezzi oggettivamente più contenuti rispetto altri supermercati. Quindi carburante, rifornimento d’acqua.
In Sardegna i distributori non amano dare la possibilità di effettuare il carico d’acqua al camper, ma questo è stato particolarmente gentile. Mi disse che potevo fare qualche “viaggio” con l’annaffiatoio dalla colonnina dell’acqua ma non potevo effettuare il carico diretto con la canna … ad ogni modo ho fatto alcuni viaggi ed ho riempito il serbatoio. Gli ho lasciato 5,00 euro di mancia.
Quindi, verso il porto dove si salpa alle h. 12:30. Dalla Spiaggia del Porticciolo Porto Ferro ad Alghero.
Km 140                                                                        

Totale Km in Sardegna 514,50                                                                                                                                

Sbarco a Civitavecchia. Viaggio in nave tranquillo (7 ore di traversata) trascorrendo un paio d’ore al pc per scarico foto e report e poi ultimo ponte e lettino al sole a leggere e riposare. Allo sbarco sono rimasto sbalordito!!! Nessuno che rilevava la temperatura, nessun tampone …. nulla di quanto comunicato alla radio o televisione. Mi sono recato da un operatore portuale autodenunciandomi dicendo che avevo trascorso quasi 3 mesi in Sardegna fra Olbia ed Alghero e lavorato sull’isola di La Maddalena... e quindi un tampone sarebbe stato necessario … risposta: nessun tampone, anzi vada che ferma il traffico!!!! Ma potrei essere asintomatico...Farò il tampone quando arriverò a casa.                Ho preso la direzione verso Orbetello fermandomi a dormire in area di servizio a circa 20 km da Orbetello.
Km 62 – Totale giornaliero km 202

22 settembre
Sveglia alle h. 05:30, piove, bene lava via un po’ la salsedine dal camper. Colazione e via verso Orbetello e Monte Argentario. Pensavo di effettuare tutto il giro del promontorio in camper, invece ad un certo punto la strada asfaltata diventa bianca non asfaltata … non mi fido di percorrerla in camper, per cui ho dovuto desistere e rientrare verso Porto St Stefano per proseguire verso Porto Ercole. Fortunato, poiché durante il giro aveva smesso di piovere e l’isola del Giglio si vedeva molto bene. Lascio l’Argentario direzione Saturnia. Le piscine costano Euro 25,00 più Euro 15,00 per accappatoio e telo bianco obbligatorio … quindi Euro 40,00 ma saune, bagni turchi ed alcune piscine con cascate chiuse! Mi dirigo quindi verso il parcheggio ed a piedi raggiungo il fiume “bianco azzurro” ricco di zolfo acqua calda e termale, gratuito e … meraviglioso! Si stava benissimo in acqua. Il tempo di trascorrere circa 1 ora ½ in acqua e comincia a piovere … raggiungo il camper, doccia e pranzo.
Prossimo obiettivo Pitigliano la Gerusalemme Italiana. Fantastica!!!! Meravigliosa!!!


Pitigliano

Cittadina arroccata sul monte. Originariamente costruita con solo tufo. La cosa pazzesca è che ad un certo punto, subito dopo una curva ti compare nella sua bellezza mozzafiato. Fermata obbligatoria per foto. Trovo parcheggio dopo la cittadina e quindi percorro a piedi le sue viuzze, scale che scendono e salgono, terrazzamenti dai quali si può godere di una vista su tutta la vallata. Smette di piovere e girovagando per le vie interne acquisto pecorino toscano, pici toscani con condimento cacio e pepe (il classico condimento per pici è l'aglione … ma l’aglio non mi piace).
Mi godo la cittadella camminando circa 1 ora 1/2 e, nonostante la doccia, odoro ancora di zolfo.
Lascio la cittadella direzione Parco dell’Uccellina, obiettivo Alberese. Arrivato ad Alberese, vado verso il mare, ma trovo sbarrato, divieto di camper ecc. per cui ritorno indietro e proprio davanti all’ufficio del turismo c’è l’area sosta per camper gratuita (solo sosta, niente scarico acqua, ma a circa 100 metri c'è la possibilità di fare carico d’acqua). Due chiacchiere con altri camperisti di Bergamo e scopro che l’ufficio informazioni apre alle h. 08:30 e scoppia un temporale... domani vedremo.
Km 260

23 settembre
Durante la notte pioggia a go go … al mattino schiarita. Alle h. 08:30 ufficio informazioni, mappa e via in bici dalle h. 10:00 alle h. 16:00 … ben 6 ore di bicicletta in parte costeggiando il Parco dell’Uccellina (costeggiando perché è vietato entrare in bici nel parco). Pista ciclabile fino alla Marina di Alberese costeggiando il parco e comunque vedi vari animali, poi seguo la pista ciclabile verso il ponte sul fiume Ombrone fino a Grosseto. Giro sulle mure esterne di Grosseto, centro storico (dove la bici devi condurla a mano), Duomo, pizzetta al trancio per pranzo … bel centro cittadino. Proseguo poi per Marina di Grosseto, molto bellina e grande con spiagge attrezzate e libere, ovviamente deserta considerando il periodo. Proseguo per Principina a Mare un po’ più “selvaggia” rispetto Marina di Grosseto, e cerco la ciclabile per Alberese … ma mi perdo. Mi affido al navigatore del cellulare ma il navigatore indica N piste bianche che in realtà sono proprietà privare … per cui chiedo ad alcuni passanti la maggior parte tedeschi … ci sono N furgoni e camper targati Deutschland. Ad un certo punto seguo l’argine del fiume e mi porta all’interno del parco, proseguo per la strada sterrata … ed improvvisamente alla mia destra esce un bamby che saltella e corre spaventato dalla mia presenza, poco più avanti una fagiana bella grossa … Caspita sono all’interno del parco ed è vietato!!!!  Fortunato a non incontrare un guardia parchi, altrimenti multone!
Alla fine della strada sterrata mi ritrovo al punto di partenza!!! Ho girato in tondo, pedalando quasi 1 ora nel parco … per fortuna ad un certo punto vedo una Signora uscire da una villetta, la chiamo e strimpello il campanello per attirare la sua attenzione, la raggiungo, le spiego che mi sono perso, che dovrei rientrare ad Alberese. Per fortuna mi indica le corrette viuzze e raggiungo la ciclabile per Alberese e quindi il camper. Anche se stanco carico la bici, la copro, doccia, un tè caldo, rifornimento di acqua e decido di partire per Castiglione della Pescaia.
Strada facendo si scatena un diluvio pazzesco da spostare il camper durante la guida. Per fortuna smette di piovere arrivato a Castiglione. Trovo un benzinaio, carburante e chiedo info dove poter sostare. Poco distante c’è l’area camper a pagamento, ma trovo posto presso il parcheggio gratuito vicino al porto.
Alle h. 19:00 vado in tour per Castiglione della Pescaia, aveva smesso di piovere, per cui il cielo si stava schiarendo, l’arcobaleno era in cielo, il tramonto sul mare con il cielo cupo all’orizzonte … una tavolozza da pittore, meraviglioso. Il borgo antico è magico, bellissimo, pittoresco. Decido di fermarmi fuori a cena e trovo un ristorantino che mi attrae “Il Granaio”. Un posticcino veramente carino con giardino all’interno. Cena eccellente: insalata di mare calda su letto di ceci, trancio di Ombrina con pomodorini, capperi, olive, tortino caldo di ricotta con pere, due calici di vino … qualità del cibo, ottima! Euro 43,00 non proprio una cena economica ma eccezionale, la migliore ad oggi. Dopo cena camminata lungo il porto ed alle h. 21:30 arrivo in camper. Giornata intensa e piena.
Km 57
 
24 settembre
Sveglia alle h. 06:00, taiji, colazione e parto direzione Punta Ala … niente di particolare. Grande pineta fronte mare, lunga passeggiata in pineta, spiagge lunghe e sabbiose, zona residenziale.
Riparto per Pienza Un bel borgo medioevale costruito con pietra toscana, viuzze carine. Famoso per il Pecorino e ne acquisto ben due tranci di diverse stagionature.
Proseguo per Montepulciano, borgo arroccato sul monte molto bellino, simile a Pienza ma non in piano. Acquisto pici e proseguo per Castiglione del Lago sul lago Trasimeno. La cittadella vecchia domina il lago, protetta dalle mure.
Un trancio di pizza come pranzo e proseguo per Perugia.


Perugia

Anche Perugia è arroccata su un colle. La parte “vecchia” molto carina, grande centro storico, interessante anche il vecchio acquedotto della città. Riparto per Assisi. …. ma a circa 10 km a Bastia Umbra mi salta la frizione, o meglio il pedale della friziona non ha più ritorno. Mi fermo al primo distributore chiedendo dove sia un meccanico e per fortuna a 3 km c’è proprio un meccanico Volkswagen (il mio camper monta motore W). Riesco ad inserire solo la prima marcia … sono 3 km molto lunghi ed ovviamente la velocità è ridotta … così ridotta che vengo fermato da una vigilessa che esorta “ ma Lei và così piano perchè trasporta uova?” Le ho spiegato la situazione e ovviamente mi lascia andare. L’officina meccanica si trova nell’area industriale con parcheggio piano. Mi fermo proprio davanti, sono le h. 18:30 e secondo il capo meccanico il problema potrebbe essere la pompa, vedremo l’indomani mattina.
Dormo qui di fronte l’officina. Ovviamente chiamo il mio meccanico e gli spiego il tutto. Anche secondo lui potrebbe essere la pompa, ma considerando i chilometri del camper ed il cambio che dovranno smontare mi consiglia di cambiare anche la frizione “già che ci siamo” , lavoro che comunque sarebbe stato in programma al prossimo tagliando.
Km 255

25 settembre
h. 08:15 apre l’officina e dopo poco mi fanno entrare ….. accomodato in ufficio ed il camper in “sala operatoria” dopo circa 25 minuti il capo officina mi comunica che si è rotto il cilindro della pompa e per cui perdeva olio. Ad ogni modo bisogna smontare tutto il cambio … e già che è smontato gli dico di sostituire alche la frizione. Cercheranno di fare il possibile per consegnarmelo in serata o al massimo il giorno seguente, dipende dai pezzi di ricambio.
Il titolare si offe di accompagnarmi ad Assisi in auto, distante circa 10 km. Arrivo ad Assisi alle h. 09:30 e cammino fino alle h. 14:30 visitando chiese, santuari, rocca maggiore, viuzze, ecc. Nel santuario di San Francesco entro con l’audio guida, mentre la rocca maggiore la visito da solo leggendo le varie info. Ad un certo punto, in tarda mattinata mi chiama il capo officina avvisando che sarebbe meglio sostituire anche il volano per fare un bel lavoro e considerando i chilometri del camper. Che fare? Gli do l’ok per la sostituzione! Alle h. 14:30 inizio il percorso di rientro verso l’officina … Cammino per  circa 1 ora e poi autostop, inizia a piovere. Si ferma un auto e colgo un passaggio per un tratto di strada.


Assisi

Entro nel paese di Bastia Umbra e … mi perdo, nel senso che io mi sono si diretto verso l’area industriale … ma quella sbagliata! Ad un certo punto chiedo ad una officina ed il meccanico mi dice che devo recarmi presso l’atra area industriale. L’unico paesino che ha ben due aree industriali una ad ovest e l’altra ad est!
Gentilmente si offre di darmi un passaggio in auto (10 minuti di auto). E piove, piove, piove.
Il camper è quasi pronto e sicuramente me lo consegnano per questa sera … arriva anche il conto Euro 1.790,00!
Gulp! non pensavo di spendere così tanto, ma il “volano” costa 1000 euro! 
Triste, abbacchiato, pago, ritiro il camper e mi sposto nel parcheggio cercando di capire cosa fare. Piove, sistemo i conti, con la mappa in mano pianifico i prossimi giorni, e nel frattempo grandina.
Passata la grandine decido di guadagnare tempo e mi dirigo verso Gubbio.
Parcheggio proprio sotto la cittadella vicino al museo dei dinosauri. Nonostante la pioggia decido di fare un giro per la cittadella … è buio, pioggia e vento si intensificano.
Ritorno al camper con le scarpe bagnate, infreddolito. Doccia calda, accendo la stufa e preparo uova con polenta (quella svelta ovviamente). Fuori, piove ancora.
Km 63,50

26 settembre
Sveglia presto, alle h. 07:00 girovagavo già per le viuzze del borgo di Gubbio. Bellissimo borgo medioevale, molto più grande ed affascinante rispetto Assisi. Passeggio fra stradine ancora vuote, e piano piano il borgo prende vita, la gente si sveglia, affluisce fra le stradine, i negozi si aprono, le campane rintoccano fra le mure del borgo … meraviglioso. Lascio questo meraviglioso borgo (ma vorrei ritornarci per trascorrere qualche giorno facendo trekking) direzione Siena. Trovo parcheggio gratuito sotto la “Porta Romana”.
Siena, città fantastica!!! Piazza del Campo, la Torre del Mangia (chiusa causa covid), il Duomo, la Rocca, la casa di Santa Caterina, le fonti Medioevali, le sue viuzze così pittoresche … proprio bella, bella!



Lascio Siena per St. Gimignano. Grande parcheggio gratuito fuori dal paese (direzione parcheggio dei pullman), ma comunque 10 minuti a piedi e sono subito nel centro della cittadella. Borgo molto simile a Gubbio, girovago fra le mure fino alla rocca, Piazza della Cisterna, le fonti romane, varie piazzette interne. Paesaggio magico. Mi fermo per la notte al parcheggio.
Km 215

27 settembre
Parto per Empoli, si trova sulla strada per Pisa, per cui mi fermo a visitare il centro, la casa in marmo verde e bianca. Cittadella non più medioevale, ma già attuale.
Proseguo per Pisa. Parcheggio gratuito vicino la cittadella lungo la linea ferroviaria. Circa 10 minuti a piedi da Piazza dei Miracoli. Caspita che bella … monumenti puliti, restaurati da poco, quasi accecante nel loro candore. Il Duomo, il Battistero, il cimitero monumentale, ed ovviamente la Torre pendente. Euro 25,00 il biglietto per visitare il tutto. Ovviamente la cosa più divertente ed emozionante fu la visita alla Torre. Ottima la scelta di salire per ultimo i gradini … ed è la salita la parte più bella ed emozionante della Torre. Alcune volte ti sembra di andare in discesa mentre stai salendo, la sensazione di camminare storto, da provare. Chiaramente raggiunta la cima la vista sulla città è molto bella, ma abbastanza scontata. La discesa carina, ma mai quanto la salita. Per cui un consiglio: salite per ultimi e godetevi la salita, proseguo per Piazza dei Cavalieri, varie viuzze per la città, le strade del centro, la cittadella e ritorno al camper lungo il fiume Arno.
Telefono alla mia amica Mara di Genova chiedendole se le andasse una cenetta insieme e parto per Genova.  Arrivo sul tardino e non è semplice trovare parcheggio. Alla fine lo trovo vicino alla chiesa “brutta”. Cena e pernotto da Mara.
Km 293

28 settembre
Dopo colazione, Mara mi accompagna al camper in scooter, acquisto la mitica focaccia e parto per casa. Arrivo ad Osnago alle h. 15:00. Impiego ben 5 ore a scaricare il camper (incluso lenzuola, tende e copri dinette, ...).
Km 190

Un gran bel tour 13 giorno in Liguria ed Isola dei Gabbiani in Sardegna e poi altri 16 giorno fra Sardegna del nord, città Toscane, Umbre. La scelta di percorrere solo la Sardegna del nord perché l’anno scorso feci il centro, il sud, l’est e l’ovest (vedi report Estate 2019) e non essendo mai stato in Italia centrale ed avendo sempre sentito parlare delle città Toscane Umbre. Ecco la scelta con ritorno su Civitavecchia da Olbia.
Molto contento, anche se il danno al camper mi è costato un bel “fuori programma”.

Km totali 2.320 con pernotto sempre on the road, tranne soggiorno sull'isola dei Gabbiani.                                                                               
(410 in Liguria – 514,50 in Sardegna – 1.395,50 fra Lazio, Toscana, Umbria, Liguria, Casa Lombardia)

RobyBobbyJames007


Spese Viaggio:
Autostrada                         Euro      41,50
Traghetti                            Euro    312,24
Carburante gasolio            Euro    264,00
Gpl x servizi in camper      Euro      13,50
Campeggi e Parcheggi     Euro      95,00
Ristoranti e bar                 Euro    282,12
Spesa Cibo                       Euro    450,73
Vario                                 Euro    401,80 (fra regali, immersioni, visite a palazzi, musei, ecc.)

Totale parziale               Euro 1.860,89
Danno camper                Euro 1.790,00
Gran totale                    Euro 3.650,89
 

Galleria fotografica


COMMENTI: Lascia il tuo commento prima di tutti gli altri
ATTENZIONE: Per inserire un commento devi prima effettuare l'accesso al sito.
Traghetti per isole e Paesi del Mediterraneo, prenotabili online!

Traghetti per Sardegna e Corsica

Parco archeologico di Classe - Ravenna

7400 aree di sosta camper in 16 Paesi Europei!

Sosta gratuita presso 1500 aziende agricole di Francia


Traduci questa pagina
App Camperonline
Stampa questa pagina Stampa
Stampa questa pagina
Ritorno alla pagina precedente COL Magazine, per approfondire i temi dei viaggi in camper CamperOnLine.it, tutte le informazioni in rete per il turista pleinair
Ritorno all'inizio di questa pagina