April 14, 2024

Arrivano anche sul nostro mercato gli attesi Lineo T, l’inedita gamma di semintegrali a larghezza ridotta di casa Bürstner allestita su base Ford Transit: ecco i primi due modelli che sono stati svelati

Prende il nome di Lineo T l’ultima risposta di casa Bürstner alla crescente domanda di veicoli compatti. Si tratta di un’inedita gamma di semintegrali a larghezza ridotta che, seguendo la scia delle attuali tendenze del mercato, adotta la base meccanica del Ford Transit. Una serie nata dunque con l’obiettivo di ampliare ulteriormente l’offerta della factory tedesca, riprendendo però, in tutto e per tutto, il conosciuto family-feeling tipico delle realizzazioni targate Bürstner. E considerata l’alta attenzione riposta anche dell’utenza italiana verso tale tipologia di veicoli, ecco che con l’arrivo della primavera i primi esemplari di Lineo T approdano anche sul nostro mercato.

Partiamo dando un primo sguardo esterno ai nuovi arrivati: gli inediti Lineo T sembrano dei veri e propri Bürstner. Lo suggeriscono le tipiche grafiche, dai differenti toni del grigio abbinati al colore rosso, che disegnano le fiancate laterali, come anche i bordi arrotondati del tetto e della parete posteriore, decisamente moderni e piacevoli alla vista, e, non ultimo, lo suggerisce l’inconfondibile specchio di coda, con lo spoiler superiore dalle forme curvilinee, dove spicca il tradizionale terzo stop integrato nel logo Bürstner, e la fanaleria a sviluppo verticale. Nuove, invece, le forme del filante cupolino anteriore, realizzato in vetroresina, studiato per integrarsi al meglio con i tratti della cabina del Ford Transit. La scocca è impreziosita inoltre dall’adozione delle finestre a filo carrozzeria con telaio in alluminio e da due elementi che attirano subito l’attenzione: i cerchi in lega da 16” di colore nero e un’insolita barra cromata a protezione dello spoiler anteriore. Due accessori inclusi nel pacchetto opzionale denominato “Active”, che donano decisamente un tocco di sportività a questi semintegrali.

Due sono i primi modelli svelati di questa gamma, entrambi contraddistinti da uno schema abitativo che vede la presenza dei ricercati letti gemelli in coda posizionati su garage, ma sviluppato su due lunghezze differenti. La base meccanica del Ford Transit è stata adottata, su entrambi, nella versione Heavy Duty con passo da 375 cm, offerta di serie con propulsore 2.0 TDCi capace di erogare 130 CV e una dotazione piuttosto completa.


Il più corto prende il nome di Lineo T 620 G e presenza una lunghezza complessiva pari a 660 cm, a fronte di una larghezza ridotta di 220 cm e un’altezza che si attesta a 285 cm. Lo stile dell’arredo è quello tipico delle realizzazioni di casa Bürstner: tinte chiare del mobilio disegnato da linee tese, ante pensili laccate e piani scuri per creare un piacevole contrasto. Un insieme minimalista ma accogliente, impreziosito anche dall’illuminazione indiretta d’ambiente.

Anteriormente spazio a un living in grado di accogliere fino a cinque persone, grazia alla semi-dinette integrata dai sedili girevoli della cabina di guida e coadiuvata da una poltroncina laterale.

La cucina si sviluppa invece linearmente a lato dell’ingresso; ospita nella superficie un monoblocco realizzato in acciaio inox, che ingloba un fornello a due fuochi e il lavello, mentre nella parte inferiore è stato inserito un frigorifero trivalente da 90 litri.

Sul lato opposto, la toilette non poteva che adottare la soluzione a volume variabile, da sempre la scelta preferita da casa Bürstner da adottare sui semintegrali dalle dimensioni più contenute, in grado così di offrire il massimo della funzionalità anche in abitacoli più piccoli. La rotazione della parete con lavabo integrato consente infatti la creazione di un box doccia separato.

Come accennato, la camera di coda di coda ospita due letti singoli gemelli, dall’accesso facilitato grazie alla presenza di ben tre ampi gradini fissi centrali. Sono provvisti di piano con rete a doghe e riscaldamento perimetrale che scorre all’interno delle paretine anticondensa. Nella loro parte inferiore sono invece stati collocati i due armadi guardaroba.

Il fratello maggiore si chiama Lineo T 690 G e la sua lunghezza sfiora i sette metri, attestandosi per la precisione a 699 cm, mantenendo invariate la larghezza e l’altezza del modello più piccolo.

Da quest’ultimo, il Lineo T 690 G riprende al suo interno anche il medesimo sviluppo soggiorno anteriore, del locale bagno e del blocco cucina, nonchè la stessa camera da letto posteriore.

I centimetri in più vanno invece a beneficio in primis della parte centrale dell’abitacolo. La cucina è infatti qui dotata di un frigorifero a colonna in conformazione slim, mentre a lato del bagno è stato ricavato un terzo armadio guardaroba sviluppato a tutt’altezza. Maggiore è inoltre anche la volumetria di carico disponibile all’interno del gavone garage.

Fotogallery

Davide Bon

Comments are closed.